Autore:
Danilo Chissalè

ADESSO SÌ! Tutti l’aspettavano l’anno scorso ad EICMA, lei si è fatta attendere, come fanno le vere star. La star in questione è la BMW S1000RR che finalmente sembrerebbe essere pronta per fare il suo debutto ad Intermot o, al più tardi ad EICMA 2018. Un’ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, arriva da Genesio Bevilacqua, proprietario del team Athea che gareggia nel mondiale SBK proprio con la sportiva bavarese. Intervistato dai colleghi di GPOne, ha confermato il debutto del nuovo modello nel prossimo campionato del mondo delle derivate di serie, non nascondendo una velata preoccupazione sul livello di competitività rispetto alle più rodate avversarie.   

SU STRADA I dubbi di Bevilacqua, sicuramente fondati nell’ambito racing, perdono peso nel mondo reale, lontano dai cordoli dei circuiti. Il rinvio di un anno avrà sicuramente permesso ai tecnici BMW di mettere a punto una moto valida che, nella sua versione 2019, si preannuncia ricca di novità, la maggior parte delle quali al di sotto dei carter motore.

CONTRO CORRENTE Le foto spia scattate la scorsa estate ad una moto di collaudo mostravano chiaramente un motore diverso esteriormente e, quasi certamente, anche al suo interno. Non ci siamo sbagliati, la grossa novità del nuovo 4 cilindri in linea BMW sarà l’albero motore controrotante, proprio come quello della Ducati Panigale V4, sua acerrima rivale in anni di comparative giornalistiche. Ora apro un piccolo angolo del mal pensante: e se il debutto fosse slittato per non passare in secondo piano rispetto alla rivale, magari più performante? Fine dell’angolo del mal pensante. La S1000RR sarà la prima sportiva ad aggiornarsi dopo la nascita della Panigale V4, aspettarsi un incremento di potenza che avvicini i 214cv della sportiva italiana è tutt’altro che illecito.

HI-TECH L’avvento dell’elettronica sia nelle corse, sia sulle sportive di serie è ormai un dato di fatto. BMW non ha fatto grossi sacrifici negli ultimi anni in questa direzione e, dopo 8 anni di onorato servizio, rinnoverà profondamente l’elettronica del suo missile. L’obiettivo è sfruttare al meglio il potenziale della piattaforma inerziale e rendere più efficaci traction control, anti impennata e ABS. Anche l’occhio vuole la sua parte, specialmente quando si tratta di moto con un prezzo da berlina media, in quest’ottica sarà probabile l’utilizzo del nuovo schermo TFT BMW già equipaggiato su R 1200 GS, F 850 GS e sullo scooter C 400 X.


TAGS: bmw bmw s1000rr bmw motorrad bmw moto superbike bmw moto bmw 2019 nuova s1000rr