Autore:
Lorenzo Centenari

PER UNA CIFRA Ci sbagliavamo di poco, quando per il nuovo Suv elettrico dei Quattro Anelli, un modello di dimensioni inferiori ad Audi e-tron, scommettevamo sul nome Q3 e-tron. Il secondo capitolo della saga zero emission si chiamerà invece Audi Q4 e-tron. E come promesso, al Salone di Ginevra 2019 ne vediamo ora una versione molto vicina al futuro prodotto di serie, in calendario per fine 2020, massimo inizio 2021.

PERSONALITÀ Si pensava al nome Q3 essenzialmente in base al fatto che ingombri e proporzioni del nuovo Suv elettrico, 4,59 metri di lunghezza, saranno a tutti gli effetti confrontabili con quelle del collega a combustione interna, tuttavia è già noto come la piattaforma meccanica (MEB) di Q4 e-tron concept sia differente e specifica per le vetture a batteria. A tutto vantaggio dell'abitabilità a bordo, più vicina a quella semmai restituita da Audi Q5. Quanto allo stile, prepariamoci alle forme classiche del Suv-coupé e a tratti simili a quelli che già distinguono e-tron quattro: maxi calandra, fari sottili, fiancata infossata e ruote di grande diametro (22 pollici). All'interno, geometrico design minimalista e control unit digitale, pochi comandi fisici e un display centrale da 12,3 pollici fortemente orientato lato guida.

TECNICA Le cifre, ora, che individuano il cuore di Q4 e-tron. Due motori elettrici, uno anteriore, l'altro al retrotreno, per una potenza combinata di 306 cv scaricata sulle quattro ruote. Ne consegue che l'auto accelera da 0 a 100 km/h in 6,3 secondi e raggiunge una velocità autolimitata di 180 km/h. La grossa batteria (510 kg) ha una capacità di 82 kW, valore che si esprime in un'autonomia di 450 km. Tempi di ricarica inferiori alla mezzora (con colonnine da 125 kW) per recuperare l'80% dell'energia. Un anno o poco più, e la seconda elettro-Audi scenderà dal piedistallo.


TAGS: auto elettrica ginevra 2019 audi ginevra 2019 audi q4 e-tron concept