Autore:
La Redazione

GUARDIA SVIZZERA La nuova generazione di BMW Serie 3 ha esordito al Salone di Parigi 2018, a sua sorella Serie 3 Touring spetta invece la vetrina del Salone di Ginevra 2019. In attesa che l'Elica tolga i veli alla versione definitiva, ecco qualche scatto spia dal Nord della Svezia, proprio nei pressi del Centro prove invernale BMW. Frontale ovviamente identico alla berlina, tettuccio inclinato verso la coda giusto di qualche grado, portellone posteriore individuato infine da un pronunciato rigonfiamento all'altezza dei gruppi ottici.

A MATURAZIONE Quando si pensa a BMW, sicuramente Serie 3 è tra le prime auto a materializzarsi nella mente. In configurazione wagon, Serie 3 Touring è riuscita a farsi apprezzare in lungo e in largo anche sul nostro mercato, potendo contare su una folta schiera di appassionati. In vendita dall'autunno 2019, la nuova generazione porta con sé tutte le feature tecnologiche garantite dal progetto G20, a cominciare dall'assistente vocale, passando inoltre er i molteplici ADAS che avvicinano l'auto ai più elevati standard di guida autonoma (o semiassistita). Crescono anche comfort di bordo e capacità bagagliaio: la concorrenza dei Suv va pur contrastata.

DIESEL E BENZINA Lofferta propulsori sarà identica a quella di Serie 3 berlina, con la gamma diesel composta dunque dal 4 cilindri 2 litri da 150 o 190 cv (318d Touring e 320d Touring) e dal 3 litri 6 cilindri da 265 cv della 330d Touring. Lato benzina, ecco 320i Touring (184 cv) e 330i Touring (258 cv). Più avanti, anche il 6 cilindri della M340i xDrive da 386 cv e l’ibrido plug-in (2020) di 330e, 252 cv e 60 km di autonomia in elettrico. Improbabile invece la variante M: quella delle wagon high-performance resta un feudo Audi (RS4 Avant) e Mercedes (C 63 AMG SW). Poco male, dirà lei.


TAGS: bmw serie 3 bmw serie 3 touring bmw ginevra 2019 bmw ginevra 2019