URBAN ANTISTRESS Il traffico delle città scoraggia l'impiego dell'auto? Citroen Ami One, ovvero: come sgattaiolare tra le vie del centro su una quattro ruote, con la stessa agilità di una due ruote. Al Salone di Ginevra, ecco come il Double Chevron interpreta la soluzione alla sempre più diffusa chaos anxiety. Ami One è il concept di una citycar dall'impronta a terra quasi "cubica" (2,50 metri di lunghezza, 1,50 m di larghezza, 1,50 m di altezza), a propulsione elettrica, inoltre avvolta da un ecosistema digitale così "smart" (e il riferimento alla sua musa ispiratrice non è un caso), che ogni funzione (dall'acquisto all'utilizzo, passando per i servizi di bordo) può essere gestito da uno smartphone. Ah, si guida anche senza patente, basta aver compiuto 16 anni. Guarda il nostro video live.

DIGITAL CITROEN Primo aspetto, la sua natura di vettura a zero emissioni. Le batterie agli ioni di litio di Citroen Ami One Concept restituiscono 100 km di autonomia e si ricaricano al 100% in 2 ore (da colonnina pubblica o da wallbox). La velocità massima è di 45 km/h, meglio quindi non avventurarsi oltre l'anello delle tangenziali. Ma il suo valore aggiunto si misura in chiave digitale: accesso a bordo tramite smartphone, head-up display come interfaccia uomo-macchina, l'applicazione Charging Pass per individuare le stazioni di ricarica, Trip Planner per la navigazione intelligente. Non è tutto, perché dal display del cellulare è possibile anche noleggiare l'auto, anche solo per un singolo spostamento da una parte all'altra della città. Sarà così che intenderemo l'auto nei prossimi anni? Citroen si sbilancia, e c'è da scommettere che la realtà non sarà poi così diversa.


TAGS: auto elettrica ginevra 2019 citroen ginevra 2019 citroen ami one concept