Autore:
Lorenzo Centenari

PUNTI DI VISTA Se fosse un jet privato, non sarebbe poi così caro. E invece la Bugatti Voiture Noire ha quattro ruote, e tra i quadrupedi della sua specie nessuno ha mai osato chiedere un prezzo tanto stratosferico. Chissà, col senno di poi l'ufficio vendite avrebbe persino potuto sparare una cifra maggiore, dal momento che l'unico esemplare costruito è già stato assegnato. Alle modiche condizioni di 11 milioni di euro, tasse escluse. Tra le auto esposte al Salone di Ginevra, La Voiture Noire è un gradino sopra, e non solo causa etichetta prezzo. Guardatela: non ha un ché di divino?

OPERA D'ARTE Realizzata allo scopo di celebrare i 110 anni dalla fondazione di Bugatti e ispirata alla celebre Tipo 57 SC Atlantic del 1938 (la pinna dorsale che corre lungo il tettuccio), La Voiture Noire è una fuoriserie in tutti i sensi: Gran turismo per le prestazioni, limousine nell'anima per comfort e tecnologia. Senza falsa modestia, il designer Etienne Salomé la definisce "la coupé dalle linee perfette". Come dargli torto. Dietro il lussuoso abitacolo e sotto la carrozzeria in fibra di carbonio, lo stesso 16 cilindri da 8 litri che equipaggia anche Bugatti Chiron: 1.500 cv, 1.600 Nm, un set di 6 tubi di scarico da intimidire un lanciafiamme. Così a occhio, la visibilità posteriore non è il massimo. Poco male, difficile che La Voiture Noire subirà un solo sorpasso in vita sua. Perché è veloce come il vento, ma soprattutto perché è bella che mette in soggezione. Chi la comprerà? Sembra che un candidato sia un certo Cristiano Ronaldo...


TAGS: one-off hypercar ginevra 2019 bugatti ginevra 2019 bugatti voiture noire