Pubblicato il 24/10/2018 ore 20:30

TASSELLO MANCANTE Le prime scrambler di Triumph risalgono agli anni ‘60. A distanza di quasi 60 anni dalla prima fa il suo debutto la nuova Triumph Scrambler1200. Triumph non si accontenta di presentare una sola moto, decidendo di dar vita a due moto simili nell’estetica ma leggermente diverse nei contenuti. Dopo averveli anticipati quest'estate ve li raccontiamo dal vivo, in attesa che possiate vederli anche voi al prossimo EICMA 2018

A TUO GUSTO Le due versioni in questione si chiamano XC e XE: la prima si potrebbe considerare come versione base dalla quale è nata la più specialistica XE. Triumph ci tiene a specificare la bontà del progetto in entrambe le “salse”. Entrambe hanno grafiche e colorazioni dedicate, per aiutarci nel distinguerle la Casa di Hincley ha dotato la XE di steli forcella di colore oro, paramani con anima in alluminio, pompa freno Brembo MCS e manubrio specifico. Su entrambe le Scrambler1200 le finiture sono al top della categoria, non manca inoltre la possibilità di personalizzare la moto attingendo da un catalogo accessori ricchissimo che comprende anche una linea di abbigliamento dedicata. A fare chiarezza ci pensa Triumph, proponendo ai suoi potenziali clienti due suggerimenti di personalizzazione, una più turistica denominata Escape, l'altra più orientata al Off Road.

Nuova Triumph Scrambler 1200 XE

HIGH POWER Il motore è lo stesso bicilindrico parallelo da 1.200cc che spinge la sportiva heritage Thruxton, opportunamente modificato per ben adattarsi allo stile tipico delle moto Scrambler. La potenza massima è di 90 CV a 7.400 giri mentre la coppia massima (110nm) è disponibile già a 3.950 giri. A comandare il motore ci pensa un acceleratore di tipo elettronico che permette l’implemento di ben 5 riding mode: 4 pre settati e uno personalizzabile dall’utente. Entrambe sono dotate di traction control e ABS, ma soltanto sulla ricca XC il primo è regolabile mentre il secondo aiuto è escludibile grazie alla funzione Enduro Pro. Tutto ciò è reso possibile dalla piattaforma inerziale riservata alla XE.

COMPONENTISTICA TOP La realizzazione della nuova Scrambler 1200 nasce con uno scopo preciso: la creazione di una moto sì bella, ma anche in grado di affrontare tutte le situazioni tipiche della guida in fuoristrada. Per raggiungerlo si è puntato su componentistica di tutto rispetto. Entrambe le versioni montano ruote da 21 pollici all’anteriore calzate da gomme Metzeler Tourance, pinze freno Brembo M50 e sospensioni completamente regolabili: mono Ohlins con escursione variabile da 200-250 mm(in base alla versione) di escursione, forcella Showa anch’essa con escursione variabile. Tutto nuovo è anche il telaio, realizzato ad hoc per la nuova Scrambler 1200, così come il forcellone realizzato in alluminio anodizzato.

triumph scrambler 1200 2019

CLASSICA MODERNA In un mondo che cerca di fare andare a braccetto stile e tecnologia la Scrambler 1200 ci sta bene come il cacio sui maccheroni. Al netto delle variazioni in tema culinario, la neo nata di Triumph abbina egregiamente look da moto classica con una  dotazione tecnologica al passo coi tempi: equipaggiati di serie troviamo infatti le luci full LED con funzione DRL, il sistema Keyless e una strumentazione a colori TFT di seconda generazione personalizzabile. Quest’ultima è un vero e propriomotivo di vanto per Triumph essendo la prima al mondo a permettere di comandare la GoPro tramite il joystick a 5 vie nel blocchetto sinistro, oltre ad essere la prima modern classic ad avere la possibilità di integrare la navigazione point by point e le funzioni di connettività con lo smartphone. A completare la dotazione troviamo il cruise control e la presa USB. La data d'arrivo nei concessionari è prevista per la primavera 2019, il prezzo verrà svelato solamente a metà dicembre dopo la presenrtazione stampa.

 

   

 


TAGS: moto triumph scrambler eicma intermot novità moto eicma 2018 Triumph 1200 Scrambler Eicma preview anticipazioni Eicma caratteristiche scrambler sospensioni triumph scrambler 1200