Pubblicato il 24/01/21

LA PISTA DEL MOMENTO Imola è probabilmente uno dei luoghi simbolo di questa fase del motorsport. Ripescata a sorpresa nel 2020 dopo 14 anni di assenza dal calendario di Formula 1, è rinata dalle proprie ceneri sfruttando l’opportunità, presentata dalla pandemia, di entrare in una stagione di gare quasi esclusivamente europee. Un tracciato che, forse sconosciuto dagli appassionati più giovani, ha saputo emozionare con un Gp decisamente spettacolare, che peraltro si ripeterà anche nel 2021. Ma, carica di storia e tradizione e con un passato non sempre felice, quella che sorge sulle rive del Santerno è una pista che (F1 a parte) negli ultimi anni è stata comunque centro nevralgico per molte categorie a ruote scoperte, e non solo. Da qualche settimana lo è anche virtualmente, grazie a uno dei titoli più apprezzati dai videogiocatori che, magari proprio grazie al lockdown, si sono avvicinati al mondo eSport: Assetto Corsa Competizione.

Assetto Corsa Competizione: 2020 GT World Challenge Pack

IL NUOVO DLC A metà dello scorso novembre è infatti uscito l’ultimo DLC pubblicato da Kunos Simulazioni e 505 Games, 2020 GT World Challenge. Una novità che a primo impatto poteva sembrare di poco conto ma che si è posta l’obiettivo – centrandolo senza se e senza ma – di mantenere l’esperienza di gioco perfettamente in linea anche con le richieste dei palati più esigenti. Sotto il... “cofano” ACC ha mantenuto le caratteristiche che lo hanno reso uno dei titoli di guida più apprezzati sia dai simdriver più “smanettoni” sia dagli appassionati dell’ultima ora. Con l’ultima espansione il simulatore si è però aggiornato graficamente e non solo, con oltre 60 livree di tutte le auto che hanno partecipato al GT World Challenge 2020 e con gli aggiornamenti tecnici (e, quindi, percepibili nella fisica di guida) di Mercedes e Ferrari, che hanno debuttato nella passata stagione rispettivamente con la AMG GT3 Evo e con la 488 GT3 Evo 2020. Il tutto è poi impreziosito dal nuovo modello di pneumatico Pirelli DHE, dal Balance of Performance (il meccanismo che mantiene equilibrate le prestazioni tra le diverse vetture intervenendo su potenza, peso, elettronica, aerodinamica, ecc.) aggiornato alla stagione corrente e, appunto, dalla mitica pista di Imola. Che noi di MotorBox abbiamo provato e recensito per voi.

ASSETTO CORSA COMPETIZIONE: LA RECENSIONE DEL DLC 2020 GT WORLD CHALLENGE

DA RF2 AD ACC È uno sporco lavoro, ma qualcuno doveva pur farlo. Me ne sono occupato io, storicamente appassionato di gare virtuali, ma alla primissima esperienza con ACC. Confesso che il passaggio da rFactor2 e iRacing al titolo di Kunos all’inizio mi preoccupava, se non altro per questioni di mera “abitudine” visiva e di dimestichezza con i menu e l’interfaccia utente, sia durante la guida che nelle schermate di setup e configurazione. Un “salto” che ho trovato simile a quello di chi passa da un dispositivo Android ad iOS di Apple: il primo impatto è spiazzante, ma ci si abitua in fretta, non appena ci si rende conto dell’estrema praticità. Tutto è dove dovrebbe essere e, al contrario di iRacing, non serve essere un ingegnere per comprendere quello che succede in pista. Merito soprattutto dell'interfaccia utente, che aiuta a capire facilmente come si comportano le gomme e che, con un po’ di esperienza, permette di studiare le modifiche da apportare all’assetto del nostro bolide virtuale. Insomma, dopo una prima breve fase in cui ti senti spaesato, l’occhio e la mente si abituano in fretta alle (positive) novità.

Assetto Corsa Competizione: 2020 GT World Challenge Pack

IMMEDIATEZZA Una volta sceso in pista, poi, quella che percepisco sin dai primissimi metri è, in realtà, un’assenza. Manca, infatti, quell’elemento frustrante che mi aveva costantemente accompagnato nelle prime ore su rFactor, prima, e iRacing, poi. Per carità, potrebbe anche essere una percezione personale, legata alla crescente esperienza con i simulatori di guida, ma è decisamente piacevole essere sin da subito in grado di stare in pista, senza perdere settimane ad arare i campi lasciando pezzi di macchina sulle barriere di protezione. Ed è questo uno dei grandi punti di forza – insieme all’incredibile qualità grafica, che personalmente però metto in secondo piano, da buon fanatico della simulazione abituato a passare le ore su titoli che non reggono neppure lontanamente il confronto estetico – di Assetto Corsa Competizione: saper essere impegnativo ma non frustrante, parlando con naturalezza tanto al simdriver più esperto quanto al pilota della domenica. Giro dopo giro miglioro i tempi, colleziono... quadratini verdi (che indicano la mia capacità di stare in strada in modo pulito e senza sbavature) e, grazie a freni e gomme ormai in temperatura ideale, ritardo le staccate e porto in curva una velocità via via sempre maggiore.

IMPEGNO La curva di apprendimento non incontra ostacoli e l’esperienza è piacevole, ma mi basta confrontare i miei tempi con quelli dei giocatori abituati a utilizzare il titolo per capire che, per andare davvero forte, servirà pazienza, allenamento, talento e anche un buon setup. Insomma, Assetto Corsa Competizione riesce a regalarmi momenti di divertimento senza pretese (e frustrazione), ma mi fa anche intuire che per i livelli di sfida più elevati sarà necessario parecchio impegno e tempo. Difficile pretendere di più da un titolo di guida che fa di una ambivalenza introvabile sul mercato videoludico il proprio tratto distintivo, riuscendo ad abbracciare una fetta di pubblico più ampia di quella raggiunta dai competitor.

Assetto Corsa Competizione: 2020 GT World Challenge Pack

SUA MAESTÀ E poi c’è Sua Maestà, l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Nella mia carriera da giornalista, ho avuto il privilegio di essere parte dell’organizzazione di un evento al circuito del Santerno e, quindi, di vivere al suo interno continuativamente per una ventina giorni, imparando ad apprezzare ogni metro del tracciato grazie a lunghe passeggiate a piedi e in bicicletta (ma non, ahimè, al volante). La Imola di ACC, ricostruita digitalmente con la tecnologia del laserscan, è incredibilmente fedele all’originale anche se coloro che l’hanno vista nel Gran Premio di Emilia-Romagna dello scorso novembre potrebbero restare delusi da alcune differenze estetiche. Differenze che però si spiegano facilmente: il DLC ripercorre il GT World Challenge e non il mondiale F1, quindi è logico che il look non sia quello che la pista presentava all’appuntamento con il circus iridato. Per il resto, però, la riproduzione è praticamente perfetta: ogni albero, barriera, tribuna o avvallamento (avete presente quell’insidioso e quasi impercettibile dosso che ha tradito George Russell in regime di Safety Car?) e persino la celebre statua di Ayrton Senna al Tamburello, sono esattamente al proprio posto. E il confronto con la Imola di iRacing – che, a onor del vero, inizia a sentire un po’ il peso degli anni e meriterebbe una rinfrescata – rischia di essere impietoso.

Assetto Corsa Competizione: 2020 GT World Challenge Pack

QUALI DIFETTI? Nella mia prova non è mancata qualche stortura che posso reputare di poco conto. Da fortunato possessore di un visore per realtà virtuale, che funziona perfettamente su iRacing e (seppur con qualche difficoltà) anche su rFactor2, ho notato che il comparto VR di ACC non risulta ancora ottimizzato al meglio e, nonostante una buona scheda video, dopo qualche tentativo iniziale ho preferito passare al caro vecchio monitor. Problemi con ogni probabilità dovuti a un motore grafico particolarmente esigente e difficile da adattare alle configurazioni più disparate, che solo una (per adesso) piccola fetta di pubblico si è trovata a sperimentare. L'altra pecca è la configurazione del volante: nonostante un preset di tasti per il mio Fanatec Formula V2, sono stato costretto a impostare manualmente la maggior parte delle funzionalità di pulsanti e manettini, come peraltro mi era già capitato di dover fare con i titoli della concorrenza. Ribadisco: storture di poco conto che non cambiano l’impressione generale. In definitiva, Assetto Corsa Competizione e il nuovo pacchetto aggiuntivo 2020 GT World Challengein uscita a breve anche su consolesono un must have per ogni appassionato delle corse e delle loro controparti virtuali. Anche (e forse soprattutto) per chi, come me, da anni passa le ore su altri simulatori di guida.


TAGS: videogame assetto xbox recensione pc playstation 4 iracing rfactor assetto corsa competizione Simracing 2020 gt world challenge