Pubblicato il 01/06/20

DOPPIETTA NON BASTA Fernando Alonso ha vinto entrambe le gare del weekend di Silverstone, ma non è bastato per vincere il titolo della serie The Race Legends Trophy, e così Jenson Button ha portato a casa il trofeo virtuale, mentre Fernando si è accontentato dell'uno-due conquistato al volante delle Brabham BT44B utilizzate per questa entusiasmante gara dal sapore antico.

F1 GP Italia 2019, Monza: Fernando Alonso (McLaren)

ABITUDINE Lo spagnolo, che nel primo dei tre weekend a cui ha partecipato, ne aveva combinata una in più di Bertoldo, e che nel secondo weekend aveva invece conquistato entrambe le manche di IndyCar, ha vinto sia gara 1 che 2 a Silverstone; il tutto nonostante un errore a una chicane avvenuto per una questione di... abitudine (aveva imboccato la curva come nella pista di F1, non seguendo il layout approntato per la gara Legends). A Jenson Button, invece, è bastato un secondo posto in gara-1 per avere la meglio di Jan Magnussen (terzo) ed Emanuele Pirro (settimo) nella corsa all'iride telematico.

CHE RIMONTA! Il vero capolavoro di Alonso però, esattamente come nel catino virtuale di Indianapolis, è arrivato in gara-2, quando - partendo con la griglia invertita - ha recuperato rapidamente dal 19° al 4° posto in un solo giro, superando poi Tom Coronel, Michel Jourdain Jr e Dario Franchitti e involandosi verso il trionfo. Sono così quattro le vittorie consecutive nelle ultime gare corse dallo spagnolo, che ha dimostrato di non aver mai perso il feeling con la vittoria, qualsiasi mezzo guidi, sia esso virtuale o reale.


TAGS: formula 1 silverstone fernando alonso jenson button f1 esports sim racing brabham rfactor Simracing Emanuele Pirro Jan Magnussen