Autore:
Marco Borgo

ORECA E PEUGEOT L'ingresso nel mondiale endurance (anzi, il ritorno) di Peugeot a partire dalla stagione 2022 potrebbe avvenire con il supporto di uno dei costruttori di riferimento dei prototipi che solcano i lunghi rettilinei del leggendario circuito francese. L'ORECA ha confermato che sta portando avanti delle trattative per diventare partner del marchio francese una volta che questi farà il suo ritorno alla 24 ore di Le Mans nel 2022. I due si impegnerebbero così nel progetto della vettura Hypercar che correrà con i colori del marchio del leone.

ORECA E REBELLION Ciò che finora è certo è che la Peugeot ha individuato nel team Rebellion la squadra alla quale appoggiarsi per le operazioni future in pista delle proprie vetture. La squadra svizzera compete da tempo nella classe LMP1 con vetture non ibride. Quest'ultima gode di un grosso supporto da parte di Oreca. Il costruttore francese realizza le vetture LMP2 schierate dai team privati (foto copertina) oltre alle vetture con cui compete il team Rebellion e l'Acura nella serie nord-americana, queste ultime sviluppo del progetto LMP2 della stessa Oreca. Sembra quindi naturale che la partnership tra Peugeot e Rebellion sia destinata ad allargarsi con l'affiancamento da parte dello staff di Hugues De Chaunac, titolare di Oreca.

FINE DELLA PARTNERSHIP CON TOYOTA Con la fine della corrente stagione del FIA World Endurance Championship terminerà anche la collaborazione tra Oreca e Toyota. Dopo otto anni assieme, le due realtà si separeranno con la prima che sarebbe così pronta ad avviare un nuovo progetto sulla piattaforma delle Hypercar, progetto che sposerebbe così l'iniziativa di Peugeot. "Non è una sorpresa - ha dichiarato De Chaunac a sportscar365.com - con Peugeot stiamo discutendo del progetto Hypercar e Toyota ne è al corrente. Con i nuovi regolamenti il personale sarà ancor di più limitato e Toyota dovrà fare a meno dei nostri 6-7 uomini e del nostro ingegnere David Floury che curerà il nuovo impegno con le Hypercar".

NIENTE FRETTA De Chaunac ha aggiunto: "Stiamo portando avanti le discussioni con Peugeot da un paio di mesi in quanto dobbiamo definire i nostri impegni futuri in base all'evolversi dei regolamenti tecnici. Siamo inoltre i partner tecnici di Rebellion. Ecco perché non c'è nulla da nascondere. Tuttavia, non c'è fretta né pressione. Dobbiamo capire bene entro la fine di gennaio, primi di febbraio se c'è la possibilità di avviare una collaborazione. Dal canto nostro abbiamo delle ottime competenze da fornire. Il comparto tecnico di Rebellion è nelle nostre mani". Un portavoce di Toyota ha dichiarato che la fine della collaborazione tra il marchio nipponico e il costruttore francese è stata decisa e pianificata con un anno di anticipo. Oreca avrebbe avuto contatti con altri costruttori interessati al progetto di una Hypercar per entrare nel WEC nei prossimi anni, ma si impegnerebbe solamente in un unico progetto che al momento sembra dunque essere quello Peugeot.


TAGS: toyota peugeot WEC hypercar oreca