Dopo Ferrari, anche McLaren è pronta al ritorno alla Le Mans
Formula 1

McLaren come Ferrari: prossimo l'annuncio del ritorno alla Le Mans


Avatar di Luca Manacorda , il 03/03/21

9 mesi fa - La casa inglese pronta a tornare nella 24 ore più famosa al mondo

La McLaren è pronta a tornare nella 24 ore più famosa al mondo, ma con un percorso diverso rispetto alla Ferrari
Benvenuto nello Speciale WEC, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario WEC qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

GRANDI RITORNI Dopo che negli ultimi anni la competizione nella categoria principale ha latitato, con la Toyota unica grande casa automobilistica rimasta in gara, nei prossimi anni la 24 Ore di Le Mans tornerà all'antico splendore, coinvolgendo marchi storici del motorsport. Mentre la Peugeot ha già presentato il suo team per la stagione 2022, la Ferrari ha recentemente annunciato il suo attesissimo rientro nel campionato WEC a partire dal 2023. Una scelta che potrebbe fare da traino ad altre grandi case, tra cui la McLaren. L'azienda di Woking sta valutando da tempo come procedere per affrontare la sfida con le nuovissime hypercar che saranno protagoniste della categoria e sembra ormai prossima al grande annuncio ufficiale.

SEMAFORO VERDE La conferma è arrivata dalle parole del CEO Zak Brown, in un'intervista in uscita nel prossimo numero del mensile Motor Sport ma effettuata prima dell'annuncio Ferrari: ''È in fase di revisione e lo è stato per un bel po' di tempo. È qualcosa che vorremmo fare. Le Mans e le corse di auto sportive sono qualcosa che ha senso per il nostro marchio, abbiamo già avuto successo lì e agli azionisti piace quella forma di corse automobilistiche''. Nel 1995, la McLaren trionfò nella 24 Ore di Le Mans con la F1 GTR pilotata dall'equipaggio Dalmas-Lehto-Sekiya.

VEDI ANCHE



24 Ore Le Mans 1995: la McLaren F1 GTR festeggia la vittoria 24 Ore Le Mans 1995: la McLaren F1 GTR festeggia la vittoria

SOLUZIONE DIVERSA A differenza della Ferrari, però, a Woking si ragiona su un altro percorso, analogamente a quanto annunciato di recente da Porsche e Audi. Per tornare alla mitica gara di durata si punterà sulla classe ibrida Le Mans Daytona (LMDh) - basata sulle LMP2 che diventeranno nel 2022 le protagoniste principali della serie statunitense IMSA - piuttosto che sulla classe Hypercar (LMH). Brown ha spiegato il perché di questa scelta: ''Faremmo solo LMDh, perché la classe Hypercar non ha un elemento di controllo dei costi che invece questa classe ha''.

TEMPISTICHE E DUBBI Il motivo del ritardo del lancio del progetto McLaren/Le Mans è da ricercarsi nella pandemia di Covid-19 che ha obbligato le case automobilistiche a rivedere gli investimenti e ad attendere che l'economia si riprenda dagli innumerevoli lockdown degli ultimi mesi. Brown ipotizza nel 2024 lo sbarco del team nella 24 Ore francese, nonostante qualche dubbio non ancora dissolto sui rapporti di equilibrio tra le vetture LMDh e e le Hypercar: ''Sono un po' preoccupato per il bilanciamento tra LMDh e LMH. Detto questo, il fatto che Porsche e Audi siano entrate ci dà fiducia, perché sanno come si vince a Le Mans. Averli dal lato LMDh mi dà la certezza che si assicureranno che ci sia equilibrio di prestazione tra i due tipi di auto''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 03/03/2021
WEC
Logo MotorBox