MotoGP Catalunya 2022, la cronaca e i risultati del Gran Premio del Montmelò
MotoGP 2022

MotoGP Catalunya 2022, Quartararo domina! Ecatombe italiana, Espargaro che combini?


Avatar di Simone Valtieri , il 05/06/22

1 mese fa - Fabio Quartararo domina la gara di Barcellona davanti a Espargaro

Quartararo stravince, sul podio Martin e Zarco. Caduti Bagnaia (senza colpe) e Bastianini, Espargaro butta il secondo posto festeggiando in anticipo
Benvenuto nello Speciale MOTOGP CATALUNYA 2022, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP CATALUNYA 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

FUGA QUARTARARO! Fabio Quartararo trionfa nel Gran Premio della Catalunya e va in fuga iridata, grazie a una vittoria meritatissima, e a una mano grossa così datagli da tutti e tre i rivali. In primis Aleix Espargaro, che era secondo e festeggia un giro prima del tempo, perdendo tre posizioni in una volta sola; poi Pecco Bagnaia, che però non ha colpe e viene steso al primo giro insieme a Rins da una staccata senza senso di Nakagami, e infine Enea Bastianini, che si è steso da solo mentre era in piena rimonta. Sul podio salgono, così, le due Ducati del team Pramac, molto bravi Jorge Martin e Johann Zarco. Cadono anche Di Giannantonio e Bezzecchi, l'unico italiano bravo è Luca Marini, sesto, mentre a punti finisce anche Franco Morbidelli, 13°.

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio della Catalunya

BAGNAIA GIU Disastro per ''Pecco'' Bagnaia al via del Gran Premio della Catalunya, il pilota italiano è stato coinvolto in una carambola alla prima curva, buttato giù da Takaaki Nakagami, che ha fatto finire nella ghiaia Alex Rins con la Suzuki. Scatta benissimo, invece, Fabio Quartararo, che mentre Bagnaia rotolava, passava in testa Aleix Espargarò e si metteva a tirare il gruppo. Terze e quarte le Ducati Pramac di Martin e Zarco, poi la Honda di Pol Espargaro, la Suzuki di Joan Mir, la Ducati di Luca Marini, l'Aprilia di Maverick Vinales e le due Ducati del team Gresini di Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini che chiudono la top ten al termine del primo giro. Cade anche Stefan Bradl nel corso del primo passaggio.

FABIO SE NE VA Nei primi giri Fabio Quartararo tenta subito il forcing, e Aleix Espargaro fatica a stargli dietro, passato anche da Jorge Martin, secondo all'inizio del terzo giro. I primi quattro riescono a staccare il gruppo degli altri, ma sono sgranati tra di loro. Quartararo ha 1''4 di margine su Martin e Aleix Espargaro, Zarco è in ritardo di un secondo, ma ha circa 2 secondi di margine su Luca Marini, che nel frattempo ha passato Mir. Mentre Quartararo se ne va, da dietro risale forte Enea Bastianini che si porta in settima posizione passando Vinales e Binder, mentre Mir prende la posizione su Marini. Si ritira anche Marco Bezzecchi, 13° e caduto in autonomia a curva 10.

DISASTRO ITALIANO Il vantaggio di Quartararo sale oltre i 2'' dopo giri, con Martin e Aleix Espargarò che restano appaiati, mentre Johann Zarco mantiene un buon margine su Mir e Marini, con Bastianini e Vinales che mettono i due davanti nel mirino, ma poche churve dopo proprio Enea Bastianini si stende in curva 5, salutando ogni speranza di rimonta. Nello stesso giro cade anche il suo compagno del team Gresini Racing, Fabio Di Giannantonio, che era scattato dalla quinta casella e navigava in gara in 11° posizione. Al termine del 10° giro, intanto, Aleix Espargaro rompe gli indugi, ripassa Jorge Martin e prova ad andare a caccia di Quartararo, che però ha 3''3 di margine. Martin deve invece guardarsi le spalle dal compagno Zarco che gli torna sotto forte.

METÀ GARA Dopo la girandola di cadute in testa a metà gara c'è Fabio Quartararo con 3''5 di vantaggio su Aleix Espargaro e sulla coppia di Ducati Pramac con Zarco sempre più vicino a Jorge Martin. Joan Mir è quinto e mantiene la sua posizione davanti a Luca Marini, che deve guardarsi le spalle dalla rimonta di Maverick Vinales. Nella top ten ci sono anche Binder e Oliveira con la KTM e Alex Marquez, scattato dall'ultima casella con la Honda, ma bravo a risalire fino alla 10° piazza. Buona an che la gara di Darryn Binder fin qui, addirittura 12° dietro a Miller e davanti a un gruppone con Gardner, Morbidelli, Pol Espargaro e Dovizioso.

RIECCO MARTIN! Nei giri successivi Fabio Quartararo non accenna a rallentare, portando a 5'' il margine sugli inseguitori, in primis Aleix Espargaro che non riesce a scrollarsi di dosso le due Ducati bianco, rosso e viola di Martin e Zarco. Joan Mir ha 3'' di ritardo dal quarto posto, seguito sempre da Marini, Vinales, Brad Binder e Oliveira tutti ben distanziati tra loro. A 9 giri dal termine Jorge Martin, che per qualche giro ha seguito l'Aprilia, decide che è il momento di riprendersi la seconda posizione e lo fa senza indugi, passando Aleix Espargaro per ricordare alla Ducati che per un posto in prima squadra lui non si è ancora arreso. 

BAGARRE SPAGNOLA Si arriva con questa situazione agli ultimi 5 giri. I ritmi si sono alzati, le gomme usurate in modo consistente per tutti, e il più veloce in pista è Joan Mir, che però dovrebbe recuperare ben 3''5 sul trio Martin-Espargaro-Zarco per sognare il podio. Infattibile. Davanti Fabio Quartararo ha più di 5'' di margine sul secondo, mentre gli unici in lotta in pista oltre ai tre che si giocano due gradini del podio, sono Miller, Darryn Binder, Gardner e Morbidelli, dalla 11° alla 14° posizione. Quando mancano 4 giri al termine, Aleix Espargaro decide di restituire ancora una volta il sorpasso a Martin, mettendosi di nuovo davanti per la seconda posizione e riuscendo stavolta a prendere un po' di margine sui rivali. Dietro commette un errore Miller che viene passato da Binder, Gardner e Morbidelli.

TRIONFO QUARTARARO, ASSURDO ALEIX! Negli ultimi giri non cambia niente per Fabio Quartararo davanti. Il francese domina e vince meritatamente il GP di Catalunya, andando in fuga nel mondiale e festeggiando così il rinnovo di contratto con la Yamaha. Dietro Aleix Espargaro commette un errore assurdo: festeggia un giro prima del tempo e regala un secondo posto ormai certo ai due ducatisti Jorge Martin e Johann Zarco. Quarto Joan Mir, mentre Aleix Espargaro si dispera, quinto dopo il traguardo. La top ten viene chiusa da Marini, Vinales, Brad Binder, Oliveira e Alex Marquez, a punti anche Morbidelli, 13°, davanti a uno spento Miller, 14°.

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio della Catalunya


Pubblicato da Simone Valtieri, 05/06/2022
Tags
Gallery
MotoGP Catalunya 2022
Logo MotorBox