Autore:
Andrea Brambilla

ARRIVA IN EUROPA In Italia a partire dal 2020, il nuovo Ford Explorer è pronto a fare il suo ingresso nel mercato europeo in un’unica versione benzina ibrida plug-in da 450 cavalli. Le dimensioni sono tipicamente made in USA: lungo 5,05 metri e largo 2 metri, questo maxi SUV è in grado di ospitare comodamente 7 persone disposte su tre file di sedili.

NUOVA PIÙ DENTRO CHE FUORI Esteticamente le novità stilistiche riguardano principalmente il frontale, oggi più filante e con un nuovo taglio della fanaleria. Più profondi gli interventi in abitacolo. Gli interni sono dominati da due grandi schermi, uno "touch" da 10,1 pollici dedicato al sistema di infotainment SYNC 3 e uno da 12,3 pollici che va a sostituire l’ormai obsoleto cruscotto analogico. Tantissimo lo spazio per tutti e per tutto, grazie ad una capacità di carico che tocca i 2.274 litri con 123 litri messi a disposizione dai vani portaoggetti. Chi  siede in prima fila ha 1 metro per le gambe, mentre chi siede in seconda può contare su 83 cm in lunghezza tra i due schienali.

ALLA SPINA Come anticipato, il Ford Explorer per il Vecchio Continente sarà elettrificato: il motore termico è un benzina V6 turbo Ecoboost di 3.0 litri da 350 cv, a cui viene affiancato un propulsore elettrico da 100 cv (73,4 kw) alloggiato tra il motore e il cambio automatico a 10 rapporti. Le batterie agli ioni di litio sono posizionate sotto i sedili posteriori, hanno una capacità di 13,1 kWh e richiedono 4,5 ore per la ricarica da una presa domestica. Pur avendo una potenza combinata di 450 cavalli, e una capacità di traino di 2500 kg, l’Explorer sa essere anche parsimonioso: consumi dichiarati di 3,4 litri per 100 km. Il merito è anche dei 40 chilometri percorribili a zero emissioni che permettono di abbassare le emissioni medie fino a 78 g/km.

SUPER TECNOLOGICA La trazione integrale Intelligent All-Wheel Drive gestisce autonomamente la coppia tra asse anteriore e posteriore, lavorando a braccetto con il sistema Terrain Management. Quest'ultimo ottimizza la spinta del motore e degli altri parametri in funzione del tipo di fondo: è possibile scegliere tra sette diverse impostazioni. Il powertrain elettrico di Ford Explorer ha invece 4 modalità di guida: EV Auto, EV Now, EV Later ed EV Charge.

GUIDA SEMI-AUTONOMA La dotazione di sicurezza prevede funzioni tali da garantire una guida semi-autonoma di livello 2. Gli aiuti alla guida comprendono infatti il sistema di parcheggio assistito, il monitoraggio dell’angolo cieco, la frenata d’emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, il cruise control adattivo con funzione Stop&Go, il riconoscimento dei segnali stradali, il mantenimento della carreggiata, lo sterzo attivo e la frenata d’emergenza che interviene anche dopo un incidente, per arrestare completamente il veicolo e prevenire ulteriori danni. I prezzi non sono ancora stati ufficializzati ma è ipotizzabile una base di partenza per questa versione ibrida plug-in tra i 60 mila e i 70 mila euro.


TAGS: ford ford explorer auto ibride plug-in ford explorer 2019 ford explorer phev