Autore:
Federico Sardo

OPEL ASTRA, EMISSIONI RIDOTTE FINO AL 19% Grazie a rinnovate caratteristiche aerodinamiche, ai nuovi motori e alle nuove trasmissioni particolarmente efficienti, la nuova generazione di Opel Astra, ordinabile nel giro di qualche settimana, si pone come punto di riferimento per efficienza e basse emissioni. Le emissioni di CO2 sono state tagliate fino al 19% rispetto al modello precedente, un risultato che pone Astra al vertice del segmento delle compatte. Dal 2021 entreranno in vigore le norme Euro 6d sulle emissioni, ma grazie al Filtro Antiparticolato per motori benzina (GPF) e al sistema di Riduzione Selettiva Catalitica (SCR), che si affiancano alla tecnologia stop/start di serie, la nuova Astra è già pronta per rispettare la normativa.

LE MOTORIZZAZIONI I nuovi motori turbo benzina e diesel hanno bassi consumi e sono determinanti per l'efficienza delle nuove Astra. I bassi livelli di consumo e delle emissioni di CO2 sono dovuti anche ai moderni cambi manuali a sei rapporti, al cambio continuo (CVT) a sette velocità e alla nuova trasmissione automatica a nove velocità, presente per la prima volta su una Opel. I motori turbo a benzina a tre cilindri sono disponibili con 1.2 e 1.4 litri di cilindrata, e i livelli di potenza vanno da 110 a 145 CV (coppia massima da 195 a 236 Nm), mentre i motori diesel tre cilindri da 1.5 litri generano 105 oppure 122 CV, e livelli di coppia da 260 a 300 Nm.

FOCUS SULL'AERODINAMICA Numerosi test svolti sulla vettura all'interno della galleria del vento hanno contribuito a rendere la nuova Astra una delle compatte più aerodinamiche sul mercato. Con un Cx pari a 0,25, la Sports Tourer è una delle station wagon con il coefficiente di resistenza aerodinamica più basso nel mondo, mentre la 5 porte si posiziona al vertice della propria categoria con un Cx di 0,26. Quali sono stati gli interventi che hanno contribuito a questa importante resa aerodinamica? Il rivestimento del vano motore, i bracci dell’asse posteriore a forma di deflettore, l’adozione di uno shutter completo e l'ottimizzazione del sottoscocca. Inoltre la parte superiore e quella inferiore della griglia del radiatore si aprono e chiudono automaticamente e in modo indipendente, favorendo ulteriormente il passaggio dell’aria

FARI, TECNOLOGIE E TELECAMERE Ma passiamo alle tecnologie. Molte le innovazioni introdotte sulle nuove Astra: fari anteriori intelligenti IntelliLux LED che non abbagliano gli altri guidatori, cruise control attivo, indicatore della distanza di sicurezza, frenata automatica di emergenza, riconoscimento dei cartelli stradali, sistema di mantenimento della corsia di marcia e sedili ergonomici con funzioni di ventilazione e massaggio. È disponibile anche, come optional, una funzione di chiamata di emergenza (eCall) in caso di necessità. La nuova telecamera anteriore è più piccola e migliore rispetto al passato: oltre ai veicoli riconosce anche i pedoni e una gamma superiore di cartelli stradali, mostrati sullo schermo.  

CONNETTIVITÀ, SOUND SYSTEM E PARABREZZA RISCALDABILE A bordo di Astra anche la massima connettività: è garantita dai sistemi Multimedia Radio, Multimedia Navi e Multimedia Navi Pro, compatibili con Apple CarPlay e Android Auto. Altre tecnologie disponibili per un'esperienza di guida al massimo del comfort sono la ricarica wireless degli smartphone compatibili e il sound system Bose di alta gamma disponibile come optional, che offre ben sette altoparlanti tra cui un potente subwoofer. Si segnala poi il parabrezza riscaldabile, che impedendo l'appannamento del vetro consente anche nelle giornate più difficili dell'inverno di avere una visione ben chiara della strada. La vedremo a Francoforte 2019. 


TAGS: opel opel astra nuova opel astra francoforte 2019 opel astra 2019