Autore:
La redazione

DUE AUTO IN UNA Sognate un'auto moderna, magari elettrica, ma con una carrozzeria storica, capace di fondere insieme modernità e passione? Non vi siete ancora ripresi dalla notizia della fine della produzione del vecchio Maggiolino? Volkswagen Group Components, insieme al partner eClassics, ha presentato un progetto per l'elettrificazione dello storico Beetle, chiamato eKafer, ossia eBeetle in tedesco, in cui carrozzeria e interni originali saranno mossi da componenti presi dalla Volkswagen e-up! Elettrica.

TRAPIANTO DI CUORE Dalla e-up! provengono il motore, la trasmissione monomarcia e il sistema di batterie agli ioni di litio, dalla capacità di 36,8 kWh. La maggior potenza rispetto ai motori termici del vecchio Maggiolino ha costretto i progettisti ad adattare e rinforzare telaio e impianto frenante.

eBeetle (eKafer): la presa di ricarica nascosta nel fanale

UN MAGGIOLINO VIVACE Il peso complessivo di questo curioso e affascinante ibrido è di 1.280 Kg, che non gli impedisce di raggiungere i 50 km/h in meno di quattro secondi e gli 80 km/h in poco più di otto secondi. La velocità massima è di 150 km/h, con un'autonomia di circa 200 km: più della nuova Smart EQ ForTwo, per intenderci. Un'oretta di ricarica dalle apposite colonnine dovrebbe garantire di poter percorrere 150 km.

LAVORI IN CORSO All'ormai immminente Salone di Francoforte, Volkswagen potrebbe esporre un primo modello di pre-produzione dell'e-Beetle, ma non è ancora chiaro se e come sarà messo in vendita, né a quale prezzo. L'eBeetle è un concept di indubbio fascino e l'idea di base può serenamente essere applicata anche ad altri modelli storici: eClassics sta già lavorando alla versione a zero emissioni del leggendario furgone Bulli, e non esclude di potersi dedicare anche alla mitica Porsche 356. E voi? Quale grande classico su quattro ruote vorreste vedere di nuovo sulle nostre strade, in versione elettrica?


TAGS: volkswagen maggiolino francoforte 2019 ebeetle e-beetle