Autore:
La Redazione

FORTWO, FORFOUR, FOR FRANKFURT Dopo le anticipazioni che vi abbiamo presentato qualche giorno fa, Smart ha finalmente svelato la versione definitiva di nuove EQ ForTwo, EQ ForTwo Cabrio ed EQ ForFour, varianti elettriche delle due minicar tedesche che riprendono molti degli elementi stilistici già anticipati dalle concept ForEase e ForEase+ viste qualche mese addietro. Motore da 82 cv di potenza, autonomia di quasi 160 km. Ora, l'identikit completo.

SMART E L'ELETTRICO Smart e l'auto a zero emissioni, non certo una novità dell'ultimo minuto: già nel 2007, dimostrando una lungimiranza non indifferente, la Casa tedesca proponeva una variante full electric della sua citycar. I nuovi modelli, però, rappresentano un ulteriore e importante passo avanti, in quanto strategica testa di ponte che porterà alla totale conversione del marchio alla trazione elettrica. Come dice Daniel Lescow, responsabile brand e product management Smart: "La conversione dell'intera gamma di modelli alla trazione puramente elettrica segna l'inizio di un nuovo capitolo nella nostra storia. Siamo i primi a compiere questo passaggio radicale dai motori a combustione interna alle trazioni puramente elettriche".

GLI ESTERNI L'elemento estetico che colpisce maggiormente è il musetto, diverso tra le versioni a due e quattro porte: per entrambe, nuovo il design dei fanali (full LED su richiesta), con tre elementi a LED che svolgono rispettivamente funzioni di anabbagliante, abbagliante e indicatore di direzione. Sparisce la presa d'aria tra i due proiettori, mentre quella inferiore assume dimensioni molto più importanti. Su ForTwo riprende la classica linea "sorridente", mentre su ForFour ha un disegno trapezioidale che ingloba al proprio interno i fendinebbia circolari (optional), accessorio che su Smart ForTwo è invece collocato all'esterno della griglia. Inedite le due feritoie verticali ai lati del paraurti, che conferiscono un po' di aggressività all'insieme, a scapito forse della personalità della vettura. Nuovo anche il disegno dei fari posteriori, con un motivo a X che racchiude i fanali, composti da centinaia di luci a LED (di serie). Ingrandito lo spoiler sopra il lunotto che integra la luce di stop, leggermente più alta la soglia di carico.

GLI INTERNI Le novità non mancano neanche all'interno dell'abitacolo, dove accanto alla inedita consolle centrale spicca un nuovo sistema di infotainment con schermo da 8 pollici, intuitivo e particolarmente semplice da usare, con un'interazione "diretta" con lo smartphone del guidatore. Il sistema smart connect garantirà un'elevata compatibilità con Android e iOS, senza vincolare il proprietario a uno specifico sistema operativo, adattandosi con facilità a possibili cambi di telefono, o ad aggiornamenti di specifiche app. Una soluzione intrigante, votata alla semplicità d'uso e alla convenienza, sulla cui bontà potremo esprimerci con maggior cognizione di causa quando avremo modo di provarla con mano.

TECNOLOGIA Novità e aggiornamenti importanti anche per l'app smart EQ, funzione che permette di controllare dal telefono (o su Apple Watch) lo stato dell'auto, il livello di carica delle batterie, l'autonomia residua, oppure di accendere l'impianto di climatizzazione da remoto. La console centrale offre uno spazio più ampio davanti al cambio, richiudibile con una tendina avvolgibile, sufficiente ad alloggiare il telefono (ma al momento non è prevista la ricarica wireless del dispositivo) o, in alternativa, due bicchieri, grazie al portabevande estraibile.

ALLESTIMENTI Oltre al modello base, Smart EQ ForTwo (come già detto, anche in carrozzeria Cabrio) ed EQ ForFour sono disponibili nei tre consueti allestimenti Passion, Pulse e Prime, a cui abbinare diversi pacchetti di optional. Advanced comprende il nuovo sistema multimediale con integrazione per smartphone, il bracciolo anteriore e aiuti per il parcheggio acustico. Il pacchetto Premium aggiunge il tetto panoramico (o un frangivento per Fortwo Cabrio), la telecamera posteriore e una rete portaoggetti nella consolle centrale. Il pacchetto Exclusive, infine, comprende anche fari anteriori e posteriori completamente a LED, sensori pioggia e luce, fendinebbia con luce di svolta, illuminazione d'atmosfera per l'abitacolo e retrovisore interno con dispositivo antiabbagliamento automatico. Si arricchisce la gamma di colori per cella tridion e pannelli porte, così come per gli allestimenti interni. Quattro i cerchi in lega disponibili, misure da 15" o 16".

IL MOTORE Il motore elettrico sincrono posteriore avrà dunque una potenza di 60 kW/82 cv per 160 Nm di coppia, valori in grado di proiettare l'auto da 0 a 60 km/h in 4,8 secondi. L'autonomia dichiarata, cioè l'elemento su cui si concentra l'attenzione di chi acquista un'auto elettrica, è di 159 km misurata con il sistema NEDC (New European Driving Cycle). Una distanza molto generosa per l'ambiente urbano in cui si muoveranno quasi sempre Smart EQ ForTwo ed EQ ForFour, ma che non non risparmierà al proprietario una visita alle colonnine di ricarica con molta frequenza (con l'ansia da autonomia che ne potrebbe conseguire). Tra gli optional è comunque previsto un caricatore rapido da 22 kW che dovrebbe permettere alla batteria di ricaricarsi fino all'80% in meno di 40 minuti.

PREZZI Nessuna informazione sui prezzi, per i quali l'appuntamento è probabilmente al Salone di Francoforte. A titolo di riferimento, le attuali Smart elettriche sono vendute a 24.197 euro (ForTwo) e 24.747 euro (ForFour) rispettivamente.


TAGS: smart smart fortwo smart forfour francoforte 2019 smart eq forfour Smart EQ Fortwo