Autore:
Giorgio Sala
Pubblicato il 04/03/2020 ore 15:41

NUOVA ROTTA Nel corso del non salone di Ginevra 2020 Alpine ha presentato le ultime novità della gamma A110: la Légend GT e la Color Edition. Inoltre, la Casa transalpina ha dato il via al programma di personalizzazione Atelier Alpine, con 29 tinte speciali ispirate al passato, nuovi colori per i cerchi e per le pinze freno: l’obiettivo è permettere a ciascun acquirente di avere un’Alpine su misura. Per approfondire meglio che direzione vuole prendere il brand, abbiamo parlato direttamente con il Managing Director Patrick Marinoff, che ci ha raccontato gli obiettivi futuri dell’azienda.

I cerchi della Alpine A110 Color Edition

CRESCITA GLOBALE Il 2019 è stato un anno di successo per Alpine, che ha contato su 4.835 auto vendute. Tuttavia, Marinoff afferma che “siamo forti in Francia, ma vogliamo crescere a livello internazionale”, e per farlo Alpine ha stilato un fitto programma di roadshow europeo, sfruttando tutti i punti vendita del Vecchio Continente per ampliare la propria clientela. “Puntiamo a un programma di crescita nel lungo periodo” ha confermato Marinoff, con la casa che, sotto la sua guida, fa tanti piccoli passi ma ben misurati. “Dare più valore all’heritage di Alpine è sicuramente importante per portare nuovi clienti, ed è questo uno degli obiettivi del programma Atelier”.

MOTORSPORT Uno dei modi migliori per far conoscere il proprio brand in tutto il mondo è il motorsport. Alpine ha abbracciato questo “canale pubblicitario” già negli anni ’60 con i rally e, negli anni ’70, con le corse su pista. Attualmente Alpine è tornata in auge nel WEC diventando Campione del Mondo LMP2 nel 2019, ma la casa francese è pronta a dare il via all’Alpine A110 Cup che farà tappa anche a Monza. “Più che nelle corse” ha affermato Marinoff “vogliamo investire nella customer experience, ovvero negli eventi collegati al Motorsport per far toccare con mano ai clienti il mondo Alpine”.

Alpine A110 Cup

ELETTRICO L’elettrificazione è un processo che stanno vivendo tutte le principali case automobilistiche, compresa Renault, la casa principale del gruppo a cui appartiene Alpine. “Le nostre auto sono considerate delle Smiling Machines, che mettono il sorriso quando le si guidano” ha detto Marinoff, che ha continuato: “L’elettrificazione aumenta sicuramente le prestazioni, ma quando arriverà il nostro turno cercheremo di farlo in pieno stile Alpine”. Dunque, il focus non è l’uso dei propulsori elettrici, ma è regalare sempre lo stesso feeling di guida per cui la Casa ha creato la propria reputazione.

Alpine A110 SportsX su strada

CROSSOVER IN ARRIVO? Qualche anno fa giravano voci di corridoio riguardo a un probabile SUV, griffato Alpine, come eventuale competitor del Porsche Macan e dell’Alfa Romeo Stelvio. Nulla di fatto sotto quel fronte, ma nel frattempo la A110 SportsX ha fatto presagire la voglia di Alpine di buttarsi in un nuovo segmento. “Si trattava di un prototipo” ha precisato Marinoff “un esercizio di stile per ricevere opinioni da stampa, clienti e fan. Visti i feedback positivi, stiamo valutando se buttarci o meno nel mondo dei crossover”. D’altronde, il marchio Alpine può fare leva su un’immagine fresca e dinamica; è chiaro però che se mai dovesse arrivare un SUV l’obiettivo sarà sempre comunque quello di dar vita a una “Smiling Machine”.


TAGS: novita suv crossover elettrico alpine alpine a110 Ginevra 2020