Pubblicato il 27/02/2020 ore 10:35

BOLLETTINO QUOTIDIANO Come ogni giorno dall’inizio dell’emergenza legata al coronavirus, anche oggi l’ufficio stampa del Salone di Ginevra ha pubblicato una nota informativa con le ultime decisioni in merito all’evento che prenderà il via settimana prossima. 

TUTTO COME PREVISTO Dopo il primo caso di paziente positivo al coronavirus trovato in Svizzera un paio di giorni fa, i responsabili del Salone di Ginevra si sono incontrati insieme a quelli di Palexpo (che ospita l’evento), per valutare la situazione attuale e decidere il da farsi. Al momento, la decisione è stata di andare avanti con l’evento così come pianificato. Questo significa che i giornalisti potranno entrare nei padiglioni della fiera di Ginevra dalle due del pomeriggio del 2 marzo; la cerimonia di premiazione dell’Auto dell’Anno avrà luogo lo stesso giorno, alle ore 15. La giornata dedicata alla stampa sarà il 3 marzo, mentre l’apertura al pubblico è confermata dal 5 al 15 marzo.

Coronavirus: la comunicazione degli organizzatori del Salone di Ginevra

LE MISURE AL SALONE Come dicevamo anche nei giorni scorsi, gli organizzatori hanno previsto una serie di misure per la salvaguardia dei partecipanti all’evento, e che prevedono: 

  • Un programma di pulizia e disinfezione dei locali e di tutte le zone ad alto contatto (corrimano, porte, bagni, schermi touch ecc.)
  • Campagne di informazione online e in loco
  • Addestramento del personale e dello staff logistico dell’evento con le misure di igiene stabilite dall’OMS
  • Installazione in fiera di prodotti per l’igiene personale (disinfettanti ecc.)

NORME IGIENICHE Durante l’evento sarà poi presente un contingente medico, addestrato specificamente per il riconoscimento delle malattie infettive. A questo, ovviamente, si raccomanda ai partecipanti il rispetto delle norme igieniche che già conosciamo: lavarsi le mani molto spesso e molto bene, tossire nel gomito, tenersi a distanza di un metro da persone che tossiscono o starnutiscono, non toccarsi gli occhi, il naso e la bocca.


TAGS: Salone di Ginevra 2020 Ginevra 2020 Coronavirus