Pubblicato il 09/03/2020 ore 11:55

4 POSTI La rivoluzione in Casa Koenigsegg porta il nome di Gemera, una Mega-GT ibrida che sconvolge l’approccio del Marchio scandinavo nei confronti delle vetture ad altissime prestazioni. Koenigsegg Regera e Jesko avevano stupito per le loro straordinarie doti velocistiche, ma la nuova Gemera compie davvero un salto quantico: con il suo incredibile powertrain ibrido si appresta infatti a ridefinire lo standard in questa categoria. Nuova Koenigsegg Gemera verrà realizzata in tiratura limitata: solo 300 unità della Mega-GT di Ängelholm vedranno infatti la luce. Il prezzo sarà, come sempre in questi casi, davvero da capogiro.

Koenigsegg Gemera: vista laterale

DOPPIA ANIMA Lunga 4,97 metri, larga poco meno di due e alta 130 cm, Koenigsegg Gemera è il primo modello quattro posti del Gruppo. Il nome Mega-GT sottolinea proprio la doppia anima di questa stupefacente hypercar, che unisce la praticità di una Gran Turismo con la sportività di una vera fuoriclasse. Il prefisso “Mega” si riferisce anche alla straordinaria potenza espressa dai suoi 3 propulsori, che insieme raggiungono un output complessivo di 1.725 CV, ovvero 1,27 Megawatt di potenza. Il cuore di nuova Gemera è costituito da 3 motori elettrici, uno sull’asse anteriore, due su quello posteriore e da un motore termico, un 2 litri 3 cilindri capace di sviluppare ben 600 CV. La coppia massima si attesta invece a 3.500 Nm. Le prestazioni sono sbalorditive: 0-100 coperto in 1,9 secondi e velocità massima di 400 km/h.

ECO-FRIENDLY Koenigsegg Gemera non è soltanto la prima 4 posti di Ängelholm, ma è anche il primo modello ibrido realizzato dal Marchio svedese. L’auto è infatti in grado di percorrere fino a 50 km in modalità completamente elettrica, grazie a un pacco batterie da 800 V, con una capacità energetica di 15 kWh. Il motore termico invece, ribattezzato simpaticamente Tiny Friendly Giant (piccolo gigante amichevole), può essere alimentato a benzina o in alternativa con miscela d’Etanolo E85. Con gli accumulatori completamente carichi e il pieno nel serbatoio, la Gemera può percorrere fino a 1.000 km senza doversi fermare. La trasmissione abbinata al powetrain ibrido è quella già vista su Koenigsegg Regera, ed è il collaudato sistema Direct Drive (KDD). La trazione è ovviamente integrale, mentre l’asse posteriore è sterzante.

Konigsegg Gemera: l'abitacolo

DESIGN E STILE Il design dell’ultimo capolavoro svedese si ispira alle prime Koenigsegg degli anni Novanta: le forme sono snelle e filanti, mentre lo spirito racing è sottolineato da soluzioni aerodinamiche vistose, come il grande diffusore sdoppiato al posteriore e dai cerchi in fibra di carbonio da 21 e 22 pollici. Marchio di fabbrica di tutte le Koenigsegg sono le portiere ad ali di gabbiano, basate sul sistema Katsad (Koenigsegg Automated Twisted Syncrohelix Actuation Doors), brevettato da Ängelholm. Gli interni sono, come sempre, futuristici e ultra-tecnologici. La Gemera gode inoltre di tutti i vantaggi offerti dai sistemi ADAS di ultima generazione. I tecnici scandinavi hanno pensato anche ai bagagli: la Casa dichiara infatti una capienza massima di 200 litri, buoni per sistemarci 3 trolley da viaggio nel vano anteriore e in un piccolo spazio ricavato nella zona dei sedili posteriori.


TAGS: koenigsegg Ginevra 2020 gims 2020 Koenigsegg Gemera Koenigsegg Ginevra 2020