Mobility Report Google: l'Italia ferma per il Coronavirus
Coronavirus

Il Mobility Report di Google certifica che l'Italia si è fermata


Avatar di Dario Paolo Botta , il 08/04/20

1 anno fa - Mobility Report Google: in Lombardia un calo drastico dei movimenti

Fra il 16 febbraio e il 29 marzo crollano i movimenti nel Bel Paese. La flessione è ancora più marcata in Lombardia
Benvenuto nello Speciale SPECIALE CORONAVIRUS, composto da 70 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPECIALE CORONAVIRUS qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

L’ITALIA IN QUARANTENA Quelli proposti dal Mobility Report di Google sono statistiche nitide che ci inducono a riflettere su quanto siano cambiate, nelle ultime settimane, le abitudini degli italiani. L’imposizione delle limitazioni alle libertà di movimento ha obbligato la totalità dei cittadini del Bel Paese a restarsene a casa, e sebbene la disciplina non sia annoverata tra le virtù dell’animo mediterraneo, l’Italia in questo caso si distingue fra le nazioni. La tendenza registrata dal Mobility Report è lampante e non fa altro che confermare quanto appena detto: gli italiani (e soprattutto i lombardi) rispettano le regole, contribuendo con il loro sacrificio a scongiurare una drammatica diffusione dell’epidemia.

TUTTO FERMO Le statistiche di Google riportano che dal 16 febbraio in poi, in Italia, gli spostamenti verso stazioni, metropolitane autobus e treni hanno subito una drastica riduzione facendo segnare un -87%. Il dato è confermato dal -89% della Lombardia, la regione più colpita dall’infezione da Covid-19. Più o meno sugli stessi livelli il calo relativo ai movimenti verso parchi e ristoranti: su scala nazionale Google registra infatti un -85%. In questo specifico caso la Lombardia fa meglio del resto del Paese, segnando un confortante -95%; viaggia sugli stessi numeri la diminuzione degli accessi a farmacie e supermercati. L’unico dato un po’ in controtendenza è quello relativo agli spostamenti verso i luoghi di lavoro: in Lombardia il calo è del -65%, due punti meno rispetto al dato nazionale.

VEDI ANCHE



Il crollo dei movimenti in Regione Lombardia Il crollo dei movimenti in Regione Lombardia

OCCHIO VIGILE Il luogo dove gli italiani si geolocalizzano di più è ovviamente la propria casa: in questo caso l’incremento, secondo Google, è del 24%. Meglio di noi fanno solo Israele (+30%) e la vicina Spagna (+22%). A questo riguardo, il rapporto stilato dall'agenzia digital AvantGrade.com suggerisce alcuni quesiti che ci inducono a riflettere: da un lato, il Mobility Report di Google potrebbe rivelarsi uno strumento potente per gestire un’ipotetica “Fase 2” dell’epidemia, grazie a una mappatura dettagliata dei movimenti dei cittadini. Dall’altro, un controllo così capillare potrebbe ledere alcuni diritti fondamentali, non ultimo quello alla privacy. Sebbene Google assicuri un trattamento dei dati aggregativo e del tutto anonimo, i dubbi restano. Per il momento, però, numeri e statistiche rimangono le uniche (e indispensabili) fonti di certezze.


Pubblicato da Dario Paolo Botta, 08/04/2020

speciale coronavirus
Logo MotorBox