Pubblicato il 21/05/20

ADDIO 30 GIORNI Multe, si ritorna di colpo alle tempistiche pre-COVID. Finora le misure in vigore prevedevano la possibilità di pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% entro 30 giorni dalla notifica. Oggi, inaspettatamente e in anticipo rispetto a quanto stabilito, si torna ai canonici 5 giorni. Ecco perché. 

LE NUOVE REGOLE  L'allungamento dei tempi per pagare le multe in misura ridotta era contenuto nel Decreto Rilancio, con una opportuna modifica all’articolo 108, con la proroga di 30 giorni confermata fino al 31 luglio. Con un improvviso dietrofront, il Governo ha invece fatto sapere che si tornerà subito alla distanza dei cinque giorni. Specificando anche come la vecchia-nuova regola si applicherà non solo alle multe per violazioni del Codice della Strada, ma anche a eventuali sanzioni giunte a seguito dell'inosservanza dei vari Dpcm. 

LE RAGIONI Ma qual è il motivo di questo ritorno ai tempi strettissimi? Secondo l'ASAPS (Associazione amici Polizia Stradale) la causa è da ricercare nella confusione che si è creata a seguito dell'introduzione di nuove leggi, ordinanze regionali, decreti e chi più ne ha più ne metta. Si vedrà se con le prossime modifiche apportate al Decreto sarranno ripristinati i 30 giorni di proroga o se, invece, si confermerà il ritorno ai cinque giorni. 


TAGS: multe speciale coronavirus proroga pagamento multa