Pubblicato il 18/03/2020 ore 19:28

QUARANTENATI Non si sa mai, storditi come siamo da decreti, bollettini, news, fake news, modelli di autocertificazione. Il decreto dell'11 marzo impone a tutti di restare in casa, e di uscire solo in caso di necessità. Non fa distinzione, il testo, tra mezzi a motore, mezzi a pedale, a vapore, a elica, a cingoli, etc. Nemmeno abbandonare il domicilio a piedi è consentito, salvo appunto se lo spostamento è motivato da esigenze valide. Ne deriva che anche monopattini et similia sono interdetti al transito, se non per le ragioni di lavoro, spesa alimentare ed emergenze sanitarie. 

DURA LEX SED LEX Quindi: niente monopattini elettrici, stop anche a segway, hoverboard, monowheel e altri dispositivi di micromobilità. Se proprio non possiamo fare a meno di lasciare casa, e il monopattino è il solo strumento di locomozione, pregasi munirsi di autodichiarazione, in particolare dell'ultima release del modulo. Le immagini ''virali'' di Marco Castoldi, in arte Morgan, che canticchia a bordo del suo velocipede non sono esattamente un buon esempio (è a spasso o è fuori casa per necessità?) e possono indurre a pensare che i monopattini (specie se appartenenti a un ''vip'') godano dell'impunità. Non è così. Piaccia o no, è vietato muoversi. Così come la legge è uguale per tutti. 


TAGS: controlli della polizia monopattini elettrici speciale coronavirus