Pubblicato il 12/03/2020 ore 17:10

#RESTATEACASA Sui social media, al tg, sui giornali e in ogni dove riecheggia sempre la stessa frase: restate a casa. All’accorato appello si sono aggiunti piloti del motomondiale, personaggi dello show biz, perfino il Papa, ovviamente in aggiunta alle istituzioni e al personale sanitario che sta facendo i miracoli per arginare quella che, notizia di ieri sera, è ormai una pandemia secondo l’OMS. La circolazione su strada è limitata alle sole situazioni necessarie, il discorso vale ovviamente anche per le due ruote.

QUANDO Sì La moto o lo scooter rimarranno ferme fino al 3 aprile dunque? La risposta, almeno secondo la legge è no. Se utilizzate per recarsi sul luogo di lavoro – rigorosamente in possesso di autocertificazione – o per situazioni di necessità (fare la spesa, recarsi in farmacia o all’ospedale per degli esami) le due ruote possono essere utilizzate.

QUANDO NO Il clima primaverile, la vita sociale ridotta a zero e magari la possibilità di fare un giro infrasettimanale non vi devono indurre in tentazione: l’utilizzo autorizzato è solamente per le attività elencate sopra, niente giro al lago, niente enduro nei boschi o attività in pista (circuiti peraltro già con i cancelli serrati da qualche settimana)

LE PENE PER CHI “EVADE” E non pensate di evadere e farla franca. Su strada gli agenti di Polizia Strada, Polizia Locale, Carabinieri e le altre forze di polizia stanno effettuando rigidi controlli. Non saranno dei check point in stile militare, ma se non saprete giustificare il vostro spostamento le FdO potranno comminarvi un’ammenda– in base all’art. 650 del codice penale – che va da 206 euro fino anche all’arresto (3 mesi).Controlli stradali per Coronavirus

FATELO PER IL PROSSIMO Detto quando si può utilizzare o meno la moto e le sanzioni che possono venire applicate è tempo di fare qualche riflessione. Mi rivolgo a quelli che devono ancora recarsi a lavoro e scelgono di farlo in moto. È vero che la moto è forse il mezzo più anti-coronavirus essendo da soli e coperti da casco e guanti (li usate vero?), ma è proprio necessario utilizzarla? La moto (così come lo scooter) nasconde un rischio intrinseco, l’instabilità delle due ruote, che forse è proprio uno dei motivi per cui ci piace tanto rispetto alle quattro ruote. Ma è il caso di esporsi al rischio di una scivolata? Le strutture ospedaliere in questo periodo sono davvero sovraccariche, non sarebbe meglio lasciarla nel box e per una volta usare l’auto? Tanto c’è anche meno traffico in questo periodo!

NOI CI FERMIAMO Noi nel nostro piccolo, anche per dare un esempio, abbiamo deciso di interrompere le prove su strada fino a quando l’emergenza sarà rientrata. Un atto dovuto, per il bene di tutti! Quando tutto ciò sarà finito torneremo in sella, apprezzeremo di nuovo il vento in faccia e il brivido di una piega, nel frattempo sistemate il box, pulite la moto e pianificate nuovi giri, quando tutto sarà finito sarà ancora più bello!


TAGS: covid 19 divieto circolazione coronavirus permesso di circolazione coronavirus iorestoacasa speciale coronavirus