Pubblicato il 03/01/2020 ore 12:30

MONOPATTINI ELETTRICI Come sapete, a MotorBox siamo molto attenti alle forme di mobilità alternativa ed elettrica, e in particolare abbiamo dedicato molti articoli ai monopattini elettrici, che negli ultimissimi tempi sono diventati tra i più notevoli protagonisti delle nostre città.
Tra recensioni e aggiornamenti sul loro travagliato percorso burocratico, cerchiamo sempre di tenervi aggiornati sulle modalità di circolazione di questo nuovo e interessante mezzo di trasporto.

LEGGE DI BILANCIO 2020 Non faremo quindi certo eccezione ora che tutto sembrerebbe suggerire che ci troviamo di fronte a una svolta. Infatti dal 1 gennaio di quest’anno, grazie alle novità della Legge di Bilancio 2020, i monopattini elettrici fino a 500 watt sono equiparati alle biciclette, il che si traduce nella libera circolazione su strada, urbane e extraurbane comprese.

Monopattini elettrici come le bici, per legge. Tutte le regole

EQUIPARATI ALLE BICICLETTE L’equiparazione alle biciclette (che sottolineamo anche riguardare soltanto i monopattini, escludendo segway, hoverboard e similari) rende soggetti i veicoli e i loro utenti agli articoli del Codice della Strada che riguardano le due ruote, anche se ovviamente non per tutti i singoli aspetti si possono sovrapporre i due diversi mezzi di trasporto. Un altro elemento su cui si attende ulteriore chiarezza sono gli aspetti che entrerebbero in conflitto con il decreto del Ministero dei Trasporti di cui già vi avevamo parlato quest’estate: assai più restrittivo, lasciava soprattutto ampio margine alle regolamentazioni comunali, situazione che ora invece dovrebbe venire superata.

TUTTE LE REGOLE Vediamo intanto nel dettaglio quali diritti, doveri e indicazioni comporta a oggi questa nuova equiparazione alle biciclette.

  • Si può circolare su strada, sì, ma solo in assenza di piste ciclabili. Se nell’area in questione è presente una pista ciclabile, è lì che bisognerà circolare con il monopattino.
  • Aree pedonali. Nelle aree pedonali si può circolare a meno che non sia espressamente vietato. E il divieto dovrebbe nel caso essere segnalato attraverso la cartellonistica stradale. Inoltre è vietato arrecare pericolo o intralcio ai pedoni, pertanto in situazioni affollate o pericolose bisogna scendere dal veicolo e condurlo a mano. Questa regola, non sempre rispettata, vale (come tutte le altre) anche per la circolazione delle biciclette nelle aree pedonali.
  • È vietato circolare nei percorsi pedonali.
  • Sulle strisce, proprio come nelle aree pedonali, in caso di affollamento, pericolo o situazioni analoghe, il monopattino va condotto a mano.
  • Sulle strade, citiamo testualmente, i monopattini “devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due; quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell’altro”.
  • I conducenti devono avere le mani e le braccia libere, e tenerle sul manubrio se non per segnalare le svolte.
  • Sul monopattino elettrico non si possono trasportare passeggeri.
  • Trasporti. Ancora testualmente dall’articolo di legge: “è vietato trasportare oggetti che non siano solidamente assicurati, che sporgano lateralmente rispetto all'asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso oltre i cinquanta centimetri, ovvero impediscano o limitino la visibilità al conducente. Entro i predetti limiti, è consentito il trasporto di animali purché custoditi in apposita gabbia o contenitore”. Insomma in pratica l’unico trasporto consentito può essere quello di uno zaino non troppo voluminoso.
  • Fuori città da mezz’ora dopo il tramonto a mezz’ora prima del sorgere del sole (nonché nelle gallerie) è obbligatorio indossare un giubbotto riflettente quando ci si mette alla guida di un monopattino elettrico.
  • Sistemi di sicurezza vari. Per poter circolare secondo legge il monopattino elettrico deve essere equipaggiato di campanello, freno anteriore e posteriore, luce anteriore (bianca o gialla) e posteriore (rossa) e luci catarifrangenti posteriore (rosso) e laterali (gialli).
  • Non obbligatori casco e assicurazione. Il casco per il momento non è obbligatorio, anche se potrebbe presto diventarlo per i minori di 12 anni; mentre l’assicurazione non è obbligatoria per quanto vada sempre tenuto conto della responsabilità civile del proprietario del veicolo (e non del conducente, a meno che il proprietario non possa dimostrare che l’uso del veicolo è avvenuto contro la sua volontà).

PROSSIMAMENTE? Questo dovrebbe essere tutto, per ora. Anche se sospettiamo di dovervi presto dare ancora nuovi aggiornamenti rispetto alla già lunghissima storia burocratica di questi mezzi di trasporto.


TAGS: mobilità sostenibile monopattini elettrici legge di bilancio