F1 | Up & Down, i top e flop del GP Arabia Saudita 2022
U&D

Up & Down GP Arabia Saudita 2022


Avatar di Luca Manacorda , il 28/03/22

1 mese fa - Up & Down, i top e flop del GP Arabia Saudita 2022

Verstappen che festeggia in modalità "La rappresentante di Pista" lancia la puntata sul tumultuoso GP Arabia Saudita
Benvenuto nello Speciale T&F, composto da 46 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario T&F qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!
 

Verrebbe da dire weekend scoppiettante in quel di Gedda, ma dopo quanto successo venerdì forse è meglio trovare altri termini. Ad ogni modo, tra piloti che sfoderano tremendi jolly, perculate tra compagni di squadra e tremende delusioni, questo 2022 ci ha regalato un altro scoppiettante gran pr... no aspè, un altro EMOZIONANTE gran premio. Posiamo dunque gli estintori e scopriamo chi ha fatto fuoco e fiam... ehm, scopriamo il meglio e soprattutto il peggio del GP Arabia Saudita con i nostri consueti Up&Down.

Apriamo la puntata con l'incontro tra Toto Wolff e la celebre band dei Black Eyed Peas. Il boss della Mercedes è stato contattato per uno speciale featuring in una delle prossime canzoni del gruppo americano e nel paddock di Gedda è stato visto discutere a lungo con i musicisti e in particolare con il loro leader Will.i.am. (quello vestito di giallo nella foto, per chi non lo conoscesse). Ebbene, quando l'accordo per la collaborazione sembrava ormai a un passo, tutto è naufragato per il rifiuto di Wolff di unirsi al gruppo con il nomignolo scelto per lui da Will.i.am. WOLFF.NO.MICKEY.NOOO

F1 2022, GP Arabia Saudita: la contrattazione tra Black Eyed Peas e ToTroll F1 2022, GP Arabia Saudita: la contrattazione tra Black Eyed Peas e ToTroll

TOP
Max Verstappen
: dopo la beffa del Bahrain, dove era stato spernacchiato dalla strategia di Leclerc sui sorpassi prima di venire appiedato dalla sua Red Bull, in Arabia Saudita il buon MV Megusta era pronto a usare ogni arma per vincere. E così lo abbiamo visto inchiodare prima della linea del DRS, na roba mai vista in F1, mettere pressione alla Ferrari e alla direzione gara con le sue continue lamentele via radio (e le luci che non funzionano, e la linea di ingresso box toccata, e la distanza non corretta nei periodi di neutralizzazione...), ma soprattutto utilizzare il suo jolly supremo. Parliamo ovviamente dello schianto a muro di Latifi, un assist sempre meraviglioso per le vittorie di Verstappen, servito questa volta soprattutto per stroncare i sogni di gloria di un Perez che tra i muretti arabi sembrava la reincarnazione di Senna tra le strade di Montecarlo. MA DOVE VAI SE LATIFI NON CE L'HAI

GARANZIA LATIFI Una grande legge della F1 moderna si è confermata anche a Jeddah, ma che spettacolo il duello tra Max Verstappen e Charles Leclerc!

Pubblicato da U&D - Il meglio e il peggio della Formula 1 su Domenica 27 marzo 2022

PILLOLE DI UP
Charles Leclerc
: altro weekend gagliardo per Sciarl, ma questa volta la strategia di farsi superare al momento giusto funziona solo una volta contro un Verstappen pronto anche a parcheggiare la Red Bull in pista pur di non dare il DRS al pilota della Ferrari. La strategia del ''Prego, passi prima lei'' stavolta premia l'olandese, che poi beffa il Predestinatohhh pure nel dopogara, lasciandolo entrare per primo in sala stampa per la conferenza e poi facendosi attendere per diversi minuti, con Sainz che ha infierito sul compagno di squadra cantandogli una versione rivisitata della canzone portata da Tananai a Sanremo. FESSO OCCASIONALE

Carlos Sainz: ancora un podio per Carlitos, che però non riesce di nuovo a inserirsi nella battaglia per la vittoria. Questa volta a rallentarlo è stato lo choc causatogli da quello che voleva essere un apprezzamento alle qualità della sua Ferrari, ma che dopo i fatti di venerdì ha lasciato nello spagnolo un generale stato di apprensione. HA L'ANSIA SAUDITA

Esteban Ocon: decide di andare incontro alle peggiori sventure usando sfacciataggine, irreverenza e un discreto quantitativo di maleducazione nel duello tutto in rosa con lo Sciamano di Oviedo. La cosa sorprendente è che alla fine gli dice pure bene, perché a ritirarsi è Alonso e non lui. Nei suoi panni, però, ora non dormiremmo sonni tranquilli, basta vedere lo sguardo carico di rancore dello spagnolo nella foto qui sotto. Una curiosità: venerdì era stato il primo pilota ad accorgersi dell'incendio dello stabilimento Aramco, ma nessuno gli aveva creduto, scambiando il suo allarme per un urlo di autoincitamento. FUOCON! FUOCON!

F1 2022, GP Arabia Saudita: lo Sciamano d'Oviedo guarda bruttissimo il compagno di squadra F1 2022, GP Arabia Saudita: lo Sciamano d'Oviedo guarda bruttissimo il compagno di squadra

FLOP
Nicholas Latifi
: conferma il suo difficile rapporto con le barriere sui circuiti del Medio Oriente riuscendo nell'impresa di stamparsi sia in qualifica sia in gara, peraltro in due modi da vero pivello del volante. Non stupisce dunque che su Facebook abbia aggiornato la situazione sentimentale con ''In una relazione complicata con i muretti'', mentre all'interno del box Williams oramai lo salutano storpiandone il nome e puntualmente trovando conferma con quanto accade in pista poco dopo. NICHOLASBATTI

F1 2022, GP Arabia Saudita: Nicholasbatti conferma la sua fama F1 2022, GP Arabia Saudita: Nicholasbatti conferma la sua fama

VEDI ANCHE



PILLOLE DI DOWN
Lewis Hamilton: weekend da incubo per Luigino, ritrovatosi sabato una Mercedes che sul dritto viaggiava quanto una Classe A del '97 e dunque eliminato già nel Q1 come non succedeva da quando ancora TikTok non era un social in cui numerosi cinquantenni perdono la dignità con balletti sgraziati. In gara era riuscito a raddrizzare le cose, prima che la sua strategia venisse rovinata dalle varie neutralizzazioni e dalla pitlane chiusa nel momento peggiore. Chiude decimo chiedendo con curiosità via radio se quella posizione assegna ancora punti e accoglie come un segno divino la risposta affermativa di Bono. PUNTO DEL SIGNORE

Mick Schumacher: il passaggio dal confronto con Mazepin a quello con Magnussen si sta rivelando più duro del previsto per il figlio del Kaiser. Questa volta sale sulla sua Haas e la distrugge prima ancora che il weekend sia entrato nel vivo, facendoci prendere un bello spavento e trattando la monoposto americana come quegli oggetti tipici del consumismo inquinante che tanto fanno incazzare Greta Thunberg. USA E GEDDA

I PREMI DI U&D
PREMIO ' PASTORONE APPROVA'
Alex Albon:
 siccome la Williams aveva già dato una bella mano a Verstappen con Latifi, anche AA non è voluto essere da meno e così nel finale di gara ha ben pensato di speronare Stroll in un impeto di invidia sociale. Una manovra persino comprensibile quella dell'anglothailandese, se non fosse per il fatto che ha fatto uscire bandiere gialle togliendo una grossa opportunità di sorpasso a Leclerc. La durezza della manovra gli vale il nostro premio più ambito, con un consiglio però: Alex, se vuoi arrivare a correre i gran premi in Italia senza ricorrere alla scorta, la prossima volta sta manovra falla dopo la bandiera a scacchi o fondamentalmente quando non rompi i maroni a chi lotta per la vittoria. ALBON INTENDITOR...

F1 2022, GP Arabia Saudita: premio 'Pastorone Approva' F1 2022, GP Arabia Saudita: premio 'Pastorone Approva'

PREMIO 'BIEN'
Yuki Tsunoda:
forse per spegnere sul nascere le voci di favoritismi verso l'unico pilota giapponese del quartetto Red Bull-AlphaTauri nate dopo il GP Bahrain, ecco che in Arabia Saudita il piccolo giapponese è stato bersagliato dalla sfiga, percorrendo tra qualifiche e gara meno metri di quelli percorsi da Marcell Jacobs per vincere l'oro ai recenti mondiali indoor di atletica leggera. Straziante l'urlo del suo ingegnere di pista che non riusciva a trovare risposte ai continui problemi tecnici. TSU NON VA!

PREMIO 'MAINAJOLYON'
Sergio Perez
: continua l'inizio di stagione da vero MaiNaJolyon per il povero Checo. Se in Bahrain ha perso il podio a pochi chilometri dalla bandiera a scacchi, in Arabia Saudita si è visto rovinare una gara che stava dominando dal perfetto tempismo di Latifi, schiantatosi giusto alcuni istanti dopo il suo pit-stop. Insomma, questioni di pochi secondi che in due gare l'hanno fatto passare da un potenziale bottino di 40 punti agli attuali miseri 12. Quando Perez ha realizzato il tutto, è rimasto paralizzato con lo sguardo perso nel vuoto, mentre il suo massaggiatore cercava inutilmente di sbloccarlo e Chris Horner non riusciva a trovarlo per la foto celebrativa della vittoria di Verstappen. CERCO PEREZ

F1 2022, GP Arabia Saudita: Checo paralizzato dopo la gara F1 2022, GP Arabia Saudita: Checo paralizzato dopo la gara

RAPPRESENTAZIONE DA OSCAR
Molti ormai avranno già visto il celebre schiaffo in de feis di Will Smith a Chris Rock nella notte degli Oscar appena andata in scena. Un episodio clamoroso che serve anche come perfetta rappresentazione di ciò che accade sui rettilinei di questi primi gran premi di F1 2022 tra Charles Leclerc e Max Verstappen. 

Grazie a Will Smith che stanotte sul palco degli Oscar ha ben rappresentato uno dei temi chiave in questo inizio di...

Pubblicato da U&D - Il meglio e il peggio della Formula 1 su Lunedì 28 marzo 2022

PS
Oh comunque seriamente raga, vedete di sbloccare subitamente Perez che lo vogliamo di nuovo vedere ballare come in questa meravigliosa gif, un gioco di anche (intese come ossa) che Shakira levati lestissima ti sto dicendo.

Vuoi vedere in anteprima i meme senza aspettare la puntata post GP? Cerchi materiale inedito di U&D? Vuoi interagire con noi anche lontano dai weekend di gara? Non perdere tempo e metti “Mi piace” alla pagina Facebook di U&D! La trovi cliccando qui -> U&D - Il meglio e il peggio della Formula 1E se ancora non ti basta, ora puoi seguire i U&D anche su Instagram, cliccando qui -> TopFlopF1


Pubblicato da Luca Manacorda, 28/03/2022
Tags
Gallery
T&F
Logo MotorBox