Pubblicato il 30/11/20

L'eroico e pazzerello Grosjean si prende tutte le attenzioni questa settimana, in una puntata che comprende improbabili camuffamenti, colpi di genio, grandi quesiti, proverbi inascoltati e ancora tanto, tanto altro. E allora tenetevi a portata di mano un estintore che non si sa mai e partiamo assieme alla scoperta del meglio, ma soprattutto del peggio, dell'incendiario weekend del GP Bahrain.

Apriamo la puntata con il curioso tentativo escogitato da Sebastian Vettel per evitare di correre i due gippì in programma in Bahrain, su due tracciati che si preannunciano un bagno di sangue per la depotenziata Ferrari. Il tedesco ha risposto all'annuncio online degli organizzatori che cercavano volontari per guidare i pickup dei marshall. Date le competenze è stato ovviamente scelto al volo all'insaputa del team di Maranello. Nonostante il tentativo di camuffare la fuga indossando come d'abitudine la tuta della Rossa, Sebbb è stato beccato e intercettato già venerdì mattina e costretto, controvoglia, ad andare incontro all'ennesimo weekend di melma. Rivedibile anche il finto nome bahreinita che si era inventato per l'occasione. SE BIN STIAN VET EL KHALIF

F1, GP Bahrain 2020: il tentativo di camuffamento di Sebbb

TOP
Romain Grosjean
: parliamoci chiaro. Se l'ennesima manovra insensata fatta nelle prime fasi di un gippì si fosse conclusa con il consueto botto contro le barriere, saremmo tutti qui a criticare per l'ennesima volta le follie del Romano. E invece no. Prossimo all'addio alla F1, il francese si è trasformato in eroe da film hollywoodiano, uscendo miracolosamente da solo dai rottami infuocati di una monoposto spezzata in due e incastrata dentro a un guard-rail. Roba da proclamazione immediata a Santo Romano Protettore dei Piloti Scapestrati. Stante la scarsa competitività della sua Haas, questo era l'unico modo per mettersi in mostra e chiudere la carriera con un piccolo grande record: venire eletto Driver of the Day di una gara in cui ha corso per un chilometro o poco più. GROSGENIO

PILLOLE DI TOP
Lewis Hamilton
: obbiettivamente, questo weekend per vari motivi il Luigino ce lo siamo cacati poco. Pure lui è apparso un po' sottotono nelle celebrazioni per gli ennesimi successi: pole numero 98, vittoria numero 95 e la tripla cifra sempre più vicina. C'è da dire che lui stesso aveva dato tutto nello sfrenato shopping tra le offerte del venerdì, il vero obbiettivo di questo fine settimana. BLACK FRIDAYS MATTER

Alex Albon: sul podio del GP Bahrain era più fuori luogo di un tutorial Rai su come fare la spesa in maniera sexy, ma quantomeno questa volta AA ha avuto il merito di farsi trovare al posto giusto nel momento giusto, ossia essere quarto alle spalle del povero Perez invece che immischiato nella lotta per le posizioni di rincalzo come troppo spesso gli capita. Basterà per allontanare il fantasma di Hulkenberg dal suo sedile? Albon se l'è chiesto fissando per 35 minuti la gigantografia di Chris Horner nel box Red Bull. AI POSTER L'ARDUA SENTENZA

F1, GP Bahrain 2020: AA che fissa il poster di Horner

FLOP
Valtteri Bottas
: dopo la Turchia, anche in Bahrain prende schiaffi fortissimi in gara, fin dal via. Il suo calo di rendimento nel mese di novembre va di pari passo con il baffo coltivato per l'iniziativa Movember e mostrato con grande orgoglio sui social. È evidente che il Waltterio durante la gara viene stordito dai vapori che si alzano dai suoi mustacchi all'interno del casco, come avrebbe dovuto imparare da un noto proverbio finnico. DI VODKA E DI F**GNA IL BAFFO S'IMPREGNA

PILLOLE DI FLOP
Ferrari
: come prevedibile considerate le caratteristiche del circuito, in Bahrain non è arrivato un altro risultato simile a quello della Turchia e così a Maranello hanno subitamente deposto le speranze di un incredibile rincorsa al terzo posto nei Costruttori. Solo che c'è modo e modo di tornare nella mediocrità: passi la doppia eliminazione al termine della Q2, ma poi i due piloti si sono di nuovo sfanculati al via, Vettel ha fatto un altro 360° e i pit-stop sono stati sempre piuttosto lenti. Inoltre, vedendo la SF1000 di Leclerc sverniciata a ripetizione sui rettilinei, c'è chi ha pensato che più che di una monoposto si trattasse di quella che viene definita ''una formazione sedimentaria comune nei paesi desertici'' come il Bahrain. ROSSA DEL DESERTO

F1, GP Bahrain 2020: il disinteresse dei ferraristi per la Q3

Max Verstappen: dice ''ma come? Secondo posto in qualifica, secondo posto in gara, e me lo metti tra i Flop?''. Essì, MV Megusta è stato autore di un altro weekend bello solido, ma non possiamo sorvolare sul misero fallimento della strategia da lui ideata per cercare di confondere Hamilton. Dopo aver visto nel parcheggio dell'aeroporto di Amsterdam tre loschi tizi gabbare dei babbei con il gioco delle tre carte, l'olandese ha provato a replicare il trucco in gara, con una serie di pit-stop in cui ha fatto girare vorticosamente gomme dure e gomme medie. Luigino è rimasto piuttosto impassibile e così a MV non è rimasto che provare a negare tutto in conferenza stampa. MAX TRECARTTEN

F1, GP Bahrain 2020: MV che giustifica soste

I PREMI SPECIALI DI T&F
PREMIO 'PASTORONE APPROVA'
Daniil Kvyat
: c'è da dire che fondamentalmente non è colpa sua se chi gli sta attorno decide di sterzare come se l'AlphaTauri di Er Torpedo non fosse altro che un ologramma. Dettaglio che forse sfugge agli steward quando gli appioppano 10 secondi di penalità per l'incidente con Stroll. Dopo essersi preso un bello spavento vedendo negli specchietti la sfiammata di Grosjean e avendo partecipato al revival del celebre cappottone di Gutierrez innescato proprio da Pastorone Nostro, il premio più ambito dei T&F se l'è sicuramente meritato. Ora speriamo che i suoi colleghi facciano più attenzione quando sono nei suoi paraggi, verificando la sua presenza invece di usarlo senza ritegno come spondino per incidenti spettacolari. KVYAT LÀ?

F1, GP Bahrain 2020: premio 'Pastorone Approva'

PREMIO 'COLLOMUNITO APPROVA'
Lance Stroll
: quanto accaduto alla ripartenza del GP Bahrain meritava un premio specialissimo. A guadagnarselo è il buon PaStrollone, che decide di prolungare la sua striscia di gare di melma che dura ormai dal podio di Monza andando a fare compagnia al Collomunito Gutierrez nella brevissima lista di piloti che si sono messi per cappello una monoposto di F1 sul circuito del Sakhir. La sua giravolta verrà usata in Canada per lanciare lo spot di un nuovo prodotto di carne arrotolata. BON STROLL

F1, GP Bahrain 2020: premio 'Collomunito approva'

PREMIO 'BIEN'
Sergio Perez
: io non vorrei passare per complottista, ma è la seconda volta che a Perez sfugge nel finale un podio meritatissimo per colpe non sue, in gare in cui Stroll invece è già ritirato o fuori dalla zona punti (l'altra volta fu a Imola). Oddio, forse stavolta una colpa ce l'ha: quel messaggio radio rivolto alla sua squadra ''Vi siete addormentati? Sveglia, sveglia!'' ha scatenato la rabbia della famiglia Stroll (sotto, il messicano chiede umilmente scusa) che probabilmente ha fatto ricorso al tasto 'Bien', pulsante ideato da Alonso che permette di innescare problemi di affidabilità sulle monoposto dei compagni di squadra. Pulsante che peraltro ben si integra con il nome del gippì appena disputato. BIENRAIN

F1, GP Bahrain 2020: Perez che chiede scusa

SENTI CHE BEL RHUMOR
L'angolo dedicato ai migliori tweet di @FormulaHumor si apre con una curiosità targata Ferrari. In effetti, quando si è particolarmente lenti sul dritto conviene essere sicuri che chi sopraggiunge ti veda con largo anticipo:

Il weekend si annuncia subito difficile per la Rossa e così torna ad essere probabile un mesto sesto posto tra i Costruttori, che permetterà quantomeno alla Ferrari di avere più ore di galleria del vento a disposizione in vista della prossima stagione. Ma forse non è proprio quello che serve:

@FormulaHumor - 27 nov
Giusto andare male per arrivare dietro nel mondiale così da avere ore in più in galleria del vento. Soprattutto se pensi che la parte dove occorre migliorare di più è il motore.

Domenica la prospettiva si fa sempre più concreta e con essa il dubbio che a Maranello non sapranno che farsene di tutte quelle ore in galleria del vento:

LO SAPEVATE?
Dopo il grande successo riscontrato in Italia, la LIDL ha scelto Esteban Ocon come testimonial per il lancio di un nuovo paio delle sue scarpe, destinate al mercato francese. La particolarità della calzatura, che il francese sfoggia nella foto qui sotto, è che all'interno della suola è inserita una lastra di piombo del peso di 3 kg, ideale per garantire la massima aderenza al suolo anche in caso di forti raffiche di vento alle persone che come lui sono particolarmente alte e magre. Considerato il prezzo di vendita di 12,99€, è azzeccatissimo anche lo slogan ideato per la pubblicità. OCON IL PREZZO È GIUSTO

F1, GP Bahrain 2020: Ocon con le scarpe della LIDL edizione francese

Vuoi vedere in anteprima i meme senza aspettare la puntata post GP? Cerchi materiale inedito di T&F? Vuoi interagire con noi anche lontano dai weekend di gara? Non perdere tempo e metti “Mi piace” alla pagina Facebook di Top & Flop! La trovi cliccando qui -> T&F – I Top & Flop della Formula 1 E se ancora non ti basta, ora puoi seguire i T&F anche su Instagram, cliccando qui -> TopFlopF1


TAGS: f1 GP bahrain Top & Flop T&F