Pubblicato il 07/09/20

La vittoria sfumata e la prospettiva di andare in Ferrari nel momento peggiore innervosiscono Carlos Sainz, che in conferenza stampa a Monza replica il gesto di stizza di Nico Rosberg ad Austin nel 2015. Per consolarlo lo mettiamo sulla copertina dei T&F sul gippì più sorprendente degli ultimi anni, dal quale inevitabilmente attingiamo a piene mani per questa puntata. Piloti che si riscattano, botte di culo, traumi, team distratti e team spettatori, c'è davvero di tutto. E allora lasciamo passare le Frecce Tricolori e andiamo a scoprire il meglio, ma soprattutto il peggio, del weekend del GP Italia.

Apriamo la puntata con il doveroso omaggio alla famiglia Williams che dopo 43 anni lascia la F1 affidando la mitica scuderia inglese ai nuovi proprietari di Dorilton Capital. Per i dipendenti del team è stata anche l'occasione per vendicarsi delle ultime stagioni vissute nel segno della mestizia. Nella festa d'addio, infatti, Claire Williams avrebbe dovuto ricevere in regalo una monoposto autografata da tutto lo staff. Forte dunque lo stupore della figlia di sir Frank quando si è vista recapitare solo il muso. Il resto della vettura, quella con la mitica livrea Martini vista fino a un paio di anni fa, è stato invece venduto su internet e il ricavato diviso tra tutto il personale. Alla Claire non è rimasto che pronunziare la stessa frase detta da Robert Kubica e George Russell all'inizio dei test invernali dello scorso anno, quando la FW42 non era ancora pronta.

F1, GP Italia 2020: la sorpresa per Claire

TOP
Pierre Gasly
: che dire dell'impresa del PR milaneseh [cit. telecronaca Sky/Tv8]? Probabilmente l'aria di casa e il giovedì sera passato a distribuire riduzioni per l'aperitivo sui Navigli come ai vecchi tempi hanno galvanizzato il pilota dell'AlphaTauri, che ha così replicato l'impresa di Vettel di 12 anni fa. Tornare al team di Faenza gli ha fatto sicuramente bene, il problema è che ora rischia nuovamente di venire promosso in Red Bull e ricominciare a vivere il disagio della prima parte della passata stagione. Anche per questo, nel corso dei festeggiamenti serali, è stato visto e sentito fare karaoke su una canzone della Pausini con un testo leggermente modificato. DA MARKO ME NE SONO ANDATO E NON RITORNO PIU'

F1, GP Italia 2020: Marko e Horner si confrontano sul cambio di pilota

PILLOLE DI TOP
Lance Stroll
: è probabile che babbo Lawrence gli abbia comprato anche la bandiera rossa, perché non si spiega altrimenti la strategia della Racing Point che magicamente lo proietta al primo posto virtuale alla ripartenza. Ci mette comunque del suo a ricordarci che proprio tutto sto fenomeno non è, compiendo una discreta collezione di cappellate nelle prime curve e lasciando che siano giustamente Gasly e Sainz a giocarsi la vittoria. A fine gara risponde con strafottenza al compagno di squadra Perez che gli faceva notare i loro diversi destini nella gara di ieri. IL SUO È CULO, LA MIA È CLASSE, CARO IL MIO MESSICANAZZO

Lando Norris: questa volta perde il confronto diretto con Sainz sia in qualifica sia in gara, ma la prestazione di FerLando è tutt'altro che da buttare. Gran sorpasso su Bottas nel primo giro e nessuna sbavatura nel difendere un quarto posto che lo proietta addirittura dietro ai big 3 in classifica generale. L'unico momento triste del weekend è quando rompe una bottiglia durante i festeggiamenti in casa McLaren, rimanendoci male di brutto. TRAUMATIZZANDO NORRIS

FLOP
Red Bull
: l'introduzione del divieto del party mode li porta ad approcciarsi al weekend con eccessiva confidenza, finendo per incappare in una figuraccia colossale. Verstappen si ritira dopo una progressiva discesa verso la parte bassa della classifica, zona che invece Albon frequenta per l'intero fine settimana di Monza. Il tutto mentre l'AlphaTauri di Gasly vince meritatamente. Atteggiamento sbagliato fin dal giovedì, quando i due piloti hanno girato per il circuito con la riproduzione in miniatura del noto fuoristrada utilizzato dall'esercito americano, finendo per replicarne anche le prestazioni velocistiche. IT'S HUMMER TIME

F1, GP Italia 2020: Hummer time per i piloti Red Bull

PILLOLE DI FLOP
Valtteri Bottas
: non solo prosegue nel trend di prestazioni sottotono che hanno seguito il rinnovo di contratto con la Mercedes, ma si incacchia anche se glielo fanno notare. Talmente negazionista da fare una capatina sabato alla manifestazione di Roma, alla domenica prova a giustificare la partenza da incubo segnalando forature e danni vari che prontamente vengono smentiti via radio dal team. KOMPLOTTISTA

Ferrari: nessuno si aspettava miracoli nella gara di casa, ma quantomeno evitare di far peggio del Belgio sarebbe potuta essere una bella cosa. E invece il fondo non si è ancora toccato, se al sabato la consueta gestione demenziale del timing costa l'eliminazione di una macchina già nel Q1 e alla domenica nessuna delle due arriva a metà gippì. Vettel aveva già capito tutto, prima comprando la versione cartonata dei membri del team da piazzare sulla tribuna centrale e poi accomodandosi lui stesso in Parabolica ad assistere al resto delle qualifiche sabato. SPETTATORI

F1, GP Italia 2020: Vettel si gode le qualifiche dalla Parabolica

Alex Albon: un GP Italia da dimenticare per l'anglo-thailandese, il cui sedile in Red Bull è sempre più in bilico. Di sicuro, non è stata una bella idea presentarsi in queste condizioni al circuito a mezzogiorno della domenica, dopo una mattinata a spasso per i centri massaggi di Milano. CHE SHIATSU FAI?

F1, GP Italia 2020: Albon in modalità centro massaggi

I PREMI SPECIALI DI T&F
PREMIO 'PASTORONE APPROVA'
Charles Leclerc:
il monegasco fa sua una delle leggi fondamentali di Pastorone Nostro, quella che recita ''se la tua macchina fa schifo, non perdere tempo a cercare di portarla al traguardo, ma distruggila contro le barriere''. Compito perfettamente eseguito in uscita dall'ultima curva, evitando così ai tifosi Ferrari la triste scena di una Rossa sverniciata un po' da chiunque sui rettilinei di Monza. Insomma, un gran gesto altruista da parte di The Young Pope. LA PARABOLICA DEL BUON SAMARITANO

F1, GP Italia 2020: premio Pastorone Approva

PREMIO 'BIEN'
Lewis Hamilton: 
sembra incredibile, ma per una volta il Luigino perde una vittoria già scritta per un più che discreto colpo di sfiga. Il ritiro di Magnussen dà il via alla tempesta perfetta che nega al treccinato la vittoria numero 90 in F1, rendendo impossibile raggiungere il record di Schumacher nella gara al Mugello. Pericolo scampato per la Ferrari, che deve ringraziare una clamorosa bienizzazione chiaramente orchestrata dal terribile duo Alonso-Mazzoni, maestri supremi delle gufate. Sabato, mentre Hamilton festeggiava ignaro l'ennesima pole position, un messaggio dagli effetti devastanti compariva infatti nel tabellone alle sue spalle. IL GUFATO NON FA 90

F1, GP Italia 2020: la gufata a Lewis Hamilton dopo la pole position

PREMIO 'MAINAJOLYON'
Carlos Sainz:
l'eroe sfortunato del weekend, vede svanire per un soffio la prima vittoria in F1 e poi scoppia in lacrime quando via radio gli dicono ''dai che l'anno prossimo ne potrai vincere tante altre con la Ferrari!''. Nelle gare pazze, come fu anche il GP Brasile dello scorso anno, si ritrova sempre Gasly un gradino più in alto di lui. A proposito di Interlagos 2019: per completare il momento mainajolyon, Sainz vanta ora un curioso record. È infatti il pilota che ha la più alta percentuale (100%) di podi festeggiati davanti a nessuno, visto che in Brasile il terzo posto arrivò molto dopo la bandiera a scacchi per via della penalizzazione inflitta a Hamilton e venne celebrato mentre il circuito era ormai deserto. Può consolarsi con il prossimo ingaggio come testimonial per l'acqua Lete. C'È NESSUNOOO???

SENTI CHE BEL RHUMOR
L'angolo dedicato al meglio twittato da @FormulaHumor è inevitabilmente un nuovo viaggio nello strazio Ferrari. Si parte con le qualifiche di sabato pomeriggio, che portano ad alcune interessanti considerazioni sui prezzi dei biglietti per il Mugello (dimezzati dopo le prime cifre assurde) e sul pubblico cartonato di Monza:

@FormulaHumor - 
Dopo queste prestazioni, fossi il Mugello, abbasserei a 300€.

@FormulaHumor - 
Le prestazioni Ferrari fanno così schifo che anche i cartonati sugli spalti se ne stanno andando.

@FormulaHumor - 
Inizio a pensare che i cartonati sugli spalti non siano fatti con le foto di quelli che lavorano in Ferrari. Siano proprio quelli che lavorano in Ferrari.

Domenica c'è spazio per un ragionamento sull'ennesimo cambio di denominazione che avremo in F1 l'anno prossimo:

@FormulaHumor - 6
Force India che diventa racing point, che diventa Aston Martin. Alfa Romeo sotto l'adesivo è Sauber. ToroRosso da lattina passa a vestiti. Renault diventa montanara. Mercedes ha cambiato nome completo 8 volte in 10 anni. Ferrari passa Iveco. Io non ci sto capendo più niente.

La conclusione è ancora dedicata alla Ferrari e all'illusione di un ritorno agli antichi fasti:

L'ANGOLO PREDESTINATOH
Stante la crisi della Ferrari, Ciarlo Vinzani cerca di risollevare il pubblico italiano adottando in maniera fin troppo marcata Gasly ed esaltando la scuderia di Faenza, in un gippì con poche fortune per i consueti protagonisti:
È stato un weekend INCREDIBILEHHHH a Monza, dove i miracoli avvengono veramente su Sky 4K!! Prima vittoria del MILANESEHHH Pierre Gasly con l'italiana Alpha Tauri Toro Rossoh, come 12 anni fa con Vettel. Al secondo posto a far sorridere i ferraristi c'è Sainz con la McLaren. Gara terribile per the Hammer, Super super Max e il PREDESTINATOH che va a muro fortissimo ma senza conseguenze. Ora testa al Mugello per celebrare i 1000 gp Ferrari e per farlo al meglio sintonizzatevi sul 207 per altre INCREDIBILIH emozionihh.

CORPO DEGLI ALPINE
Fine settimana di grandi annunci in casa Renault, con l'ufficializzazione del cambio di denominazione in Team Alpine F1 a partire dalla prossima stagione. Nella conferenza stampa del giovedì, Esteban Ocon ha voluto dimostrare di essere fisicamente pronto sia per l'Alpine sia eventualmente per gli Alpini, sfidando Daniel Ricciardo nel suo esercizio preferito in allenamento. ESTEPLANK OCON

F1, GP Italia 2020: Esteplank Ocon sfida Daniel Ricciardo

LO SAPEVATE?
Anche se Lewis Hamilton e Valtteri Bottas sono rimasti a bocca asciutta, la Mercedes a Monza ha comunque festeggiato una vittoria. È accaduto al termine della gara sprint della F2, quando la Medical Car si è impunemente parcheggiata nella piazzola destinata al primo classificato. Dubbi sulla regolarità del risultato, ma il team ha comunque fatto baldoria, alla faccia delle recenti novità regolamentari introdotte in F1. PARTY MODE

F1, GP Italia 2020: la sorprendente vittoria Mercedes in F2

Vuoi vedere in anteprima i meme senza aspettare la puntata post GP? Cerchi materiale inedito di T&F? Vuoi interagire con noi anche lontano dai weekend di gara? Non perdere tempo e metti “Mi piace” alla pagina Facebook di Top & Flop! La trovi cliccando qui -> T&F – I Top & Flop della Formula 1 E se ancora non ti basta, ora puoi seguire i T&F anche su Instagram, cliccando qui -> TopFlopF1


TAGS: f1 gp italia Top & Flop T&F