Pubblicato il 17/08/20

Minacciano di abbandonare il Circus e gli levano il party mode in qualifica, ma alla fine è sempre la Mercedes a ridere e il buon ToTroll ci tiene a farlo sapere abbassandosi la mascherina in mondovisione. Tra piloti immuni ai virus, altri abbandonati e teste incredibilmente giganti, andiamo a scoprire il meglio e soprattutto il peggio del GP Spagna 2020. 

ATTENZIONE. Il coronavirus ci ha restituito una delle poche cose del passato della F1 che proprio non mi mancavano: il gran premio nel weekend di Ferragosto. Tenete dunque presente che questa puntata è stata realizzata in condizioni psicofisiche e lavorative approssimative, come ben sintetizza l'immagine qui sotto.

F1, GP Spagna 2020: difficoltà ferragostane

TOP
Lewis Hamilton
: dopo che le gomme gli hanno impedito la doppietta a Silverstone, torna subito al successo dominando la gara di Barcellona dall'inizio alla fine e infliggendo distacchi mostruosi alla concorrenza, con i soli Verstappen e Bottas che riescono ad evitare il doppiaggio. Scaccia così la paura di non aver preso tutte le dovute precauzioni quando sabato ha incrociato nel paddock l'unico virus in grado di non fargli vincere il Mondiale negli ultimi anni. NICOVID-2016

F1, GP Spagna 2020: Hamilton incontra il pericoloso Nicovid-2019

PILLOLE DI TOP
Max Verstappen
: ancora una volta MV Megusta tira fuori il massimo dal potenziale della sua Red Bull, illudendo di poter impensierire Hamilton nelle prime fasi di gara, prima di inveire via radio con il suo team quando inizia a capire che le gomme questa volta non saranno un fattore a suo vantaggio. Siccome Bottas non pare aver compreso il suggerimento di cercare di entrare nella testa di Hamilton per provare a batterlo, NicoLeo Rosberg ha deciso di dedicare i suoi insegnamenti proprio a Verstappen, inviandogli un'immagine esplicativa con chiaro riferimento al clamoroso 8-2 con cui il Bayern Monaco ha battuto il Barcellona in Champions League. METAFORA CALCISTICA

F1, GP Spagna 2020: gli insegnamenti di Rosberg

Lance Stroll: questa volta PaStrollone è stato proprio bravo, fin dalla partenza in cui è salito dal quinto al terzo posto. Un weekend impavido per il canadese, che aveva mostrato coraggio fin dal giovedì, abbracciando senza timori il rientrante Perez - appena guarito dal coronavirus - canticchiandogli una tipica canzone estiva. SAPEREZ DI SALE

F1, GP Spagna 2020: PaStrollone accoglie il rientrante Perez

Carlos Sainz: ancora una volta la gara di casa lo rigenera. Dopo le sfighe dei gippì scorsi, vince nettamente il confronto diretto con Norris. Il buonumore finisce però non appena dà un'occhiata a cosa ha combinato la Ferrari, sua prossima squadra, e pensa a quante sofferenze lo possono attendere dal prossimo anno. PEN DI SPAGNA

Sebastian Vettel: come già successo in Ungheria, si ritrova a doversi fare da solo la strategia in gara, portando a casa un insperato settimo posto. La sua considerazione in Ferrari è tale che, dopo il ritiro di Leclerc, il team di Maranello stava già smontando il box, prima che improvvisamente qualcunogli facesse presente che c'era un'altra SF1000 ancora impegnata in pista. Si spiega così la sorprendente domanda posta via radio al Sebbb sulla possibilità di arrivare in fondo con le gomme morbide dopo tipo 20 giri che le aveva montate. Una triste storia di spalle voltate a un ex amico che si ripete tutte le estati sulle strade italiane. NO ALL'ABBANDONO

F1, GP Spagna 2020: la Ferrari abbandona Vettel

FLOP
Valtteri Bottas
: da quando ha ottenuto il rinnovo contrattuale, il buon Waltterio ha perso furore agonistico. La partenza di Barcellona gli vale il titolo di ''anziano col cappello'' di giornata. Alla fine arriva terzo perché con quella Mercedes è impossibile ottenere di meno, ma dopo sei gare è evidente che anche quest'anno l'obiettivo di contendere il mondiale al compagno è già sfumato. Verstappen ha provato inutilmente a spiegarglielo nel dopogara, mentre Bottas si bullava con lui del giro veloce ottenuto nel finale con gomme fresche, ma il finlandese è sembrato non comprendere quello che il collega voleva mostrargli. QUANDO IL SAGGIO INDICA LA POSIZIONE, IL WALTTERIO GUARDA IL DITO

F1, GP Spagna 2020: Verstappen e un distratto Waltterio

PILLOLE DI FLOP
Alex Albon
: la qualifica non brillante lo trasforma domenica in vittima sacrificale della Red Bull, che lo utilizza come cavia a favore di Verstappen. Il pit-stop anticipato lo fa precipitare in un traffico degno della A10 Genova-Savona in sti giorni. Da lì, il povero AA cerca di dare indicazioni su rallentamenti, lavori in corso e restringimenti di corsia all'olandese, il quale peraltro finisce per incolonnarsi in alcune occasioni dietro ai doppiati. CCISS VIAGGIARE INFORMATI

Daniel Ricciardo: weekend sottotono per il Sofficino Australiano, che si nota solo per la scommessa fatta con il suo boss Cyril Abiteboul. I due dovranno farsi uno stesso identico tatuaggio nel caso in cui il Sorrisone ottenga un podio prima della fine della stagione. Eventualità che difficilmente potrà accadere se Ricciardo sarà distratto come in questi giorni: dopo aver scoperto che il GP Spagna non è intitolato a Ivana ma alla nazione iberica, ha trascorso le sessioni in pista a canticchiare i successi della cantante italiana rivisti in chiame motoristica, perdendo inesorabilmente concentrazione. IL CERCHIONE DELLA VITA 

Antonio Giovinazzi: ultimo in qualifica e sedicesimo in gara, questa volta il Tony perde nettamente il confronto diretto con Raikkonen. Ritrova un po' di morale rifugiandosi sulle spiagge di Barcellona, dove rimembra le estati da ragazzino in Salento mangiando grosse quantità del suo frutto preferito. COCCO OGNI DUE ORE FA PASSARE IL MALUMORE

I PREMI SPECIALI DI T&F
PREMIO 'PASTORONE APPROVA'
Romain Grosjean:
in una gara priva di scontri, è il Romano a trovare con caparbietà il modo di conquistare il premio più ambito dei T&F. Il francese naviga tranquillo nelle posizioni di coda, poi verso fine gara la noia lo assale e decide dunque di attentare alla vita dei due piloti Alfa Romeo - beccandosi del ''fottuto idiota'' da Raikkonen - prima di esibirsi in una mezza piroetta giusto per attirare l'attenzione delle telecamere. Non contento dei secondi di esposizione ottenuti, a fine gara saluta ripetutamente alle spalle dei colleghi intervistati dalle tivvù. GABRIELE PAOLINI 

F1, GP Spagna 2020: premio 'Pastorone approva

PREMIO 'IGNORANZA D'AGOSTO'
Haas, Racing Point e McLaren
: cosa fare se a metà agosto sei confinato al caldo del Montmelò, isolato dal resto del mondo e palesemente annoiato dal tuo Ferragosto in pista? Semplice, ti diverti a postare su Twitter una raffica di foto dei tuoi piloti mentre passano davanti alle loro gigantografie deformate dall'obbiettivo della fotocamera. L'idea è nata dalla Racing Point, molto più originale sui social che nel progettare le monoposto, ed è stata subito raccolta da Haas (qui assente per motivi di spazio) e McLaren, anche se forse la versione più bella è il Ricciardo postato da una follower e a cui sono pure venuti i capelli alla Einstein. È QUI LA TESTA

SENTI CHE BEL RHUMOR
L'angolo dedicato alle migliori perle twittate da FormulaHumor comincia dal venerdì, con la possibile controindicazione della decisione FIA di vietare il party mode in qualifica a partire dal prossimo GP Belgio:

Sabato arriva un'altra qualifica disastrosa per la Ferrari e la considerazione su come si stava meglio quando si pensava di star peggio è d'obbligo: 
@FormulaHumor - 
Ma sai che la stagione 2019 non era così fallimentare alla fine?

Infine, domenica è impossibile non celebrare i nuovi capolavori di lucidità strategica della Ferrari, prima con l'episodio controverso di Leclerc e poi con quello ancora più senza senso di Vettel:

L'ANGOLO PREDESTINATOH
La grigliata di Ferragosto non toglie energie a Ciarlo Vinzani, che prova a venderci come emozionante una gara piuttosto noiosa, ma i postumi della festività si sentono tutti quando battezza Kvyat come CRAZY ROCKET invece che Torpedo, riportando un dialogo che solo lui ricorda:
Gara piena di emozionih quella vissuta a Barcellona con un super the Hammer che torna alla vittoria nonostante la pressione di SUPER SUPER MAX che mette ormai fuori dai giochi il boscaiolo Bottas. Weekend amaro per il PREDESTINATOH che si ritira e agrodolce per un Vettel che dovrebbe essere sostituito in corsa da Giovinazzi e che porta a casa un settimo posto dopo un bellissimo duello nelle fasi iniziali con CRAZY ROCKET - come da lui rinominato - Daniil Kvyat. Ora si va a Spa dove il PREDESTINATOH ha vinto il suo primo gp e chissà che non sia un punto di rilancio per la Rossa. Buon ferragosto in 4K su Sky F1!

LENTI MA FELICI
Ricordate i meccanici della Williams che la scorsa settimana fecero cadere un pacco con la scritta FRAGILE alle spalle di Latifi impegnato in un'intervista? In Spagna hanno regalato un siparietto bis, facendo passare un ''trenino di gomme'' dietro al canadese e togliendoci il dubbio sul fatto che quella precedente fosse tutta una meravigliosa messa in scena. Nel team di Grove - unico ancora a secco di punti iridati - si riesce a far ridere anche quando i risultati latitano. Tipo la Ferrari di quest'anno, insomma. 

Vuoi vedere in anteprima i meme senza aspettare la puntata post GP? Cerchi materiale inedito di T&F? Vuoi interagire con noi anche lontano dai weekend di gara? Non perdere tempo e metti “Mi piace” alla pagina Facebook di Top & Flop! La trovi cliccando qui -> T&F – I Top & Flop della Formula 1 E se ancora non ti basta, ora puoi seguire i T&F anche su Instagram, cliccando qui -> TopFlopF1


TAGS: f1 gp spagna Top & Flop T&F