Pubblicato il 14/09/20

Tanto rosso, anzi amaranto, nel weekend dedicato ai 1000 gippì della Ferrari, nel corso del quale abbiamo imparato che è sempre meglio spiegare subito a Raikkonen il motivo di una penalità. Tra mancamenti, cover band, scoperte geografiche e botte di vita, una puntata pregna che ci condurrà fino ai consueti premi e rubriche. Posiamo il bicchiere di Chianti e immergiamoci con sobrietà nel meglio, e soprattutto nel peggio, del GP Toscana Ferrari 1000.

La gara ci ha regalato per fortuna numerosi spunti per questa puntata, ma in apertura è d'obbligo un riferimento al tema centrale del weekend, ossia la festa per i 1000 GP della Ferrari. In particolare, diamo uno sguardo all'evento tenutosi a Firenze sabato sera, da cui avrei attinto a piene mani in caso di gippì noioso. Così non è stato, e dunque mi limito a riportare un fermo immagine del balletto organizzato attorno alla SF1000 che sintetizza perfettamente la reazione di un tifoso ferrarista quando va a controllare i risultati della Rossa. MANCAMENTI

F1, GP Toscana 2020: il balletto per i 1000 GP Ferrari sintetizza la reazione di un tifoso ai risultati della Rossa

TOP
Lewis Hamilton
: l'amaro epilogo della gara di Monza lo carica a 1000 (senza SF) e il Luigino si presenta al Mugello con la volontà di riprendersi il centro della scena. Ci riesce benissimo fin dal giovedì, quando si presenta in circuito con un completo recuperato in un mercatino dell'usato di Campi Bisenzio (lo potete ammirare nella foto sotto). In pista dispone ancora una volta a suo piacimento di Bottas, facendogli credere di avere qualche possibilità di conquistare la pole position o la vittoria. Ma la grande novità è che, a seguito di una scampagnata sui colli dell'Appennino tosco-emiliano, il treccinato si appassiona alla Vespa e a tutto ciò che la riguarda. Dopo la collaborazione canora con Christina Aguilera, decide così di creare un gruppo musicale specializzato in cover di Cremonini e soci, divenuti appunto famosi con la canzone ''50 special'', da cui prende spunto anche per il nome della sua band. LUNAPOLE

F1, GP Toscana 2020: un sobrio Hamilton e la sua nuova passione, la Vespa

PILLOLE DI TOP
La Safety Car
: grazie alla colorazione particolare in onore della Ferrari, concretizza il sogno dei tifosi del Cavallino Rampante di vedere una Rossa al comando della gara numero 1000 nella storia della scuderia di Maranello. La doppia esposizione della bandiera rossa, poi, completa il tripudio di omaggi cromatici alla grande festeggiata del weekend. Dopo averne analizzato i tempi sul giro, c'è chi sta avanzando l'idea di schierarla come vettura ufficiale del Cavallino nei prossimi gippì, sfruttando il fatto che gli altri piloti si troverebbero poi impossibilitati a superarla a norma di regolamento. Oltretutto a livello di nome basterebbe cambiare una lettera. SC1000

Alex Albon: reduce dal disastro monzese, al Mugello subisce le pressioni di Helmut Marko, il quale ogni volta che lo incrocia lo saluta con un ''weee Alguersuari!'' per ricordargli che nel suo futuro ci potrebbe essere una carriera da dj come l'ex pilota spagnolo, nel caso continuasse a non portare in dote risultati decenti. Basta questa minaccia per risvegliarlo, con il quarto tempo in qualifica e il primo podio in carriera (che poi vabbeh, terzo con l'unica Red Bull rimasta non è poi sta gran impresa...). ALBON INTENDITOR POCHE PAROLE

Daniel Ricciardo: il Sofficino australiano arriva in circuito ridendo come uno scemo, dopo aver scoperto nel corso del tragitto che la targa di Firenze è FI. Il primo podio con la Renault gli sfugge ancora una volta per poco, al termine di un weekend in cui ha la perenne sensazione di essere braccato dalla Red Bull, come dimostra la foto sotto. Se ne va dal Mugello comunque col sorriso, dopo aver scoperto che i cartelli visti lungo le strade toscane indicavano una città e non erano incitamenti verso un suo ex collega nonché pilota della Ferrari. MASSA

F1, GP Toscana 2020: il pressing della Red Bull su Daniel Ricciardo

Kimi Raikkonen: il ritorno dopo 20 anni sul circuito in cui si mise per la prima volta al volante di una F1 lo fa ringiovanire, rendendolo protagonista di una gara folle. Dell'epico, ennesimo, team radio abbiamo già parlato in apertura, ma riassumiamo in breve la sua domenica: 1- esce miracolosamente senza danni dallo scontro del primo giro; 2- alla ripartenza la saggezza dei 40 anni lo tiene lontano dalla carneficina che accade ai piloti davanti a lui; 3- sprofonda lontano dalla zona punti per un problema al pit; 4- taglia l'ingresso in pit-lane e si becca i 5 secondi; 5- con una partenza sprint torna in zona punti; 6- martella giri veloci per crearsi il gap necessario per non uscire dalla top10 nonostante la penalità; 7- si scatena nei festeggiamenti come mostra la gif qui sotto. LE 7 FATICHE DI ERKIMI

George Russell: bravo e sfortunato il Giorgio, che con una brutta ultima partenza si gioca una zona punti ampiamente meritata. Negli occhi di tutti restano però le immagini di lui che nelle qualifiche di sabato non alza il piede una volta finito largo sulla ghiaia, in un giro in cui riesce persino a migliorare il suo tempo. Come dimostra l'immagine publicata sul nostro profilo Instagram, una volta tornato ai box Russell ha poi riflettuto su come sarebbe potuto finire quell'azzardo. SE SEI INCERTO TIENI APERTO

FLOP
Ferrari
: neanche la gara di casa risolleva la SF1000, impegnata a lottare con la Williams per le ultime posizioni della zona punti in un gippì con appena 12 vetture al traguardo. Il presidente John Elkann, che nel pregara ha fatto mettere le mani nei capelli al povero Leclerc illustrando a Todt il progetto Ferrari per i prossimi anni, è intenzionato a far correre le monoposto con la colorazione adottata nel GP Toscana, sottolineando come mandare entrambi i piloti a punti in questa stagione rappresenti già un notevole passo avanti. SE AMARANTO MI DA' TANTO

F1, GP Toscana: John Elkann parla del futuro Ferrari davanti a un disperato Leclerc

PILLOLE DI FLOP
Valtteri Bottas
: niente da fare neanche stavolta per Waltterio, messo in crisi da tutte ste partenze in cui si dimostra sempre troppo molle. Il paradosso è che l'unica volta in cui regala adrenalina al via e riesce a non farsi gabbare è quando ritarda così tanto la ripartenza dopo la prima SC da creare alle sue spalle un tamponamento epocale. UNA BOTTAS DI VIA

F1 GP Toscana 2020: Waltterio e il caos scatenato alle spalle durante la prima ripartenza

Pierre Gasly: nel giro di una settimana cambia tutto per il PR, giunto in Toscana ancora provato dai festeggiamenti per la vittoria di Monza. Subito eliminato in qualifica, il suo gippì dura poche centinaia di metri e termina con un succoso sandwich dove recita la parte del ripieno. Ahilui, sto macello finisce per coinvolgere anche la Red Bull di Verstappen. Per punizione, Helmut Marko lo spedisce a trascorrere il resto della domenica in una fattoria del Mugello, a mungere latte destinato alla produzione del locale pecorino. DALLE STELLE ALLA STALLA

I PREMI SPECIALI DI T&F
PREMIO 'PASTORONE APPROVA'
Nicholas Latifi:
non possiamo dire con certezza che sia davvero lui il principale responsabile della carneficina vista alla prima ripartenza, ma siccome è un rookie e finora non l'abbiamo mai cacato di striscio ci sentiamo in dovere di consegnargli il premio più ambito dei T&F. Tra l'altro scegliendo lui molti degli altri piloti in lizza per il 'Pastorone approva' rimasti a bocca asciutta hanno posto la stessa domanda che ultimamente si sentono spesso rivolgere i fan della Ferrari. PERCHE' LATIFI?

F1, GP Toscana: premio 'Pastorone Approva'

PREMIO 'BIEN'
Esteban Ocon:
in una gara a eliminazione, il francese è l'unico costretto a ritirarsi per un problema tecnico. Termina così con l'ennesima amarezza un fine settimana difficile per lui, rimasto particolarmente traumatizzato dal fatto che gli abitanti del posto lo chiamino Ohon. Una storpiatura del cognome non gradita dal pilota Renault, visto spesso tapparsi le orecchie pur di non sentirsi nominare così. WEEHEND DI HAHHA

F1, GP Toscana: gli effetti degli

PREMIO 'MAINAJOLYON'
Max Verstappen
: l'Italia non porta bene a Mv Megusta, che riparte dal Bel Paese con un doppio zero che pregiudica la sua rincorsa quantomeno al secondo posto nella classifica generlae. Una tendenza da MaiNaJolyon nella Penisola che ormai è storica per lui, tant'è vero che nel GP Italia non è mai andato oltre a un quinto posto. E così, in una sorprendente inversione di ruoli, è ora il frugale olandese a chiedere un prestito di punti a fondo perduto alla nostra nazione. RECOVERY FUND

SENTI CHE BEL RHUMOR
Tanta Ferrari nell'angolo dedicato ai migliori tweet di @FormulaHumor. D'altronde anche in questo weekend la scuderia di Maranello ha fornito degli assist davvero succulenti. Giovedì, però, non si parlava d'altro che della firma di Vettel con l'Aston Martin, un trasferimento negato fino all'ultimo dal CEO Otmar Szafnauer che ha portato a una riflessione sulle ultime dichiarazioni dei team principal:

@FormulaHumor - 
Binotto: ''Siamo contenti dei nostri piloti'' E poi ne cambia uno
Coso, lì, di RacingPoint: ''Seb non ha mai fatto parte dei piani'' E poi cambia Perez con Seb
Günther Steiner: ''STIAMO KONZIDERANDO CIRKA TIECI PILOTI PER 2021'' E poi rimarrano gli stessi.

Venerdì c'è spazio per una considerazione sul casco speciale indossato da Vettel per il GP Toscana Ferrari 1000:

Sabato è il giorno delle qualifiche, ma soprattutto quello della grande festa in Piazza della Signoria a Firenza. Un'ottima occasione per alcuni spunti sulla stagione Ferrari, tipo questo:

Chiusura con tweet precedente al gippì ma sempre valido in questo 2020:

L'ANGOLO PREDESTINATOH
L'atmosfera del Mugello e gli imprevisti del GP Toscana infiammano Ciarlo Vinzani, autore anche di una clamorosa gufata in stile Mazzoni quando spiega che Stroll è l'unico reduce del podio di Monza ancora in gara, circa 45'' prima dello schianto del canadese:
Gara PAZZAHHH per i mille gp della Ferrari!! INCREDIBILEH succede di tutto con 3 bandiere rosse e safety car, in un gran premio che vede vincitore il re del pop the Hammer su Woodman, con il primo podio in carriera per Albon. Subito fuori Super super Max e il milaneseh Gasly vincitore a Monza con la sua AlphaTauri Toro Rosso. Gara nera per la Rossa amaranto del PREDESTINATOH e di Vettel che il prossimo anno sarà in Aston Martin, con la macchina di Lewis Hamilton finalmente. Una F1 sempre più appassionante e incerta su Sky 4K.

CANTICCHIANDO NORRIS
Siccome è lunedì, le vacanze sono finite, le scuole hanno riaperto, fa comunque caldo e ci sono pure le cimici, chiudiamo con una pillola di buonumore gentilmente offerta da quel mattacchione di FerLando Norris che venerdì ha deciso di fare il check delle comunicazioni via radio con una canzone tipicamente da weekend, su cui poi l'account della F1 ci ha ricamato un video praticamente perfetto:

Vuoi vedere in anteprima i meme senza aspettare la puntata post GP? Cerchi materiale inedito di T&F? Vuoi interagire con noi anche lontano dai weekend di gara? Non perdere tempo e metti “Mi piace” alla pagina Facebook di Top & Flop! La trovi cliccando qui -> T&F – I Top & Flop della Formula 1 E se ancora non ti basta, ora puoi seguire i T&F anche su Instagram, cliccando qui -> TopFlopF1


TAGS: f1 Top & Flop T&F GP Toscana