Prova

Bmw Serie 3 2009


Avatar di Mario Cornicchia , il 05/09/08

13 anni fa - Più aggressiva, più tecnologica e più ecologica

Sempre più plissée nell'abito diventa più aggressiva, più tecnologica e anche più ecologica. E il tremila sei cilindri a gasolio si veste di alluminio.

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE AUTO EURO5 , composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE AUTO EURO5 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!
COM'E' Alla fine aveva ragione Chris Bangle, l'inventore del nuovo stile BMW, diventato il riferimento per lo stile di tante altre Case anche non in diretta concorrenza con l'elica bavarese bianca e azzurra. Così quella piega sulla fiancata, evoluzione del tradizionale scalino BMW, è stata riprodotta su una serie quasi infinita di nuovi modelli, dall'utilitaria all'ammiraglia. E la Serie 3, ora che anche le citycar si spiegazzano, doveva mostrare un po' i denti e gli artigli per non finire dritta nelle scelte d'investimento di liquidazioni pre-pensione.

CARAPACE E i denti la rinnovata Serie 3 li mostra con un nuovo paraurti dalla V più profonda che incornicia il classico doppio rene e grazie a una bocca di ventilazione nella parte bassa del paraurti allargata come dagli attrezzi di un dentista. Il cofano guadagna due pieghe longitudinali come il carapace di un'aragosta e anche i fari si accigliano grazie a una palpebra opaca e a nuove frecce a led. Il doppio rene BMW ora è in due pezzi unici e scava il profilo del cofano.

PIZZICATA Le fiancate rimangono segnate dalla caratteristica piega pizzicata sulle lamiere, e un nuovo fascione sottoporta alato e più alto nella parte posteriore rende il fianco meno piatto e più cuneiforme. In coda cambiano il paraurti, più aerodinamico nel profilo della parte bassa, e il portellone/coperchio del bagagliaio incorpora luci più affusolate. Il profilo del cofano che s'incurva per seguire le nuove luci sembra diventare anch'esso accigliato. A seconda dei cerchi le carreggiate si allargano fino a 6 millimetri l'anteriore e fino a 24 la posteriore, contribuendo a sottolineare l'anima sportiva.

SATIN All'interno poco cambia nello stile ma aumenta ancora la sensazione di qualità, già migliorata nei primi cinque anni di vita di questa generazione di Serie 3, nata davvero spartana negli interni. Un cassetto portaoggetti più grande, il bracciolo portiera più ergonomico, qualche finitura satinata in più e nuovi materiali e nuove finiture più attente all'occhio e al tatto per un rinnovamento discreto.

AHI DRIVE All'interno la vera novità è il nuovo sistema iDrive, condiviso con la nuova Serie 7 dal lancio imminente. Sullo schermo da 8,8 pollici protetto dalla palpebra al centro della plancia, compaiono nuovi menu più facili e immediati, con la rotella per digitare i nomi tipo vecchia etichettatrice Dymo simile a quella adottata da Audi. Il sistema guadagna in velocità di esecuzione e anche nuovi pulsanti intorno al pomellone sul tunnel centrale per raggiungere direttamente il navigatore, la radio, il cd e altri menu principali.

IN NAVIGAZIONE Sullo schermo compare anche un browser per navigare il web ad auto ferma nei Paesi dove sono stati stipulati accordi di connessione dati con i provider telefonici e una nuova funzione del Connected Drive viene in soccorso agli smemorati che possono far sbloccare a distanza dalla centrale le serrature se si sono dimenticate le chiavi all'interno. Difficile anche perdersi: si può studiare un itinerario davanti al computer e inviare le istruzione direttamente da Google Maps all'auto e al momento di scendere l'auto può inviare una mappa al telefono cellulare per proseguire a piedi fino alla destinazione.

VEDI ANCHE



ANNO TREMILA Chi avrebbe pensato che il motore/mito tra i grandi a gasolio potesse essere oggetto ora di attenzioni così profonde? E invece BMW non aspetta la rincorsa della concorrenza e fissa nuovi standard con un nuovo basamento in lega di alluminio che sposta l'ago della bilancia cinque chilogrammi più in basso, nuove camere, nuovi iniettori piezoelettrici, 1800 bar di pressione e una redistribuzione degli organi accessori per 245 cavalli (+14cv), 520 Nm (+20Nm) tra 1750 e 3000 giri e 6,1 secondi, sei decimi in meno per lo 0-100km/h e velocità massima di 250km/h. I consumi si riducono in media del 7% e diminuiscono anche le guadagnando l'omologazione Euro5 e, grazie al pacchetto BluePerformance disponibile per la berlina, anche l'omologazione Euro6 in vigore dal 2014. Anche 318d e 320d diventano Euro5, la 318d inserisce nella lista degli optional il cambio automatico a sei marce e la 320d ora conquista le vette innevate con la disponibilità della trazione integrale Xdrive. 325d e il biturbo 335d, Euro 4, completano la gamma a gasolio.

INIEZIONE DIRETTA Cinque i motori a benzina, 318i, 320, 325i, 330i e 335i, tutti Euro 4 e tutti dotati di iniezione diretta High Precision e del pacchetto Efficient Dynamics stato dell'arte di un continuo miglioramento che, per esempio, dal 1991 a oggi ha consentito sulla 318i di aumentare la potenza del 23%, la coppia del 19% e di ridurre le emissioni del 25%. Le 335i, con il motore tremila sei cilindri biturbo, nelle versioni con carrozzeria coupé e cabriolet rimangono immutate nello stile ma possono dotarsi del cambio sette marce a doppia frizione DKG come l'M3.

I PREZZI In vendita dalla fine di settembre negli allestimenti, Eletta, Attiva e Futura, la nuova o, meglio, rinnovata Serie 3 attacca il listino con 30.700 euro per la 318i berlina Eletta, fino ai 67.420 euro della M3 berlina. Per una Serie 3 Touring Attiva si spendono 40.020 euro per la 320d e 46.920 per la 330d. Circa 1500 euro in meno per le versioni berlina.

COME VA Se al lancio l'ultima Serie 3 sembrava più anziana nello stile della più sportiva Serie 5, ora ha guadagnato qualche punto. Le nuove pieghe sul cofano sbanalizzano la pianura del cofano della primogenitura e la bocca più larga, insieme ai baffi ai lati che ora puntano verso l'alto, aumentano il movimento del frontale con interessanti rughe di espressione. La fiancata acquista slancio ma la curva verso il basso del profilo del bagagliaio può sembrare un po' troppo leziosa sulla berlina. Anche all'esterno le finiture sembrano più pregiate ed è ancora più evidente il progresso all'interno, sempre più adeguato al prezzo di listino. Il nuovo iDrive perde la complicazione macchinosa del primo, con menù decisamente più facili e intuitivi, una grafica più moderna e piacevole e l'aiuto dei nuovi tasti intorno al pomellone.

TREETRENTA DI Dopo 33 anni di Serie 3 il motore 3000 della 330d viene aggiornato sostanzialmente, praticamente è un nuovo motore. Ancora più potente ed elastico, riprende in sesta da 1000 giri senza problemi e si lascia strapazzare fino a 5000 giri, senza far perdere il gusto della guida in ogni marcia anche se il picco di coppia massima dura fino ai 3000 giri e la massima potenza si ottiene a 4000 giri. Anzi, ha ormai conquistato anche parecchi piedi sportivi per la sua spinta ai bassi e i suoi consumi altrettanto ridotti, e sempre di più ne conquisterà con questa nuova versione. Che oltre all'aumento delle prestazioniporta in dote una ulteriore diminuzione delle vibrazioni e del rumore.

ZITTI E MUTI E anche se BMW durante la presentazione non pone l'accento al comfort, questa versione riveduta e corretta della Serie 3 sembra decisamente migliorata sotto il profilo del comfort. È davvero molto silenziosa, sia con il motore 330d sia con il poderoso 335i,con vibrazioni del motore a gasolio praticamente nulle e fruscii aerodinamici anch'essi ridotti al minimo. Si sente ben isolata e il motore si fa sentire soltanto quando serve, cioè quando l'ago del contagiri sale e nell'abitacolo entra comunque un rombo piacevole, sportivo.

DICA TREETRENTACINQUE Sul fronte rombo, il 335i, motore alternativo al tremila a gasolio per questa prima prova, ha da dire la sua, un sei cilindri che suona pieno e potente come un V8 sportivo. Un motore con i vantaggi di coppia del tremila a gasolio, sempre pronto e con una forte spinta ai bassissimi regimi, ma con la possibilità di tirare le marce con profitto fino alla zona rossa, come un vero motore sportivo. A parte il gusto di sentire il rombo catarroso di una M3 al suo risveglio, nella guida normale di tutti i giorni la 335i è una valida scelta sportiva, con consumi contenuti se si sfruttano le sue doti di coppia da turbodiesel.

FERMI TUTTI Anche gli assetti, seppur fermi e solidi, sono perfetti per garantire un comfort eccellente in qualsiasi condizione. La Serie 3 ha sempre un grande bilanciamento, ancora migliorato per la 330d con qualche chiletto in meno sulle ruote anteriori, sempre precisa nella guida e con il piacere di guida di una trazione posteriore facile da seguire nelle sue reazioni e divertente se si sa come sfruttare la tendenza al sovrasterzo in curva nella guida sportiva. Sicura e precisa per tutti, con la impostazione di un'auto da competizione per i piloti del casa-ufficio.


Pubblicato da M.A. Corniche, 05/09/2008
Gallery
Tutte le auto Euro5
Logo MotorBox