Anteprima:

Audi A4 2008


Avatar Redazionale , il 29/08/07

14 anni fa - E' tutta sua sorella

La berlina dei quattro anelli si rinnova da cima a fondo seguendo le orme della coupé A5. La vedremo su strada a fine novembre con cinque motori e quattro livelli di allestimento. Il debutto a Francoforte.

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE AUTO EURO5 , composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE AUTO EURO5 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

A PRIMA... SVISTA "Cosa ci fanno le foto dell'A5 nel comunicato dell'A4? E dire che quelli dell'ufficio stampa di solito sono precisi!". "Ehi, no, un attimo... Guarda che le porte sono proprio quattro!". La scenetta in redazione si è svolta davvero e la dice lunga su quali siano state le scelte stilistiche fatte da Walter de' Silva, il responsabile dello stile Audi. Convinto che la recente coupé A5 sia l'auto più bella che abbia mai schizzato,per arrivare alla nuova A4 lo stilista ha preferito sviluppare forme già collaudate piuttosto che ripartire da zero. Il risultato del mezzo "cut & paste" è nel dialogo iniziale: nella gamma di Ingolstadt l'identità di famiglia è fortissima, quella del singolo modello, invece, un po' meno. Il mercato, comunque, apprezza lo stesso e questo è quel che conta.

MOSTRA I DENTI Niente di male, quindi. L'A5 non è certo brutta e non lo è nemmeno l'A4, che sfoggia anzi una linea decisamente filante e grintosa per una berlina del segmento D lunga 470 cm e larga 183. Gli elementi caratteristici si possono elencare anche a memoria, a partire dallacalandra single-frame fino allo spoilerino che sovrasta il bagagliaio, passando per la V che segna il cofano motore. Quest'ultimo appare più lungo e importante rispetto al modello precedente, complice lo spostamento in avanti dell'asse anteriore di 154 mm, ottenuto scambiando le posizioni di differenziale e frizione. Caratteristiche di tutte le Audi di ultima generazione sono anche le nervature che solcano la fiancata, mentre assolutamente inedito è il gioco di luci che si crea nei fari, specie nella versione opzionale xeno plus, che impiega 14 diodi disposti a onda.

STRETCHING Se la carrozzeria va abbastanza sul classico, l'abitacolo la segue a ruota. La plancia, che può essere impreziosita con listelli in alluminio o legno, ha la tipica impostazione a 7, con la consolle centrale leggermente girata verso il pilota. Sul tunnel è straconfermato il sistema Multi Media Interface, o MMI che dir si voglia, che accentra molti comandi in un unico manopolone. Con il passo che si allunga (281 cm, contro i 265 della serie attuale) cresce anche l'abitabilità. Lo spazio per le ginocchia di chi viaggia dietro aumenta di 36 mm ma anche teste e spalle hanno più centimetri a disposizione. Il bagagliaio ha invece una capacità di 470 litri, che diventano 962 sacrificando i posti posteriori.

DI TUTTI I COLORI Attesa sul mercato a fine novembre, la nuova A4 sarà proposta da subito con una gamma molto articolata e in una tavolozza di ben quindici colorazioni. I livelli di allestimento previsti sono quattro: quello base si chiama Attraction e ha di serie tra le altre cose sei airbag, il climatizzatore automatico e il controllo elettronico della stabilità ESP. Per chi ama la vita comoda lo step successivo è rappresentato dal livello Ambiente, con anche i sensori di parcheggio e il cruise control, giusto per fare due esempi. Per chi predilige invece un taglio sportivo, le alternative sono due: Ambition oppure S-Line, più discreta la prima, più decisa la seconda.

A' LA CARTE Dotazioni standard a parte, l'A4 2008 vanta una carta degli accessori quanto mai ricca e invitante. Tra i suoi pezzi forti, accanto al classico navigatore, spiccano il cruise control adattivo, la telecamera posteriore di assistenza al parcheggio, l'Audi Lane Assist che fa vibrare il volante se si cambia corsia senza usare la freccia, lo stereo Bang & Olufsen con 14 diffusori e l'esclusivo Audi Drive Select. Quest'ultimo è un dispositivo elettronico che gestisce in maniera integrata le centraline del motore, della trasmissione, dello sterzo e degli eventuali ammortizzatori attivi per assecondare al meglio i gusti e le esigenze del pilota. A lui è data la possibilità di scegliere tra i programmi Comfort, Dynamic, Auto e Individual per tagliarsi su misura il comportamento dell'auto.

CINQUINA La famiglia dei motori si compone di cinque unità, due a benzina e tre a gasolio, con l'iniezione diretta del carburante a fare sempre da denominatore comune. Quanto ai primi, apre le danze il nuovo 1.800 turbo TFSI da 160 cv e 250 Nm, abbinabile a cambi manuale a sei marce o Multitronic a variazione continua (velocità max 225 km/h, 0-100 in 8,6 secondi e 14,1 km/litro). Al top c'è invece il V6 3.2 FSI da 265 cv e 330 Nm, che trova la spalla ideale nella trazione quattro e si può avere con cambi manuale o automatico tiptronic a sei marce (250 km/h, 6,2 secondi e 10,9 km/l). Sul fronte turbodiesel, il motore d'accesso il è due litri TDI, in edizione rivista e corretta da 143 cv e 320 Nm, ordinabile con trasmissione Multitronic e manuale a sei marce, sempre e comunque a trazione anteriore (215 km/h, 9,4 secondi e 18,2 km/l). La punta di diamante a gasolio è il V6 3.0 TDI quattro da 240 cv e 500 Nm (250 km/h, 6,1 secondi e 14,5 km/l), da cui è derivato ilV6 2.7 da 190 cv e 400 Nm, offerto solo con trazione anteriore e cambio Multitronic (226 km/h, 7,7 secondi e 15,2 km/l).


GUARDALA DA VICINO











Pubblicato da Paolo Sardi, 29/08/2007
Gallery
Tutte le auto Euro5
Logo MotorBox