Prossimamente

Toyota Verso S: le ultime novità


Avatar di Luca Cereda , il 12/10/10

11 anni fa - La "esse" vuol dire spaziosa, versatile e high tech.

La "esse" vuol dire spaziosa, versatile e high tech. E lunga meno di quattro metri.

Benvenuto nello Speciale SALONE DI PARIGI 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI PARIGI 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

FETTA GROSSA "Esse" come spazio (tanto) da compattare in pochi metri, come consiglia il mercato. Perché un segmento che tira sempre di più è quello delle monovolume di piccola taglia: abbastanza ampie da imbarcare comodamente tutta la famiglia, ma il più possibile facili da parcheggiare negli orari di punta fuori dalle scuole o al supermercato. E anche comode, high tech come una buona berlina di famiglia (della quale, a questo punto, si potrebbe decidere di fare a meno).

BUONA VISIONE Così Toyota ha deciso, con questa Verso S, di ributtarsi su un genere abbandonato a suo tempo con la Yaris Verso, colmando una piccola lacuna nella sua gamma. Lunga un centimetro meno di 4 m e larga 169,5 cm, concorrerà con le varie Meriva, C3 Picasso, Modus e Musa. La Verso S presenta sbalzi corti (sia davanti, sia dietro) e una finestratura con pannelli-maxischermo, ma è soprattutto all'interno che prova a fare la differenza:con un salotto accogliente, oltre che versatile, e una buona dotazione in termini di infotainment.    

VEDI ANCHE



TRASFORMISTA Con un vano di carico che va da 430 a 1388 litri, la Verso S punta forte sull'organizzazione intelligente degli spazi. A ciò concorrono sedili "salva spazio" dalla sagomatura affusolata e regolabili in altezza, il divanetto posteriore frazionabile (che con un tocco scorre in avanti per aumentare l'estensione del pianale del bagagliaio) . Anche chi guida può contare su una cabina di pilotaggio ariosa e resa più confortevole mediante alcuni accorgimenti, vedi il bracciolo e la leva del cambio avvicinata al volante.

BASTA UN TOCCO Il cruscotto è configurato a "doppia zona", nel senso che separa visibilmente la parte del guidatore da quella del passeggero. Lì, il pezzo forte è l'interfaccia multimediale dotata di schermo touchscreen da 6,1 pollici. Ricorrendo a materiali soft-touch, poi, Toyota ha tentato un salto di qualità su quelli che sono le componenti della plancia e i pannelli delle portiere, spesso un po' cheap sulle monovolume entry-level.  

SALTO TRIPLO Tre sono gli allestimenti previsti. Il base annovera di suo sette airbag, clima alzacristalli elettrici, radio con 4 altoparlanti, presa USB, sedile posteriore sdoppiabile e illuminazione interna a LED. Su di un gradino, poi, entrano il pianale di carico flessibile volante e pomello del cambio in pelle, comandi bluetooth e l'interfaccia touchscreen. Le chicche del "top" sono infine il tettuccio panoramico, sensori di pioggia e i cerchi in lega da 16".

MOTORI Sotto il cofano sono due le opzioni di lancio: un 1.3 benzina da 99 cavalli oppure un 1.4 diesel 90 cavalli. Per entrambe i consumi si annunciano piuttosto parchi: si parla rispettivamente di 5,5 litri/100 km e di 4,3/100 km. Di serie si accoppiano tutti e due a un cambio manuale a sei marce, ma per avere qualcosa di più si può sempre mettere mano al listino. In tal caso il 1.3 può sposare un cambio CVT Multidrive S a 7 rapporti, mentre il 1.4 diesel abbinarsi a un cambio automatico Multimode.


Pubblicato da Luca Cereda, 12/10/2010
Gallery
Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox