Prossimamente

Lotus Elan


Avatar Redazionale , il 04/10/10

11 anni fa - Il giusto compromesso tra la piccola Elise e l'esuberante Esprit.

Buona per la pista e per il casa-ufficio, la Elan è il giusto compromesso tra la piccola Elise e l'esuberante Esprit.

Benvenuto nello Speciale SALONE DI PARIGI 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI PARIGI 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

A VOLTE RITORNANO Si chiama Elan la quarta Lotus firmata da Donato Coco, il designer italiano ex Citroën (sue la C2, C3, C4, C6 e Xara Picasso) e Ferrari che, da gennaio, ha preso in mano la direzione del centro stile Lotus. Dopo la prima comparsa nel 1962 e una seconda breve apparizione negli Anni 90, torna dunque lo storico nome della casa inglese, ma non più per battezzare una spyder.

VIA DI MEZZO La nuova Elan è infatti una coupè 2+2 a motore centrale, pensata per chi non si accontenta della piccola Elise ma allo stesso tempo trova esagerati i 620 cavalli della Esprit. Il suo V6 4.0 litri risulta così essere il giusto compromesso per renderla un'auto confortevole nell'uso quotidiano e veloce in pista, con quei 450cv pronti a spingerla fino a 310 km/h e a farle bruciare lo 0-100 km/h in 3.5 secondi.

VEDI ANCHE



STESSA FACCIA Confortevole, veloce, ma soprattutto bella. Al primo sguardo pare subito difficile distinguerla dalla sorellona Esprit, soprattutto nella zona frontale, dove ne ricalca il profilo a V del cofano, i fari squadrati e le ampie prese d'aria. Oltre la bellissima nervatura del passaruota posteriore, però, le differenze si fanno più marcate, con la sottile griglia scura in cui campeggiano i bei gruppi ottici e l'aggressivo sfogo inferiore, che incorpora la targa e  i due grandi scarichi.

BEL RAPPORTO Mancano ancora tre anni alla sua commercializzazione (prevista per l'autunno del 2013) ma, con le sue 75.000 sterline (circa 90.000 Euro), la Elan fa venire già ora l'acquolina in bocca. Se poi l'ottimo rapporto prezzo-potenza non fosse sufficiente a conquistare il pubblico, il sistema ibrido opzionale (con il KERS) e le sue emissioni di 199 g/km di CO2 cercheranno di ammaliare anche i più rispettosi dell'ambiente. Porsche e compagne sono avvisate.


Pubblicato da Davide Varenna, 04/10/2010
Gallery
Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox