Autore:
Marco Rocca

NUOVA MA UGUALE Non un'evoluzione ma un cambiamento profondo. E si cari signori, la terza generazione della Bentley Continental GT è stata riprogettata da zero a partire proprio dalla nuova piattaforma modulare MSB (introdotta sulla nuova generazione di Porsche Panamera). I prezzi per il mercato italiano non sono ancora stati diffusi, ma pare che le prime consegne siano fissate per l'inizio del nuovo anno. Invitandovi a guardare anche il video con le nostre impressioni a caldo dal Salone di Francoforte 2017, in cui fa il suo primo bagno di folla, vediamo di capire quanto è cambiata la nuova Continental GT 2018. 

PRESTIGE MASS Nonostante le dimensioni esterne siano rimaste invariate (parliamo di un'auto da 480 cm di lunghezza per 223 cm di larghezza e 140 cm di altezza), la nuova Continental GT appare decisamente più slanciata, riportando alla mente il taglio stilistico della concept EXP10 Speed 6. Ecco perché ora troviamo sbalzi anteriori e posteriori ridotti ma una distanza tra le ruote anteriori e gli sportelli aumentata. In questo modo il cofano appare più lungo rispettando la famosa "prestige mass" di Bentley secondo la quale la parte anteriore deve essere imponente perché cela un motore tosto.

CAVALLI REGALI A questo punto parlare del propulsore è d'obbligo. Davanti al guidatore è montanto il 6 litri W12, (già visto sulla Bentayga), ma rivisto nella potenza: ora si parla di 635 cv e di una coppia mostruosa pari a 900 Nm. Il tutto si traduce in prestazioni da capogiro: 0-100 km/h di 3,7" per una punta massima prossima ai 335 km/h. Come sul modello precedente la trazione è rimasta integrale ma questa volta ripartisce la coppia di norma solo sull'asse posteriore, chiamando in causa quello anteriore solo quando si verifica una perdita di aderenza. A completare il pacchetto ci pensano poi l’impianto frenante maggiorato e nuove sospensioni pneumatiche, senza dimenticare gli ultimi gingilli tenologici in fatto di sicurezza e guida assistita disponibili sul mercato.

SI CORRE IN SALOTTO Se parliamo di una Bentley il piatto forte viene una volta varcata la soglia. Stratosferica la qualità dei materiali e dei rivestimenti interni che potranno essere personalizzati a piaciemento grazie al programma di personalizzazione Mulliner. Parlando di infotainmento qualcuno avrà notato una certa somiglianza con quanto già visto su Porsche Panamera. E difatti non sbaglia. Anche per la Continental GT ora c'è un grande display da 12,3" che si mimetizza alla perfezione con il resto della plancia. Ruotando su se stesso offre la possibilità di scegliere tra un rivestimento completamente "liscio", lo schermo touch oppure un pannello con i tre indicatori circolari di bussola, termometro e cronometro. 


TAGS: salone di francoforte 2017 anteprima salone di francoforte 2017 bentley francoforte 2017 bentley continental gt 2018