Pubblicato il 14/09/20

FUTURO ELETTRIZZANTE Il mondo automotive è in piena corsa all'elettrico e ogni anno vengono sfornate molte novità. Quali sono le proposte più interessanti del prossimo futuro? Alcuni modelli elettrici sono attesi già per la fine del 2020, altri arriveranno nel 2021 e nel 2022: scopriamoli insieme, marca per marca, in ordine alfabetico.

ASPARK OWL

Aspark Owl: la hypercar elettrica dei record, con oltre 2.000 CV

Se questo nome vi dice poco o nulla, non preoccupatevi. La Aspark Owl è semplicemente l'auto elettrica più estrema in arrivo e, come tale, non poteva non essere citata. Oltre 2.000 CV di potenza - 2.012 per la precisione - e 2.000 Nm di coppia, per 400 km/h di velocità massima e uno 0-100 all'ora in appena 1,7 secondi, mentre l'autonomia sarebbe di 450 km. Non solo prestazioni da record, ma anche un'altezza di appena 99 cm dovrebbero farne l'auto stradale più bassa al mondo. Sarà realizzata in soli 50 esemplari alla modica cifra di 2.9 milioni di euro e le consegne dovrebbero iniziare entro la fine del 2020.

AUDI E-TRON GT

Audi e-tron GT

La supersportiva dei Quattro Anelli scenderà in campo per battagliare con la Porsche Taycan - con la quale condivide la piattaforma - e la Tesla Model S. Audi e-tron GT (qui le foto spia) potrà contare su un doppio motore elettrico per 590 CV complessivi, per uno 0-100 in 3,5 secondi e un'autonomia di 400 km, mentre la ricarica a 800V permetterà, nel caso si abbia accesso alle colonnine che supportino questa tecnologia, di guadagnare 320 km di autonomia in appena 20 minuti. Audi e-tron GT sarà presentata il 7 ottobre.

AUDI Q4 E-TRON E Q4 SPORTBACK E-TRON

Audi Q4 Sportback e-tron concept

I due SUV elettrici Audi vantano una potenza di 306 CV e 310 Nm di coppia, per una velocità massima di 180 km/h e uno 0-100 all'ora in 6,3 secondi. Per recuperare l'80% dell'energia sono sufficienti 30 minuti con le - purtroppo rare - colonnine da 125 kW, mentre l'autonomia è di circa 450 km. Il concept di Audi Q4 Sportback e-tron, la versione coupé (foto sopra), è stato presentato lo scorso luglio, mentre Audi Q4 e-tron era stato svelato al Salone di Ginevra 2019. Dovrebbe dunque arrivare lui per primo, forse già entro la fine del 2020, mentre il coupé è atteso nel 2021.

BMW i4

BMW i4

La BMW i4 (qui il video) condivide la piattaforma con Serie 4 mentre sul fronte estetica si ispira a BMW Serie 4 Gran Coupé. Per la i4 motore da 538 CV che spingono l'elettrica fino a 200 all'ora (autolimitati, come quasi sempre avviene tra le auto elettriche), con un'accelerazione 0-100 inferiore ai 4 secondi. Prestazioni quasi al livello di M3 o M4, insomma, e autonomia più che buona, nell'ordine dei 600 km: BMW i4 dovrebbe arrivare nel 2021.

BMW iNEXT

BMW iNext, il doppio rene sembra ben sviluppato in altezza

Il SUV elettrico della Casa di Monaco sembra tracciare una linea di demarcazione con tutti i modelli visti fino ad ora. Il prototipo di BMW iNext, che per dimensioni potrebbe essere vista un po ' come una BMW X5 elettrica, ha forme innovative per il Marchio e il nome ufficiale è ancora un mistero. Quello definitivo potrebbe infatti essere i5 o iX5. Cosa sappiamo sul SUV elettrico BMW? Che dovrebbe avere un'autonomia di circa 600 km e che dovrebbe essere il fiore all'occhiello del Marchio in fatto di aiuti alla guida, con un pilota semi automatico di livello 3 - vale a dire capace di fare a meno dell'assistenza del guidatore fintanto che non si verifichi una situazione di pericolo. L'arrivo di BMW iNext sarebbe previsto per il 2021, ma le sue forme definitive dovrebbero essere svelate già entro la fine del 2020.

BMW iX3

BMW iX3

Il primo SUV elettrico BMW sarà lui, iX3. E rispetto all'iNext è praticamente già realtà. Motore da 286 CV e 400 Nm di coppia per uno 0-100 in 6,8 secondi, con la velocità massima limitata a 180 km/h. Quanto ad autonomia BMW iX3 (qui in video) si difende bene, con 460 km nel ciclo WLTP e una ricarica da 0% all'80% in 34 minuti - ma solo con le rare colonnine da 150 kW - mentre in 10 minuti si mette insieme un gruzzoletto di 100 km. Ottima notizia sul fronte dell'abitabilità, che non è stata toccata sensibilmente dal powertrain elettrico: da 510 a 1.560 litri la capacità, vale a dire solo 40 litri meno della variante con motore tradizionale. Per BMW iX3 arrivo previsto in autunno e prezzi a partire da 73.000 euro.

BMW i7

BMW i7: l'ammiraglia elettrica è - quasi - servita

L'ammiraglia di Monaco è pronta, anche lei, a convertirsi all'elettrico. La BMW i7 è stata pizzicata in strada solo qualche giorno fa, durante gli ultimi test. Auto camuffata, come da tradizione, le cui caratteristiche - per ora presunte - parlano di oltre 650 CV e 700 km di autonomia nella versione top di gamma, mentre la base avrebbe dalle sue ben 540 CV e circa 500 km a separarla da una colonnina e l'altra. Da un'ammiraglia ci si aspetta il massimo, ma non solo in fatto di motori: ecco che la i7, con sensori e telecamere, fa presagire un bel salto in avanti per quanto riguarda anche la guida (semi?) autonoma. Ma per saperne di più dovremo attendere ancora un po', non arriverà infatti sulle strade prima del 2022.

CHEVROLET BOLT EUV

Chevrolet Bolt EUV

Anche Chevrolet Bolt EUV (qui le foto spia) potrebbe essere l'ennesimo veicolo elettrico del panorama europeo. Il condizionale è d'obbligo, però, dal momento che la Casa statunitense è presente nel nostro Paese solo con le sue auto più sportive - Corvette e Camaro - mentre la Bolt EUV è una semplice monovolume, soltanto un po' più lunga della già nota Bolt. Tra dubbi e incertezze l'EV Chevrolet potrebbe montare un motore elettrico da 204 CV e 360 Nm di coppia, capace di accelerare da 0 a 100 all'ora in 7,3 secondi e percorre fino a 400 km con una ricarica. Quel che è certo è che sarà equipaggiata col Super Cruise System, vale a dire un sistema di guida semi-autonoma già visto sulla Cadillac CT6. La commercializzazione della Chevrolet Bolt EUV avverrà probabilmente nel 2021, resta ancora da chiarire se questa avverrà anche in Italia.

DACIA SPRING

Dacia Spring: sarà l'elettrica per tutti (la più economica)

All'auto del Gruppo Renault, la Dacia Spring, spetterà il primato di auto elettrica più economica del panorama europeo: dovrebbe infatti costare circa 20.000 euro. Stando alle caratteristiche, la Spring promette circa 200 km di autonomia e dimensioni contenute, in linea con la Renault K-ZE dalla quale deriva, vale a dire intorno ai 3,80 metri. Rispetto alla K-ZE sarebbe necessario però un aggiornamento della dotazione - con l'aggiunta di ESP e airbag laterali - in quanto questa sarebbe al di sotto del minimo richiesto dalle norme europee. Quanto al motore della Dacia Spring, qualora ereditasse quello della Renault, avrebbe 45 CV. Usiamo ancora il condizionale perché non c'è nulla di ufficiale, ma l'arrivo dell'elettrica più economica d'Europa sarebbe atteso per il 2021.

FORD MUSTANG MACH-E

Il primo veicolo elettrico Ford è SUV: Mustang Mach-E

Il SUV Ford sarà il primo veicolo elettrico della Casa di Detroit. Mustang Mach-E promette fino a 285 CV e 415 Nm per la versione a trazione posteriore e 337 CV e 546 Nm per la versione a 4 ruote motrici: con un'autonomia da 450 a 600 km, che scendono a 420 e 540 km per la versione AWD. Velocità massima fissata in 180 km/h e 0-100 coperto in 8 secondi - 9 per la 4x4 - con i prezzi fissati in circa 50.000 euro per il modello a trazione posteriore e 57.500 euro per quello a quattro ruote motrici. Mustang Mach-E arriverà entro la fine del 2020 e per gli incontentabili è in rampa di lancio anche la Ford Mach-E GT con 465 CV e 830 Nm.

GMC HUMMER EV

GMC Hummer EV: sarà mostruoso, anche elettrico

L'Hummer, iconico mezzo militare e delle star americane, torna in veste elettrica. Esagerato era il precedente modello, fuori misura sarà quello nuovo: GMC Hummer avrà 1.000 CV per 1.900 Nm di coppia, con un tempo sullo 0-100 da supercar, di poco superiore ai 3 secondi. Ma nonostante prestazioni da hypercar e una massa certamente non da utilitaria, il SUV promette oltre 600 km di autonomia. Quando arriva? Produzione dall'autunno 2021, con buone probabilità di vederlo in commercio nel 2022.

JAGUAR XJ

Jaguar XJ: ecco l'inglese in versione elettrica

La berlina inglese, basata sulla piattaforma MLA (Modular Longitudinal Architecture) che sarà anche delle prossime Range Rover - sia con motore termico sia elettrico - è stata avvistata in veste camuffata a marzo, in fase di test al Circolo Polare. Della Jaguar XJ si sa poco, giusto che sarà costruita nello stabilimento inglese di Castle Bromwich e che avrà una lunghezza superiore ai 5 metri. Il suo arrivo è previsto per il 2021.

LOTUS EVIJA

Lotus Evija: hypercar da 2.000 CV con un'aerodinamica da jet

La hypercar inglese è senza dubbio una delle novità più interessanti del panorama elettrico. Sarà per i 2.000 CV e i 1.680 kg di peso, ma anche le soluzioni erodinamiche la rendono decisamente particolare. Sì, perché Lotus Evija (qui l'approfondimento) respira letteralmente l'aria dalla grossa apertura sul frontale, la fa passare nel corpo vettura e la espelle dalle due grandi bocche al posteriore, tanto che il capo progettista dell'aerodinamica, Richard Hill, ha affermato ''Comparare l'aerodinamica di Evija con quella di una normale auto sportiva è come confrontare un jet da combattimento e l'aquilone di un bambino''. La supercar inglese è attesa per la fine del 2020: ne saranno costruite solo 130, prezzo stimato in circa 1,8 milioni di euro.

LUCID AIR

Lucid Air

La rivale di Tesla Model S è arrivata. La Lucid Air è infatti la berlina elettrica più potente al mondo e la sua fame di record non si ferma qui. Oltre a vantare - nella più potente versione a doppio motore e trazione integrale - 1.080 CV di potenza, la Air è anche l'auto elettrica che si carica più velocemente - oltre 30 km al minuto con colonnine ultra veloci - e anche l'auto con il miglior coefficiente aerodinamico, solo 0,21. Prestazioni da paura, con uno 0-100 nell'ordine dei 2,5 secondi e una velocità massima di oltre 375 km/h, ma anche un'autonomia da riferimento: ben 830 km. Arriverà negli USA a partire dai primi mesi del 2021 nella sua versione più ricca, ad un prezzo pari a 142.000 euro circa, poi - tra metà 2021 e 2022 - anche in Italia: con l'aggiunta delle versioni intermedie e la entry level, che dovrebbe attestarsi al di sotto dei 70.000 euro.

MAZDA MX-30

Mazda MX-30: il SUV compatto elettrico è in arrivo

Il SUV compatto giapponese apre le danze tra i crossover di segmento C. Mazda MX-30, con 4,39 metri di lunghezza, è infatti il primo SUV elettrico di queste dimensioni a sbarcare sul mercato. Potenza di 143 CV, coppia di 265 Nm e un'autonomia di 200 km nel misto, che diventano circa 260 in città. Le prime consegne del SUV coupé elettrico sarebbero dovute iniziare a settembre 2020, ma la pandemia ha allungato un po' i tempi. Quello che sappiamo è che il lancio stampa sarà a fine settembre. In attesa della nostra prova potete dare un'occhiata alla nostra prova video del prototipo di MX-30, che abbiamo guidato con carrozzeria provvisoria.

MERCEDES EQA

Mercedes EQA: la GLA elettrica è servita

Il SUV compatto della Casa di Stoccarda non è altro che la versione elettrica della Mercedes GLA (qui la prova). Basato sul pianale modulare MFA, che condivide con altre ''piccole'' della gamma come Classe A e Classe B, Mercedes EQA (qui l'approfondimento) avrebbe un'autonomia sarebbe nell'ordine dei 500 km. È stato intravisto questo inverno in fase di test nel nord della Svezia e l'arrivo previsto è per i primi mesi del 2021. Vedremo se nonostante la pandemia di Covid ciò sarà possibile.

MERCEDES EQE

Mercedes EQE: una Classe E elettrica, più piccola ma più comoda?

La berlina elettrica di lusso si basa sulla piattaforma elettrica MEA, realizzata appositamente per i veicoli EQ al fine di garantire un pavimento piatto e molto spazio a bordo, nonostante il pacco batterie. Mercedes EQS (qui l'approfondimento) dovrebbe avere dimensioni leggermente inferiori a quelle di Classe E ma offrire un comfort superiore. Per EQE l'autonomia attesa è di circa 600 km, con l'arrivo previsto per il 2022.

MERCEDES EQS

Mercedes EQS: l'ammiraglia elettrica

Dell'ammiraglia di lusso elettrica della Casa della Stella non si sa molto: sarà costruita in Germania, a Sindelfingen, nel nuovo stabilimento super tecnologico Fabbrica 56: insieme con la sua sorella a motore tradizionale, la nuova Classe S. Anche la berlina-coupé Mercedes EQS sarà realizzata sulla piattaforma modulare MEA, creata appositamente per i veicoli elettrici: per la punta di diamante della gamma si parla di un'autonomia nell'ordine dei 500 km e il suo arrivo è atteso per il 2021.

MERCEDES EQG

Mercedes Classe G diventerà EQG? Forse nel 2022

Pare che anche per un'icona dei 4x4, il Mercedes Classe G, stia arrivando il momento di convertirsi all'elettrico. Il prossimo G sarà presumibilmente prima ibrido plug-in e poi, successivamente, esclusivamente a batterie. Si chiamerà EQG? Tutte le precedenti scelte di Mercedes farebbero pensare a questa soluzione, ma per saperlo con certezza dovremo attendere ancora un po': è infatti improbabile che EQG arrivi prima del 2022.

NISSAN ARIYA

Nissan Ariya: dopo la berlina Leaf arriva il SUV compatto elettrico

Il secondo veicolo elettrico della casa giapponese - dopo la berlina Leaf, qui la prova - è il SUV compatto Nissan Ariya. Il crossover sarà proposto in diverse motorizzazioni: si parte da 217 CV e 300 Nm di coppia e 2 ruote motrici, per arrivare alla più performante, da 394 CV e 600 Nm, che avrà trazione integrale e-4force: il sistema con le ruote gestite in modo indipendente l'una dall'altra. L'autonomia dei due modelli di cui sopra va dai 360 ai 400 km, ma ci sarà anche una versione da 500 km. Capitolo ricarica: con le colonnine super veloci da 130 kW si accumulano fino a 400 km di autonomia in 30 minuti, diversa la situazione con la presa domestica... Nissan Ariya sarà anche un concentrato di tecnologia: il SUV sarà infatti dotato del sistema di guida semi-autonoma ProPilot 2.0. Tutto tace in merito alla data di debutto e ai prezzi, ma sembra logico aspettarsi che il 2021 possa essere l'anno buono per avere l'una e l'altra cosa.

PORSCHE MACAN EV

Porsche Macan: anche lei arriverà in versione EV, dal 2022

Anche la Casa di Zuffenhausen da tempo si dà da fare per aggiornare il proprio parco mezzi all'elettrico, basti pensare alla Taycan, e prossimamente arriverà anche una Porsche Macan EV. Per il SUV elettrico si parla di potenze fino a 700 CV nella versione Turbo (trovate qui la nostra prova della Macam Turbo tradizionale). Chiaramente non si tratterà di una vera auto con compressore, ma di una versione che richiama le prestazioni delle versioni endotermiche top di gamma. Della prossima Macan elettrica non è dato sapere niente di più: la vedremo probabilmente nel 2022, quando affiancherà i modelli tradizionali già in gamma, per poi diventare l'unica soluzione dal 2024.

PORSCHE TAYCAN SPORT TURISMO

Porsche Taycan Sport Turismo: ecco la shooting brake

La versione shooting brake della prima Porsche elettrica è già in fase di collaudo. L'ultimo avvistamento della Porsche Taycan Sport Turismo risale infatti a poco meno di un mese fa, quando i nostri 007 l'hanno fotografata al Nurburgring. Per quanto la versione allungata della Taycan fosse mascherata, niente di trascendentale sotto al vestito: dovrebbe infatti ricalcare le configurazioni della versione standard, con motori da 530 a 761 CV e trazione integrale. Autonomia? Nell'ordine dei 400 km, mentre il debutto è atteso per il 2021.

SKODA ENYAQ iV

Skoda Enyaq IV: il primo veicolo elettrico boemo è SUV

La prima elettrica della Casa boema è lei. Stiamo parlando di Skoda Enyaq iV, il SUV presentato solo una decina di giorni fa. L'ultimo arrivato è lungo 4,65 metri ed è disponibile sia a 2 sia a 4 ruote motrici. Quanto a motori si parte con la Enyaq 50 da 148 CV e 220 Nm di coppia per 340 km di autonomia, fino ad arrivare ai 306 CV e 460 Nm di coppia - 460 i km di autonomia - della più performante RS. Non la migliore quanto a durata della batteria, però: la Enyaq 80 fa meglio, con 510 km. La velocità massima è limitata a 160 km/h orari per tutte le versioni, tranne la RS, che arriva a 180 all'ora. Alle - rare - colonnine di ricarica rapida da 125 kW Enyaq si ricarica dal 10 all'80% in 40 minuti. Prezzi a partire da circa 35.000 euro e prime consegne ad inizio 2021.

SKODA ENYAQ iV COUPÉ

Skoda Enyaq IV Coupé: ecco la versione sportiva del SUV ceco

Non si fa in tempo a puntare lo sguardo sul nuovo SUV elettrico ceco che già arriva un'altra novità. Si tratta di Skoda Enyaq Coupé, avvistato in strada - ben camuffato - per alcuni collaudi. Se per quanto riguarda l'estetica si differenzia in modo netto dalla versione standard per il tetto spiovente sul posteriore, dal punto di vista tecnico dovrebbe essere un copia-incolla: motori da 148 a 306 CV, trazione a due o quattro ruote motrici, da 340 a 510 km di autonomia. Anche Enyaq Coupé è atteso nel corso del 2021.

TESLA CYBERTRUCK

Tesla Cybertruck: il pickup delle esagerazioni

Tra i veicoli elettrici più chiacchierati c'è sicuramente lui, il pickup indistruttibile della Casa americana. Tesla Cybertruck (versioni fake comprese) con quasi 6 metri di lunghezza, uno 0-100 da 2,9 secondi - nella versione con tre motori e trazione integrale - e un'autonomia di 800 km, sarà certamente una mosca bianca della categoria. Sono previste altre due versioni meno estreme, sia nelle prestazioni sia nell'autonomia: una a trazione posteriore, capace di percorrere fino a 400 km, l'altra 4x4 e con 480 km di range. L'arrivo di Cybertruck è previsto per il 2022 a un prezzo che, in Italia, dovrebbe partire da circa 55.000 euro.

TESLA ROADSTER II

Tesla Roadster II: anche la sportiva di Palo Alto ne ha da vendere

La seconda generazione della sportiva elettrica californiana mette sul piatto una scheda tecnica - per ora solo dichiarata - che farebbe impallidire anche la più agguerrita delle supercar: grazie a 3 motori elettrici si parla di uno 0-100 in meno di 2'', oltre 400 km/h di velocità e un'autonomia di oltre 1.000 km. La Tesla Roadster II - nelle intenzioni di Elon Musk - punta a fare a pugni con le più celebri sportive del pianeta come Ferrari, Lamborghini, Porsche... Ci riuscirà? Il prezzo parte da circa 200.000 euro e la versione definitiva dovrebbe arrivare entro la fine dell'anno.

VOLKSWAGEN ID.4

Volkswagen ID.4: il SUV elettrico sarà ordinabile negli USA dal 23 settembre

Volkswagen ID.3 è già ordinabile sul sito, arriverà nel 2021 e ha appena stabilito un record da 500 km con una ricarica. Ma in quel di Wolfsburg non perdono tempo e hanno già un'altra auto elettrica quasi pronta per il lancio. È la Volkswagen ID.4. Sarà presentata il prossimo 23 settembre e ordinabile già dallo stesso giorno. Tutto online. Il SUV VW debutterà presumibilmente con versione a trazione posteriore e motore da 204 CV e 310 Nm di coppia, per poi arrivare in seguito anche con una 4x4 da 305 CV e 450 Nm. Superiore ai 500 km l'autonomia, mentre l'arrivo è previsto per il 2021.

VOLKSWAGEN ID.6

Volkswagen ID.6: il SUV grande arriverà nel 2022 iniziando dalla Cina

Anche il fratello maggiore di ID.4 è una delle novità elettriche del prossimo futuro. Stiamo parlando di Volkswagen ID.6, il big SUV a 7 posti della Casa tedesca, recentemente avvistato in fase di test sulle strade austriache. Dalle ultime indiscrezioni, pare che sarà equipaggiato con due diverse configurazioni di motore, da 300 e 410 CV, con un'autonomia rispettivamente di 450 e 600 km. A differenza del fratello minore, ID.6 sarà proposto esclusivamente in versione dual motor con trazione integrale. L'auto sarà prodotta e commercializzata - almeno inizialmente - in Cina, a partire dal 2022.


TAGS: auto elettriche suv elettrici auto elettriche novità 2021 auto elettriche novità 2022 auto elettriche novità 2023