Autore:
Andrea Rapelli

PULITI MA VELOCI Le declinazioni della gamma Smart non si contano ormai più: a Ginevra vedremo un'interessante e pepata digressione nel campo dell'elettrico, con la Smart Brabus Electric Drive. Per dire che auto ecologica non significa assolutamente auto lenta...

VERDENERA Il sottile cambiamento di sguardo (fanali specifici), un kit di minigonne, i cerchi in nero lucido e la griglia anteriore a nido d'ape costituiscono i pochi ritocchi su cui può contare la Smart Brabus Electric Drive. Senza dimenticare, ci mancherebbe, cellula Tridion e calotte degli specchi in verde acido, così come numerosi dettagli interni.

KW DA VENDERE Rispetto alla normale, il motore elettrico della Smart Brabus Electric Drive beneficia di 5 kW aggiuntivi, arrivando a quota 60. Il che, tradotto, significa 82 CV e ben 135 Nm di coppia, disponibili tutti fin dal primo millimetro di corsa dell'acceleratore. La ciclistica è stata adeguata con l'abbassamento generale dell'assetto di circa 1 cm.

FATECI LARGO Come ogni Brabus che si rispetti, anche la Smart Electric Drive avrà la sua bella tonalità di scarico. Ma, vista e considerata l'impossibilità di far emettere gorgoglii al motore elettrico, ecco che interviene l'elettronica e piazza lì un bel sound da V8 registrato. Con un duplice intento: avvisatore acustico per pedoni e appagamento dell'ego di chi guida.


TAGS: smart brabus electric drive Tutte le novità del Salone di Ginevra 2012, l'elenco aggiornato