Autore:
Salvo Sardina

INCOGNITE DEL VENERDÌ La “cura” Spa sembra aver rivitalizzato la Ferrari. Vero, è solo il venerdì del Gran Premio del Belgio, ma le due Rosse di Sebastian Vettel e Charles Leclerc sono riuscite a monopolizzare la prima fila virtuale in entrambe le sessioni di prove libere. Chiaro a tutti è però che questo non significa automaticamente portare a casa la prima vittoria della stagione, specialmente perché nei long run le due vetture di Maranello non sono sembrate all’altezza delle Mercedes, almeno per quanto riguarda il passo gara e il modo di trattare le coperture Pirelli. Insomma, le incognite sono un po’ quelle solite dei venerdì, ma è altrettanto vero che andare a dormire da primi della classe non può che fare piacere agli uomini Ferrari.

OCCHIO AL SETTORE 2 Come sempre, dunque, la chiave sarà quella di trovare il modo di far funzionare le gomme per più di un giro, ma anche di avere il giusto bilanciamento tra settori guidati e veloci. Lo sa bene anche Sebastian Vettel, che ormai da settimane ripete sempre lo stesso mantra: “Siamo competitivi quando ci sono i rettilinei, meno nei tratti guidati. Chiaramente è una cosa che già sapevamo, di sicuro c’è da lavorare soprattutto nel secondo settore e nel feeling che la macchina ci dà in quel tratto di pista. La gara, poi, sarà più lunga di un solo giro, ma oggi è venerdì e altre volte abbiamo visto una situazione del genere”.

F1 GP Belgio 2019, Spa: Sebastian Vettel (Ferrari) nel secondo settore del tracciato

LOTTA PER LA POLE I migliori tempi delle prime due sessioni di libere – Vettel ha comandato le PL1, prendendosi sei decimi da Leclerc (a causa di un giro non perfetto) nella seconda sessione – non bastano dunque a lasciar sereni i ferraristi: “La cosa più importante sarà avere le scarpe giuste domenica. Sono convinto che anche il sabato mattina sarà buono, poi vedremo cosa accadrà nel pomeriggio. Certo non possiamo dare niente per scontato, è chiaro che nella lotta per la pole in qualifica ci sarà anche la Mercedes”. Occhio anche alle temperature, date in netto crollo nella giornata di domenica: “No, non sono preoccupato. Vedremo, anche perché la cosa sarà uguale per tutti. Ovviamente è difficile proiettarci già a domenica, di sicuro c’è ancora del lavoro da fare”.


TAGS: ferrari formula 1 spa vettel f1 GP Belgio f1 2019 BelgianGP 2019