Autore:
Matteo Larini

PRIMA FILA ROSSA Su una pista in cui tutti si aspettavano un vantaggio per le SF90, la Ferrari è effettivamente riuscita a mettere entrambe le monoposto in prima fila, potendo così mettersi nelle condizioni migliori per lottare per la vittoria, anche se al venerdì il passo Mercedes era migliore e il loro consumo delle gomme era inferiore. Il dato sorprendente, su una pista tecnica e difficile, è però il distacco patito da Vettel (2°) rispetto al compagno Charles Leclerc, veramente ‘on fire’, come direbbero i colleghi inglesi, sulla pista delle Ardenne.

SETTE DECIMI Il divario patito da Vettel è molto ampio, e raggiunge i sette decimi di secondo nonostante nel primo settore il tedesco sia stato più veloce per 7 millesimi rispetto al giovane monegasco. Il tedesco è quantomeno riuscito a mettersi davanti ad Hamilton per pochi centesimi, anche se a penalizzare in parte le qualifiche del campione di Heppenheim è forse stata la posizione in pista, come spiega lo stesso Sebastian: “Non è male la prima fila, però ero troppo in coda per la pole. Questo non aiuta, ma niente scuse, dobbiamo concentrarci sulla gara per domani”.

PASSO GARA Nonostante il ritmo della Ferrari non sia sembrato molto competitivo nelle prove del venerdì, Vettel professa serenità in vista del Gran Premio, che dovrebbe vedere un vistoso calo delle temperature, previste intorno ai 20 gradi centigradi: “Pensiamo di avere un buon passo e spero di poterlo dimostrare, anche sul long-run. Penso che domani col fresco andremo meglio, andava già meglio oggi quindi vedremo. La temperatura dovrebbe calare ancora nella notte e questo dovrebbe aiutarci”.


TAGS: ferrari vettel Hamilton GP Belgio spa-francorchamps leclerc f1 2019 belgio SF90 BelgianGP 2019