Pubblicato il 01/03/21

TALENTO TEDESCO Un pilota dal talento eccezionale e dalla fame incessante per la vittoria. Tutto questo ha permesso a Sebastian Vettel di conquistare quattro titoli mondiali con la Red Bull ed essere considerato uno dei più talentuosi piloti che stanno correndo nella massima serie. È inoltre detentore di diversi record, come quello di pilota più giovane ad aver vinto un campionato mondiale di Formula 1 e ad aver ottenuto una pole position.

ALTI E BASSI

Dopo i quattro titoli mondiali 2010-2013 con la super Red Bull di Adrian Newey, e un'annata deludente nel 2014, con il passaggio di Sebastian alla Ferrari, tutti i fan del Cavallino Rampante si aspettavano di aver trovato, finalmente, il degno erede di Michael Schumacher: tuttavia il biennio inizialmente trascorso al volante della Rossa si è dimostrato più difficoltoso del previsto, con tanti ottimi risultati ma anche con diversi scivoloni. Il debutto del 2015 sembrava essere molto incoraggiante visto il terzo posto finale in classifica... E invece il 2016, alla fine, è andato decisamente peggio: quattro terzi posti, tre medaglie d'argento, nessuna vittoria (l'anno precedente ne aveva conquistate ben tre) e la quarta posizione nella generale sono stati il segnale che qualcosa non era andato secondo i piani.

UN 2017 DA LEONE

Nel 2017, invece, Vettel è riuscito a debellare (quasi) tutti i fantasmi del suo recente passato in rosso: la vittoria all'esordio in quel di Melbourne gli aveva dato la fiducia di poter lottare, finalmente, per il titolo mondiale, sostenuto da una SF70H decisamente più competitiva rispetto alle dirette antenate. Gli errori commessi nel trittico asiatico, tra i quali l'incidente in partenza nel GP di Singapore e il ritiro per una candela guasta durante quello del Giappone, non gli hanno permesso di lottare fino alla fine con Lewis Hamilton, che in ultimo è stato capace di portare a casa il suo quarto titolo mondiale.

IMPARARE DAGLI ERRORI

Scivoloni che hanno condizionato la sua guida, ma non il suo spirito da combattente: nel 2018, Seb ha condotto tutta la prima parte di campionato tenendo testa a Lewis Hamilton. Il grave errore commesso in Germania, quando è finito a muro sotto la pioggia mentre si trovava al comando della gara, ha però minato ulteriormente le certezze del ferrarista, poi ancora sconfitto dal grande rivale della Mercedes. Nella 2019, poi, qualche altra sbavatura accompagnata dalla a tratti difficile convivenza con il giovane ma ingombrante Charles Leclerc. Il risultato finale? Un quinto posto in classifica mondiale che ha lasciato tanta delusione...

ASTON MARTIN, L'OCCASIONE PER RIPARTIRE

La mancanza di risultati ha poi portato al deterioramento dei rapporti con il team principal Mattia Binotto, che alla vigilia del mondiale 2020 ha annunciato la decisione Ferrari di sostituirlo con Carlos Sainz. Protagonista di una stagione da separato in casa e assolutamente da dimenticare per prestazioni e risultati,  Sebastian si è accordato con la neo arrivata Aston Martin per portare il suo bagaglio di esperienza a un team che ha ambizioni importanti. Sarà lui l'uomo giusto per puntare in alto?

F1 Test Bahrain 2021, Sebastian Vettel (Aston Martin)

SEBASTIAN VETTEL: STATISTICHE IN F1

Nome Sebastian Vettel
Nazionalità  Germania
Team Aston Martin Racing
Numero #5
Età 33 (3 luglio 1987)
Altezza 176 cm
Peso 62 kg
GP disputati 257
Vittorie 53
Pole position 57
Podi 121
Giri più veloci 38
Titoli piloti 4
Debutto in F1 GP Stati Uniti 2007

Statistiche aggiornate al Gp Abu Dhabi 2020


TAGS: formula 1 sebastian vettel f1 aston martin racing Stagione F1 2021