CHECO PEREZ In Formula 1 c'è la rossa, la Ferrari ovviamente, e la "rosa", la SportPesa Racing Point. E così, nel weekend più rosso dell'anno siamo andati controcorrente, incontrando Sergio "Checo" Perez nell'Hospitality del team rosa (e blu). Il pilota messicano, giunto settimo nel Gran Premio d'Italia con un bellissimo recupero dalle ultimissime file, sabato pomeriggio ci ha raccontato innanzitutto quali sono stati i motivi che l'hanno portato a scegliere di legarsi per tre anni alla scuderia anglo-canadese.

FUTURO ROSEO "È tempo per il team di guardare al futuro, penso che abbiamo un buon piano per la Formula 1" - ha esordito Perez, tra un cubetto di parmigiano e una fetta di bresaola - "SportPesa Racing Point ha gettato una buona base per il futuro, vedo i prossimi anni veramente promettenti. Ci sono cose che bollono in pentola... Penso che il prossimo anno potremo vedere un altro grande cambiamento del team e potremmo essere una grande sorpresa. Non solo il prossimo anno, nei prossimi anni quando ogni cosa sarà al proprio posto saremo veramente forti."

AUTO EQUILIBRATA A Monza la SportPesa Racing Point ha performato bene, così come in Belgio. In passato le piste a basso carico erano il punto forte delle vecchie Force India, ma oggi, nonostante questi due discreti weekend, non sembra essere più così "Penso che il vantaggio che avevamo sul dritto è andato. Ora il motore Mercedes non è più il migliore in quel settore, e gli altri hanno chiuso molto il gap. Certo siamo andati bene in Belgio, e anche a Baku dove ci sono bei rettilinei, ma ora siamo più equilibrati come prestazioni."

MONZA 2012 Sergio ci ha anche raccontato i suoi ricordi del podio del 2012 a Monza, quando arrivò secondo alle spalle di Lewis Hamilton al volante di una Sauber: "Salire su quel podio è stata una cosa bellissima, i tifosi erano tutti per me perché ero un membro del team giovani della Ferrari, erano molto contenti di vedermi lì, non molto di vedere anche Hamilton che aveva vinto, ma per me è stato molto emozionante. Quel ricordo è sempre uno dei più speciali."

OTTIMISMO Sergio ha spiegato anche cos'è cambiato nel team nell'ultimo anno, dall'avvento di SportPesa come main sponsor: "È bello averli come partner, condividono la nostra passione e sono molto entusiasti, sono i primi a credere che il team crescerà molto nei prossimi anni, è fantastico averli come partner, hanno 'scommeso' su di noi.". L'ultimo pensiero di Perez è per la stagione corrente, in cui i risultati non sono ancora eccellenti, nonostante alcuni aspetti positivi come il budget aumentato: "I cambiamenti in Formula 1 però arrivano in modo molto lento, io credo che vedremo la vera forza del team il prossimo anno. Da quest'anno ovviamente mi aspettavo di più, ma come ho detto, è un anno di transizione, occorre pazienza e le cose andranno molto bene per noi."


TAGS: formula 1 sergio perez f1 2019 Racing Point GP Italia F1 ItalianGP 2019 GP Italia 2019 SportPesa Racing Point SportPesa intervista Sergio Perez