DOMINIO INTERROTTO Si erano abituati bene alla Mercedes nei weekend italiani: buon cibo, clima discreto (non è sempre stato splendido...) e vittorie su vittorie, ben cinque negli ultimi cinque anni (4 con Hamilton e 1 con Rosberg): un dominio. Ma i domini, come si sa, sono sempre a rischio di essere interrotti, ed è quello che è accaduto oggi al Gran Premio d'Italia. Charles Leclerc ha posto fine alla striscia vincente delle Frecce d'Argento, che hanno provato in tutti i modi a contrastare il campioncino monegasco, senza riuscirci.

RESPINTO! Per quattro quinti di gara ci ha provato Lewis Hamilton: respinto alla partenza, respinto nel tentativo di undercut al pit-stop, respinto nel tentativo di sorpasso alla Roggia, con una manovra al limite del regolamento dello sfrontato Leclerc. Il britannico, leader incontrastato del mondiale, si è poi messo fuori gioco da solo con un errore alla chicane al giro 42, mentre da dietro stava rientrando di gran carriera Valtteri Bottas, con gomme molto più fresche delle sue. Ci sarebbe stato lo scontro intestino alla scuderia tedesca, oppure avrebbero fatto gioco di squadra?

TEAM WORK La risposta ce la fornisce Lewis: "Non credo di aver perso la gara per il mio errore, le mie gomme stavano comunque finendo e Valtteri mi avrebbe presto superato. Io lo avrei fatto passare perché era molto più veloce di me, di un secondo al giro, quindi sarebbe stato intelligente dargli la possibilità di vincere la gara. Alla fine mi ha passato comunque perché sono andato fuori pista." - sulla gara del giovane rivale, che dopo il Bahrain consolava e che ora teme e rispetta, Lewis ha aggiunto: "Charles ha fatto un gradissimo lavoro, congratulazioni a lui e alla Ferrari. È stato costantemente sotto pressione da me e da Valtteri, ma seguire così da vicino distrugge gomme e loro erano troppo veloci in rettilineo."

DIREZIONE GARA... Lewis Hamilton ha descritto infine le fasi di gara che l'hanno visto duellare con Leclerc: "La battaglia con Charles è stata lunga ma non particolarmente movimentata. Sono sempre stato lì a un secondo e poco più. Ci ho provato dando tutto me stesso ma lui era troppo veloce in rettilineo e nemmeno con il DRS aperto riuscivo a recuperare, non c'era nulla che potessi fare. L'episodio della Roggia? Bisogna essere coerenti con le regole e penso che in Direzione Gara oggi si siano alzati dalla parte sbagliata del letto. Con Charles ci sono stati un paio di episodi in cui eravamo molto vicini, ma penso che ne discuteremo in privato“.

BOTTAS DELUSO Non ha molto da dire invece Valtteri Bottas, che non riesce a sfruttare una buona opportunità di rosicchiare punti al suo compagno e guadagnare posizioni nelle gerarchie Mercedes. Il rinnovo contrattuale è arrivato presto per il finlandese, ma la gara di oggi non depone a suo favore: "La nostra strategia è stata buona, o almeno credo. Ho allungato il mio primo stint e ho poi avuto alcune chance da giocarmi alla fine. Ho dato tutto quello che avevo per prendere Charles, ma non c'è stato modo di passarlo. erano troppo veloci in rettilineo. Io ci ho provato ma era davvero difficile oggi, ho provato in ogni modo e utilizzando tutte le mappature a mia disposizione, ma non ha funzionato."


TAGS: mercedes formula 1 valtteri bottas lewis hamilton f1 gp italia f1 2019 ItalianGP 2019 GP Italia 2019