Autore:
Paolo Sardi

PRIMADONNA Sotto i riflettori del Salone di Ginevra la Seat Leon ST 4Drive avrebbe sicuramente fatto da ballerina di fila, lasciando il centro della ribalta a ben altre étoile. All'Auto Show 2014 di Vienna, invece, la nuova versione a trazione integrale della familiare spagnola può fare la primadonna, per di più davanti a un pubblico che quanto a montagne e neve non si fa mancare nulla.

I CHIP AL POTERE Assolutamente identica da un punto di vista estetico alle sorelle a due ruote motrici, la Seat Leon ST 4Drive nasconde sotto il pianale un sistema Haldex di ultima generazione (la quinta, per la precisione), con una frizione multidisco a bagno d'olio, un attuatore idraulicio e una centralina elettronica che fa da direttore d'orchestra. A lei spetta in compito di coordinare il lavoro dell'EDS e dell'XDS, per una ripartizione mirata della coppia tra i due assi (di norma vengono privilegiate le ruote anteriori) e, in curva, tra le ruote dello stesso asse. La presenza degli organi della trasmissione non penalizza la capacità di carico, che va da 587 a 1.470 litri.

SOLO DIESEL La Seat Leon ST 4Drive è proposta con due motori, entrambi a gasolio. Da aprile si potrà avere la versione 1.6 TDI da 105 cv e 250 Nm, che scatta da 0 a 100 in 12 secondi netti, raggiunge i 187 km/h e si accontenta di 4,5 l/100 km. Nel corso dell'estate arriverà poi anche la 2.0 TDI da 150 cv e 320 Nm, che ferma il cronometro dopo 8,7 secondi nella prova di accelerazione, tocca i 212 km/h e sorseggia 4,8 litri nei 100 km del ciclo misto di omologazione.


TAGS: seat leon st 4drive Salone di Ginevra 2014: tutte le novità