Prova

Toyota Land Cruiser 150


Avatar di Mario Cornicchia , il 07/05/10

11 anni fa - Fuoristrada vero tra i pochi sopravvissuti ma anche auto tuttofare per spazio e comfort. Al prezzo di una wagon large.

Fuoristrada vero tra i pochi sopravvissuti ma anche auto tuttofare per spazio e comfort. Al prezzo di una wagon large.

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2010, composto da 85 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2010 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SQUADRATO TIRATO Lo stile rimane sostanzialmente quello piuttosto squadrato della precedente Land Cruiser ma rivisitato profondamente. Il frontale sembra ora tirato all'indietro da un lifting, le fiancate abbassano i rigonfiamenti per far risaltare le bombature dei parafanghi, anch'esse prolungate verso la coda, e in coda spuntano luci così tridimensionali che si vedono sporgere perfino nei retrovisori. Due le versioni, tre porte e cinque porte, con la lunga più proporzionata nel digerire meglio gli sbalzi pronunciati.

INTERNO LEXUOSO L'abitacolo è curato nel disegno e nei materiali, nulla a che vedere con la spartanità di un vero fuoristrada ma è più vicino agli standard Lexus. La plancia è dominata dalla consolle-totem centrale color alluminio in cui è annegato anche lo schermo multifunzione, il cruscotto mette all'ombra due strumenti circolari tra cui è montato un visore digitale multifunzione da 4,2 pollici. L'attenzione allo spazio per un mezzo che nasce per le traversate desertiche è meticolosa, con numerosi vani per bottiglie, lattine e piccoli oggetti sia sul tunnel centrale, sia sulle portiere. Il bracciolo centrale nasconde anche un mobile bar, un vero minifrigo capace di quattro bottiglie grandi.

SOTTOCCHIO Di serie tutte le Land Cruiser 150 mostrano sullo schermo centrale cosa avviene in coda durante la retromarcia grazie alla telecamera posteriore. Le Land automatiche di serie hanno, oltre al Back-Monitor, anche l'Offroad-Monitor, molto utile peraltro anche come city-monitor. Tre telecamere, una montata davanti come un naso e due sotto gli specchi, riprendono davanti e ai lati e riproducono le tre immagini ben legate sullo schermo, con una visione realistica e facile da interpretare. Allo stesso tempo sullo schermo appare anche una visione di tutta la fiancata destra. Il sistema si attiva con un pulsante sul volante e può attivarsi anche automaticamente a bassa velocità. È utile in fuoristrada per vedere gli ostacoli e mettere le ruote al posto giusto, magari quando in salita su un picco sembra di finire nel vuoto. Ma anche nei posteggi del supermercato.

SETTE POSTI Nella versione corta (431x188cm) i posti sono cinque mentre la versione lunga (476x188cm) ospita fino a sette passeggeri e 104 litri per i bagagli, con i due posti dell'ultima fila adatti anche ad adulti che scompaiono sotto il piano di carico facendo spazio a 554 litri per i bagagli se si viaggia in cinque o a 1833 litri, con un piano lungo 1955cm come un piccolo furgone, se si viaggia in due.

QUATTRO GRANDI CILINDRI Il motore è un quattro cilindri tremila a gasolio, con 173 cavalli e 410 Nm di coppia massima tra 1600 e 2800 giri per 175 km/h e il tempo per accelerare da 0 a 100 km/h è dichiarato uguale per le due versioni, 11,7 secondi, malgrado una differenza di peso di 235kg, da 2130 a 2365kg. Cambiano invece i consumi, da 8 a 8,1 litri per 100 km nel ciclo combinato. Cambio manuale a sei marce o automatico a cinque marce, entrambi con riduttore.

VICTORINOX La Land Cruiser è una delle vere fuoristrada rimaste, con una dotazione per l'offroad completa come quella di un coltellino svizzero. Dalla carrozzeria poggiata su un telaio a longheroni al ponte rigido posteriore, legato alla carrozzeria da uno schema multilink. Per la Land Cruiser 150 cinque porte sono di serie, per tutte le versioni con il cambio automatico sono di serie anche le sospensioni pneumatiche adattive a controllo elettronico AVS, che consentono di selezionare il tipo di risposta, tra Comfort, Standard e Sport, e (optional) la sospensione pneumatica posteriore autolivellante che, insieme alla sospensioni AVS, regola anche l'altezza da terra che, nella configurazione standard è di 23 centimetri.

KDSS Vince il premio per l'acronimo più impronunciabile il Sistema di Sospensione Dinamica Cinetica, di cui è dotata, anche in questo caso, soltanto la Land Cruiser cinque porte. In pratica il sistema stabilizza l'auto grazie a cilindri idraulici anteriori e posteriori interconnessi tra loro, evitando rollio e beccheggio su strada ma lasciando libero il twist sui due assi in fuoristrada. Nel tempo libero le KDSS si preoccupano anche di smorzare le vibrazioni sui fondi difficili.

VEDI ANCHE



SI FA LA PERMANENTE La trazione è integrale permanente, normalmente distribuita da un differenziale centrale Torsen al 40% sulle ruote anteriori, pronto però a cambiare lo schema fino a 30-70% con il controllo attivo della trazione A-TRC che provvede a bloccare le ruote che slittano per non disperdere potenza. Da vera fuoristrada, però, il differenziale centrale è di serie bloccabile al 100% così com'è bloccabile anche quello posteriore nelle versioni con il cambio automatico, entrambi con comando elettrico.

STILE CRAWL Al cambio automatico è abbinata anche la novità fuoristradistica della Land Cruiser 150, la funzione Crawl, che si attiva quando già si sono selezionate le ridotte grazie al pomellone sulla consolle centrale. Si regola la velocità desiderata su cinque posizioni e la Land Cruiser mantiene la velocità sia in discesa, come un Hill Descent Control, sia in salita, dosando la motricità su ogni ruota regolando motore e freni.

MULTI-TERRAIN SELECT A completare la dotazione elettronica c'è anche il Multi-Terrain Select con cui si prepara la Land Cruiser al terreno che si sta per affrontare. Grazie ai comandi al volante si seleziona nel menu Multi-Terrain il tipo di terreno, come sabbia e fango o roccia, e i sistemi elettronici di controllo, dall'Abs all'Esp, si predispongono a reagire al meglio alle insidie offroad.

A METRO CUBO I prezzi della Land Cruiser 150 sono interessanti, soprattutto per la versione lunga. La corta costa da 41.200 euro per la versione con cambio manuale, a 44.700 euro per l'automatico fino a 48.200 per la Executive con interni in pelle e tetto apribile. La Land Cruiser 150 lunga si mette in competizione con le grandi wagon per la taglia e con i grandi SUV e le grandi monovolume per lo spazio, a un prezzo che parte da 47.800 euro per la versione con cambio manuale, con KDSS, sospensione attiva posteriore, fari allo xeno adattivi, airbag per le ginocchia, vetri scuri posteriori, sintolettore con caricatore per 6 Cd, vivavoce Bluetooth, minifrigo, sensori pioggia e posteggio e climatizzatore automatico bizona; 51.300 per l'automatica che aggiunge Crawl, Back e Offroad- Monitor e Multiterrain, e 61.200 per la Executive Plus, con interni in pelle, sedili anteriori regolabili e riscaldabili elettricamente, tetto apribile, climatizzatore separato per i posti posteriori, sospensioni attive AVS, differenziale posteriore bloccabile elettricamente, navigatore full map con hard disk da 40GB e terza fila di sedili ripiegabile elettricamente.

COME VA Che sia un vero fuoristrada ci si accorge quando si sale a bordo. La Land Cruiser è davvero alta (184,5cm la 5 porte) e il predellino non è soltanto di bellezza o soltanto per i più bassi, è un aiuto che anche i normotipi spesso usano. L'altezza elevata da terra comporta anche una visione panoramica dal posto di comando e la qualità degli interni fa subito passare l'effetto fuoristrada e si passa presto all'effetto attico.

MONOVOLUME Lo spazio è decisamente abbondante per tutti e per tutto sfruttando l'effetto grattacielo, paragonabile più a quello offerto da una monovolume grande piuttosto che a quello disponibile su una wagon di pari misura. All'esterno sembra grande quanto un pullman ma gli ingombri sono decisamente inferiori a quelli di grandi wagon come Bmw Serie 5 touring e Audi A6 Avant, o di grandi SUV come Bmw X5 e Audi Q7. All'interno lo spazio è più abbondante in tutti i casi.

GOMMA DEL PONTE Entrambe le versioni si lasciano guidare senza far pensare troppo alla natura offroad della Land Cruiser, con il ponte rigido posteriore che in curva non stacca mai la ruota interna da terra, nemmeno su tornanti sterrati e ripidi come scale a chiocciola. Entrambe sono anche maneggevoli, con un diametro di sterzata facile in rapporto alle dimensioni, 10,4 metri per la tre porte e 11,6 per la cinque porte.

TREMILA BRILLANTE Alla guida la Land Cruiser 150 non è una libellula ma si lascia guidare bene, grazie alla vista panoramica ma anche grazie alle sue doti dinamiche, e la differenza tra le due versioni, corta e lunga, è sensibile. Checché ne dica la scheda tecnica il peso si sente in accelerazione e se il tremila sulla versione tre porte sembra anche un motore brillante, quasi esuberante, sulla versione cinque porte è un buon motore agile e non sottodimensionato ma meno esuberante.

TRE PORTE AL GUINZAGLIO Dal canto suo, però, la versione cinque porte ha un migliore equilibrio di guida. La tre porte tende a rimanere meno parallela alla strada, con un sensibile beccheggio in accelerazione e soprattutto in frenata, con il naso che punta verso il basso anche quando si rallenta per fermarsi al semaforo. Anche in curva la carrozzeria è meno ferma e la tre porte richiede manovre precise e delicate per ottenere una guida efficace e veloce. Non si capisce perché gli stabilizzatori KDSS per lei non siano nemmeno disponibili come optional.

CINQUE PORTE STABILE La cinque porte è invece molto più equilibrata. Le sospensioni a controllo elettronico delle versioni automatiche, poi, e gli stabilizzatori KDSS rendono la Land Cruiser ancora meglio piazzata sulle quattro ruote, con rollio e beccheggio sempre molto contenuti. Diventa anche più precisa nell'impostare e nel seguire le traiettorie e meno sensibile a manovre brusche e di emergenza. Decisamente più SUV nella guida, sempre tenendo conto del peso e delle sue gomme taglia 265/60 R18 più tuttofare che stradali pure.

EFFETTO PULLMAN Per entrambe le Land Cruiser 150 il comfort di viaggio è eccellente. La forma squadrata, l'aerodinamica apparentemente da cassaforte e gli specchi grandi come TV non producono il minimo fruscio aerodinamico e anche dalle grandi ruote semifuoristradistiche non si percepisce alcun fastidioso rombo di rotolamento. Il motore è la principale fonte di rumore ma gira a bassi regimi e non diventa mai fastidioso. Alta da terra e ben ammortizzata, in autostrada fa sentire a bordo di un pullman.

NATA LIBERA Fuoristrada ben addomesticata su asfalto, la Land Cruiser è una vera selvaggia appena la strada si fa polverosa. Con lo stesso comfort viaggia su buche e sassi, quasi il terreno non fosse cambiato, e con la stessa naturalezza ci si muove su fondi difficili. E quando il gioco si fa davvero duro ha tutte le armi per superare qualsiasi ostacolo. Le sospensioni regolabili la allontanano dagli ostacoli, i differenziali si possono bloccare, con le ridotte ci si arrampica sui muri e, grazie al Multi Terrain System, si adatta la risposta dei sistemi elettronici al tipo di terreno che si sta affrontando, da Mud & Snow, con le ruote che possono slittare per evitare gli insabbiamenti, a Rock e Loose Rock fino a Mogul che va bene per tutte le altre condizioni.

STILE CRAWL E poi c'è il Crawl che, con quattro bracciate, porta la Land Cruiser dove anche il pilota più esperto farebbe fatica ad arrivare. Perché il pilota può gestire con acceleratore e freno le quattro ruote insieme, il Crawl invece lo fa per ogni singola ruota con grande maestria, accelerando quanto serve in salita e frenando le singole per dosare la trazione dove serve. Uno strumento magico che lascia al pilota il solo compito di scegliere il giusto varco tra pietre e massi. E la Land Cruiser si arrampica su muri di roccia su cui, anche a piedi si rischia di scivolare. Se non vi avessi ancora convinto sulle sue doti fuoristradistiche questi sono i suoi dati tecnici: angolo di attacco 32°, angolo di uscita 26°, angolo di dosso 25° la tre porte e 22° la cinque porte, pendenza superabile 42°, angolo di ribaltamento laterale 42°, profondità guado 70 cm.

TUTTOFARE La Land Cruiser 150 è una vera fuoristrada ma è anche tante auto in una. Negli ingombri è una wagon taglia grande, nello spazio a bordo è una monovolume, nella guida è un SUV, sui monti è uno stambecco. Una vera auto tuttofare, con buona pace di chi non ama i SUV.


Pubblicato da M.A. Corniche, 07/05/2010
Gallery
Tutte le prove auto del 2010
Logo MotorBox