Autore:
Luca Cereda

TUTTI FUORI Bmw Active Tourer capitolo secondo. Alla fiera OutDoor di Friedrichshafen (11-14 luglio) va in scena un’inedita  versione della multispazio bavarese presentata in anteprima all’ultimo salone di Parigi, sempre più vicina al passaggio in catena di montaggio. Ancora allo stadio di prototipo, si presenta stavolta nelle inediti vesti di monovolume sbarazzina per il tempo libero,  di qui il nome Bmw Concept Active Tourer Outdoor.

TUTTO DENTRO Non a caso i tedeschi hanno anche scelto, per la Bmw Concept Active Tourer Outdoor, una gioiosa e vistosa verniciatura Gold Race Orange e per gli interni rivestimenti in pelle Moon White e Moon Rocky Grey. Ma soprattutto hanno montato un inedito portabici che, a differenza degli omologhi più comuni, permette di caricare la bici all’interno del bagagliaio tenendola al riparo da graffi e tentativi di furto. Il sistema è poi ripiegabile nel pannello laterale o nel fondo del bagagliaio.

GIOCO DI SQUADRA Quanto alla meccanica dell’Active Tourer, nessuna novità in vista. Questa versione Outdoor ripropone la ricetta ibrida plug-in già vista, con un 1.5 turbobenzina abbinato a un elettrico e alle batterie agli ioni di litio, per una potenza di sistema di 190 cv. L’elettrico può anche spingere anche da solo con un’autonomia di circa 30 km. Il suo merito principale, però, sta nel contribuire ad abbassare i consumi nel ciclo di omologazione a soli 2,5 l/100 km e le emissioni di CO2 a 60 g/km.

TRE ANIME Tutt’altro che disprezzabili sono pure le prestazioni in termini di accelerazione e velocità di punta della Bmw Active Tourer Outdoor, capace di uno 0-100 da circa 8 secondi e di un picco di 200 km/h. Tre le modalità di guida: Comfort, Sport, Eco Pro; quest’ultima riduce le comodità dell’abitacolo (tagliando l’aria condizionata, per esempio) per ottimizzare emissioni e consumi.


TAGS: Tutto sul Salone di Francoforte 2013