IAA 2021 | Video live

Volkswagen ID. Life in video dal Salone di Monaco 2021


Avatar di Claudio Todeschini , il 07/09/21

2 settimane fa - Volkswagen ID. Life, a IAA Monaco 2021 la concept della nuova citycar elettrica

Debutta a Monaco il concept di Volkswagen che anticipa la prossima citycar elettrica da 25mila euro. Il parabrezza si trasforma in un maxischermo
Benvenuto nello Speciale IAA 2021, composto da 37 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario IAA 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

È L’ORA DELLE CITYCAR L’offensiva elettrica procede su più fronti, e quello della mobilità urbana sarà uno dei più caldi nei prossimi anni. Nello stesso giorno in cui smart mostra il suo Concept #1 per il suo primo SUV compatto a zero emissioni, Volkswagen presenta al salone IAA Mobility 2021 di Monaco la nuova ID. Life, che anticipa forme e soluzioni della sua prossima auto elettrica da città. Con alcune soluzioni davvero entusiasmanti. Guarda la nostra video anteprima live dal Salone.

COM’È FATTA FUORI VOLKSWAGEN ID. LIFE

Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 anteriore Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 anteriore

Design lineare, quasi minimalista, con linee tese e muscolose, che provano a re-interpretare il concetto di crossover urbano. L’auto sembra realizzata “dal pieno” in un pezzo unico: non ci sono parti applicate o decorazioni, tutto è integrato e fuso nella carrozzeria. A dominare sono le linee orizzontali del tetto, della linea di cintura dei finestrini ma anche del cofano. 

DIMENSIONI Lunga 4,1 m, larga 1,85 m e alta 1,6 m, Volkswagen ID. Life ha un generoso passo di 2,65 m. Generoso il bagagliaio, con una capacità minima di 410 litri (con il divano posteriore in uso) e 1.285 litri abbassando lo schienale. In questa configurazione possono essere caricati oggetti lunghi fino a 2,25 m. Senza voler strafare nell’off-road, l’auto ha un’altezza dal suolo di 190 mm, e angoli d’attacco anteriore di 26° e posteriore di 37°.

Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 posteriore Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 posteriore

OCCHI IN MOVIMENTO A sviluppo orizzontale anche l’originale frontale, che al posto di fari e griglia ospita un unico pannello luminoso: alle estremità troviamo due cerchi esterni, tagliati sul lato superiore e schiacciati in quello inferiore, che fungono da luci diurne e indicatori di direzione. Di notte compaiono tre file di LED (dal disegno che ricorda i pixel degli schermi del computer), con tecnologia a matrice di LED. Al centro, un terzo cerchio contiene il nuovo logo Volkswagen. Analogo lo stile dei gruppi ottici posteriori, con la differenza che le luci sono rosse, e i pixel centrali si accendono quando si frena.

TETTO REMOVIBILE Originale anche il tetto dell’auto, realizzato con un innovativo tessuto con camere d’aria: questo rende l’auto più leggera, personalizzabile (con diversi disegni, come il tessuto a quadri delle GTI) e soprattutto removibile, per trasformare rapidamente la ID. Life in una “quasi-coupé”.

Volkswagen ID. Life, visuale laterale Volkswagen ID. Life, visuale laterale

AERODINAMICA A filo della carrozzeria le maniglie a scomparsa, per ridurre la resistenza aerodinamica dell’auto. Come su Honda e, i tradizionali specchietti retrovisori sono sostituiti da telecamere che fuoriescono dalla carrozzeria quando si innesca la marcia per partire; sparisce anche lo specchietto interno, sostituito dalle telecamere posteriori, le cui immagini vengono riprodotte su un display da 9 pollici alloggiato nella zona superiore della plancia. Ottimizzati per ridurre i disturbi dell’aria anche i cerchi in lega da 20 pollici.

ABITACOLO SPAZIOSO E MODERNO

Volkswagen ID. Life, gli interni Volkswagen ID. Life, gli interni

VEDI ANCHE



Per entrare in auto occorre guardare verso una telecamera, e lasciare che il software di riconoscimento facciale riconosca il “padrone” e apra le portiere. Una volta a bordo, ci si trova dinanzi a un abitacolo decisamente minimalista, dove dominano colori neutri e pochi dettagli colorati.

COME SUGLI AEREI La plancia rivestita in tessuto non ha comandi né schermi, e non c’è neppure il tunnel centrale: il quadro strumenti è racchiuso nel volante a cloche, discutibile soluzione già vista su Tesla Model S Plaid, con superfici touch per il controllo della direzione di marcia e delle principali funzioni dell’auto (frecce, clacson, tergicristalli). Sul lungo ripiano di legno si trovano annegati i controlli touch dei gruppi ottici e quelli per regolare il climatizzatore. Sulle portiere si trovano i comandi touch a scorrimento per alzare o abbassare i finestrini; nelle piccole tasche sono inoltre integrate basi per la ricarica a induzione dello smartphone.

Volkswagen ID. Life, il parabrezza diventa un maxischermo Volkswagen ID. Life, il parabrezza diventa un maxischermo

COME AL CINEMA I sedili, realizzati con materiali sostenibili e con rivestimenti essenziali, si prestano a una grande versatilità: sia il divano anteriore sia quello posteriore - reclinabile su diverse posizioni - possono essere abbattuti in avanti, creando configurazioni adatte ai grandi carichi, al relax e persino al riposo. Abbassando il divano anteriore ci si può accomodare su quello posteriore, e godersi film o videogiochi su un maxi-schermo retrattile che, fuoriuscendo dalla plancia, copre interamente il parabrezza. Sullo schermo si possono riprodurre i contenuti del proprio smartphone o di altri dispositivi (come console da gioco) alimentati dalla presa a 230V presente nell’abitacolo. Se invece si vuole proprio dormire, basta ribaltare gli schienali dei sedili anteriori e posteriori e ricavare un comodo giaciglio.

Volkswagen ID. Life, i sedili anteriori abbattuti Volkswagen ID. Life, i sedili anteriori abbattuti

ANCHE CARGO L’auto permette di caricare oggetti di lunghe dimensioni, fino a 2,25 metri. La seduta del divano posteriore può inoltre essere messa in posizione verticale per caricare oggetti ingombranti dietro i sedili anteriori. A questo si aggiungono poi numerosi altri portaoggetti: 108 litri sotto il piano di carico del bagagliaio, 68 litri sotto il tetto, e un piccolo spazio da 8 litri sotto il cofano anteriore, perfetto per ospitare il cavo di ricarica. Sempre sotto il cofano si trovano il connettore di ricarica (anche in corrente continua) e una presa da 230 V per alimentare dispositivi esterni.

IL TELEFONO COMANDA TUTTO

Volkswagen ID. Life, il volante a cloche che integra il cruscotto Volkswagen ID. Life, il volante a cloche che integra il cruscotto

Con la applicazione dedicata all’auto, lo smartphone diventa il centro comandi di ID. Life: il dispositivo si appoggia in maniera ferma alla plancia grazie a un supporto magnetico nascosto, e dallo schermo si controllano ventilazione e climatizzazione, navigazione, comunicazione e infotainment (con i contenuti pescati direttamente dal telefono). La selezione dei menu avviene tramite un pannello touch dedicato sul volante o, in alternativa, mediante comando vocale. Le indicazioni sono affidate all’head-up display davanti al guidatore.

SOSTENIBILITÀ UBER ALLES 

L’assenza di parti applicate sulla carrozzeria, stando a quanto sostiene Volkswagen, dovrebbe rendere più semplice un successivo riciclaggio dell’auto. La vernice contiene trucioli di legno riciclato colorati di blu, che conferiscono a ID. Life il particolare look che vedete in queste immagini. In futuro, secondo la casa di Wolfsburg, le carrozzerie potranno essere realizzate del tutto senza necessità di verniciatura. Il tessuto del tetto è realizzato al 100% con bottiglie in PET riciclate, mentre gli pneumatici contengono molti materiali sostenibili (gomma naturale, silice da lolla di riso, olio e resine vegetali e gomma riciclata). 

Volkswagen ID. Life, la tasca nelle portiere per lo smartphone Volkswagen ID. Life, la tasca nelle portiere per lo smartphone

ANCHE LE T-SHIRT Ancora, le cornici in legno di plancia e parabrezza, divano posteriore e lunotto, sono realizzate con materie prime certificate FSC (Forest Stewardship Council); le finiture Artvelours Eco utilizzata dei sedili e dei rivestimenti delle portiere è costituita al 71% da bottiglie in PET riciclate e t-shirt usate, mentre il filo viola delle cuciture decorative è costituito al 100% da PET riciclato.

MOTORE E BATTERIA

Volkswagen ID. Life, la disposizione di motore e batteria Volkswagen ID. Life, la disposizione di motore e batteria

Realizzata su una versione compatta della piattaforma elettrica modulare MEB (che è alla base di tutte le BEV del gruppo Volkswagen, da ID.3 a Skoda Enyaq, passando per Cupra Born e Audi Q4 e-tron), ID. Life è il primo veicolo elettrico del gruppo tedesco a trazione sulle ruote davanti, con il motore montato sull’asse anteriore. Il motore eroga una potenza massima di 234 CV (172 kW) e una coppia di 290 Nm disponibile immediatamente. Velocità massima di 180 km/h, e scatto da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi.  

Volkswagen ID. Life, le ruote da 20 pollici Volkswagen ID. Life, le ruote da 20 pollici

BATTERIA E AUTONOMIA Nel sottoscocca di ID. Life si trova una batteria dalla capacità sfruttabile di 57 kWh, capace di garantire un’autonomia di circa 400 chilometri nel ciclo di omologazione WLTP. Non abbiamo cifre sulla potenza di ricarica, ma Volkswagen afferma che bastano dieci minuti per mettere in saccoccia circa 163 chilometri di autonomia

QUANDO ARRIVA, QUANTO COSTA

Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 anteriore Volkswagen ID. Life, visuale di 3/4 anteriore

La piccola ID. Life anticipa il prossimo veicolo elettrico per la città, che arriverà sul mercato nella sua versione definitiva nel 2025, con un prezzo compreso tra i 20.000 e i 25.000 euro. A seguire, arriveranno modelli analoghi realizzati da Cupra (che già ha presentato la sua concept UrbanRebel) e Skoda.

UNA VIA L’ALTRA Nell’ambito della sua strategia Accelerate, Volkswagen presenterà una nuova vettura elettrica all’anno: nel 2022 sarà la volta di ID.5, la versione coupé di ID.4, a cui seguirà il furgone ID. Buzz, il maxi-SUV ID.6, e quindi la versione definitiva di ID. Life, che potrebbe chiamarsi ID.2. Da qui al 2030 la casa tedesca conta di vendere il 70% di auto elettriche, e portare sul mercato l’ultima auto con motore a combustione interna prima del 2035.


Pubblicato da Claudio Todeschini, 07/09/2021

Tags
Gallery
iaa 2021
Logo MotorBox