Vokswagen ID.2: anticipazioni sul mini SUV elettrico
Anteprima

Volkswagen ID.2: anticipazioni sull'urban SUV elettrico


Avatar di Emanuele Colombo , il 06/08/21

1 mese fa - Volkswagen ID.2: cosa sappiamo del mini SUV elettrico "low cost"

Dalle parole dei boss Volkswagen Herbert Diess e Ralf Brandstätter le anticipazioni sul mini SUV elettrico "low cost"

Ve lo avevo anticipato, Seat e Cupra preparano una citycar elettrica con prezzo compreso tra 20.000 e 25.000 euro da lanciare nel 2025. Parallelamente, anche Volkswagen sarebbe al lavoro su un'entry level a batterie, da proporre nel tentativo di scatenare - e cavalcare - una motorizzazione di massa a emissioni zero. E al pari di quanto già è stato largamente mostrato con Volkswagen ID.3 (qui la prova) e la relativa versione SUV coupé ID.4, c'è da immaginare che alla paventata Volkswagen ID.1 si accosterà una versione crossover Volkswagen ID.2 (forse denominato ID.2 X. Che, anzi, tra le piccole VW potrebbe debuttare per prima, secondo gli ultimi rumor: anche lei entro la fine del 2025.

Rendering della Volkswagen ID.1 in ricarica Rendering della Volkswagen ID.1 in ricarica

DOVE VERRÀ COSTRUITA

Conoscendo l'abilità del gruppo tedesco a sfruttare le sinergie tra i suoi marchi, non è azzardato scommettere su una furba condivisione di piattaforma tra Volkswagen ID.1, Volkswagen ID.2 e le citycar di Seat a Cupra. Addirittura sembra che la linea di produzione per tute le gemelline elettriche potrebbe essere a Martorell, in Spagna, stando a quanto aveva anticipato il CEO del Gruppo VW Herbert Diess alla conferenza dello scorso marzo. E pure Skoda pare destinata a far largo impiego della piattaforma BEV realizzata in casa Seat. Sotto carrozzerie differenti, debutterà una nuova piattaforma chiamata probabilmente MEB Entry, o secondo altre fonti MEB-lite: una versione economica della piattaforma MEB che è alla base delle VW ID.3 e ID.4 come di Skoda Enyaq.

VEDI ANCHE



L'AUTONOMIA PREVISTA

Per adattarsi a budget diversi, ma sempre con un occhio di riguardo al costo del veicolo, potrebbero essere offerti due diversi tagli di batterie: comunque di capacità piuttosto contenuta. La versione d'attacco di ID.2 più economica potrebbe avere un accumulatore da soli 30 kWh, per un'autonomia di poco inferiore ai 200 km, mentre le varianti di fascia alta potrebbero avere un ''serbatoio'' da 45 kWh, che al netto dei pronosticati miglioramenti dell'efficienza dei pacchi batterie potrebbe aggiungere quasi un centinaio di chilometri tra una ricarica e l'altra.

La base di Volkswagen ID.2 e Volkswagen ID.1 sarà la piattaforma MEB semplificata La base di Volkswagen ID.2 e Volkswagen ID.1 sarà la piattaforma MEB semplificata

BATTERIE LOW COST

Per contenere il costo di sviluppo e produzione dei pacchi batterie - addirittura dimezzarlo - il Gruppo Volkswagen dovrebbe dotare i nuovi mini SUV della tecnologia ''a celle unificate'': accumulatori tutti uguali nelle dimensioni, ma riempiti con ingredienti chimici differenti secondo la capacità di accumulo e la potenza richiesta. Per i nuovi modelli economici, si dovrebbe impiegare la tecnologia al Litio-Ferro fosfato (LFP), che rispetto a quelle contenenti Litio, Nichel Manganese e ossido di Cobalto (NMC) hanno un lieve svantaggio nella densità di carica (leggi autonomia), ma sono affidabili e permettono di aggirare la penuria di Nichel: motivi che hanno spinto anche Tesla a farne maggior uso.

LINEA E INTERNI

Non più lunga di una Volkswagen T-Cross - quindi meno di 4,11 m da paraurti a paraurti - la Volkswagen ID.2 (X) dovrebbe avere un cofano spiovente, montanti del parabrezza fortemente inclinati all'indietro, lina di cintura alta, tetto visivamente scollegato dalla parte sottostante e montanti del lunotto piuttosto digradanti, se l'auto seguirà le linee di un bozzetto mostrato di sfuggita su una slide a un evento lo scorso giugno, che si crede possa anticipare proprio il futuro mini SUV elettrico. Rispetto al crossover T-Roc, più grande di almeno una dozzina di centimetri, ID.2 dovrebbe avere cofano molto più corto ma abitabilità simile, grazie alla compattezza tipica delle piattaforme elettriche. All'interno, la plancia dovrebbe essere tutta digitale, come su ID.3 e Golf 8.

Un teaser della Volkswagen ID.2? Un teaser della Volkswagen ID.2?

LA VEDREMO AL SALONE DI MONACO?

Un anteprima in forma di concept della Volkswagen ID.2 potrebbe debuttare al prossimo Salone di Monaco IAA (qui il nostro speciale), a settembre 2021, secondo quanto avrebbe anticipato ad Auto Bild Ralf Brandstätter, CEO di Volkswagen. ''La nostra star della fiera potrebbe essere l'anticipazione di un'auto elettrica che ancora non esiste…circa 20.000 euro, compatta, con caratteristiche che non ti aspetteresti in questa classe'', ha detto il boss tedesco. Se il prezzo finale, al debutto previsto nel 2025, sarà più vicino ai 20.000 o al tetto massimo confermato da Volkswagen di 25.000 euro non è ancora dato sapere, ma continuate a seguirci: vi terremo informati!


Pubblicato da Emanuele Colombo, 06/08/2021

Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox