Autore:
Luca Cereda

ATTO SECONDO Continua la sfida di Cadillac alle solite tedesche premium, anche nel mercato europeo. Stavolta il terreno è quello delle grandi coupé, dove gli americani si preparano a schierare la Cadillac ATS Coupé, appena svelata al salone di Detroit e sorella della ATS berlina già introdotta nel nostro mercato mesi fa. La differenza la fanno un profilo più sexy, per via del padiglione arcuato, e un motore lievemente più prestazionale. In Italia dalla prossima estate, si potrà avere a trazione integrale o solo posteriore.

CADONO LE FOGLIE L’altra importante differenza estetica sta nello scudo. La ATS Coupé, spoglia delle foglie d’alloro, porta al debutto su un modello di serie il nuovo logo di Cadillac, semplificato nel design. A mostrarlo per la prima volta in assoluto era stata la concept Elmiraj. Solo un dettaglio, il nuovo logo? Non proprio: per Cadillac rappresenta infatti il simbolo di un cambio di passo stilistico che interessa, in senso esteso, l’intero rinnovamento della gamma.

PIU’ COPPIA Piccole differenze, tra la Cadillac ATS Coupé e la ATS sedan, le troviamo anche nel motore, un 2.0 litri turbo abbinato a un cambio automatico a 6 rapporti e rivisitato per erogare più coppia. Da 353 si passa a 400 Nm tondi (+47 Nm), limando le prestazioni nello 0-100 km/h di un decimo di secondo (da 5,9 a 5,8 secondi). I consumi, invece, non sono ancora stati dichiarati.

HIGH TECH Capitolo sospensioni: le posteriori sono indipendenti a 5 bracci, mentre all’anteriore troviamo delle multi-link con montante MacPherson con doppio perno e barra antirollio. Pagandole a parte, la ATS Coupé può montare anche le sospensioni sportive Magnetic Ride. Completano il quadro tecnico, tra le dotazioni di rilievo, un set di freni Brembo ed il servosterzo elettrico premium ZF. Quanto agli interni, le chicche sono lo schermo da 8’’ pollici per l’infotainment e l’impianto stereo Bose di serie.


TAGS: salone di detroit 2014 cadillac ats coupé Salone di Ginevra 2014: tutte le novità