My Mercedes-Benz Passion

Una mostra di rarità per il 125° compleanno Mercedes


Avatar di Luca Cereda , il 25/03/11

10 anni fa - I centoventicinque anni di storia Mercedes in una mostra milanese con molte sorprese

Dal triciclo di Benz alla scultura di Geraldine Lloyd passando per oggetti e immagini rare: così Milano festeggia i 125 anni di Mercedes. Fino al 31 luglio.

C’ERA UNA VOLTA Quando Carl Benz depositò il brevetto del suo mitico triciclo, primo veicolo con motore a combustione interna, era il 1886. Da allora ad oggi sono passati 125 anni tondi e dal triciclo sono nate le auto. Non solo le Mercedes. Per ripercorrere l’intera storia con una rapida passeggiata c’è una mostra nella filiale milanese della Stella. Un’occasione ghiotta, se siete appassionati del genere, per vedere alcuni pezzi rari risparmiandovi i chilometri di una gita al museo di Stoccarda.

NON SOLO AUTO La Casa definisce “My Mercedes Benz Passion”, così s’intitola la mostra, "un percorso per rivivere 125 anni di passione”. Questo perché, oltre alle vetture, c’è altro: fotografie, modellini, tecnologia, abiti, filatelia e arredamento, maquette. Tutto in qualche modo fa parte della storia del marchio, il bello sta nello scoprire come e perché. E poi ci sono le Merecedes, chiaramente, alcune strane oltre l’immaginabile, altre in scala ridotta, altre semplicemente d’epoca. L’ospite d’onore è proprio il triciclo di Benz da cui tutto ebbe inizio: lo trovate tra i primi a fare gli onori di casa nella zona riservata alla mostra.

VEDI ANCHE



IL NUOVO CHE AVANZA Tre ruote alte ed esili, pedana e divanetto da calesse, un motore da 577 cc che erogava circa 2 cavalli: per rendersi conto di quanta acqua sia passata sotto i ponti basta guardarsi intorno. A due passi dal triciclo c’è infatti un esemplare della SLR Stirling Moss, la supercar realizzata con McLaren in omaggio al pilota inglese che con le prime SLR dominava il Tourist Trophy e le Mille Miglia degli Anni 50. Ancor più vicino, un passo solo, è esposta invece una SL Roadster del ’54, color avorio con interni bordeaux. Ogni passo del percorso è un continuo rimbalzo tra passato e presente.

FAMOLE STRANE Si resta totalmente basiti, invece, nel vedere una vecchia Mercedes del ’75 trasformata in una scultura, decorata con statue e fronzoli di ogni tipo. Strana pure la sua storia: la macchina era destinata alla rottamazione finché Gerladine Lloyd, donna d’affari inglese che scopre di essere malata di cancro, decide di sfogare il suo estro e tutta la voglia di vivere che ha ancora dipingendo e modellando questa Mercedes per anni, facendole assumere forme sempre più strane. Restando in tema di “famole strane”, poi, non poteva certo mancare un’ “Art Car” con la Stella: quella esposta l'ha realizzata il pittore giapponese Hiro Yamagata sulla base di una 220 cabriolet degli anni Cinquanta dipingendole dei fenicotteri sulla carrozzeria.

FINO ALL’ESTATE Che altro ancora? Di tutto: da un insolito letto matrimoniale a forma di Mercedes (realizzato da una ditta nigeriana che lo vende su richiesta) alle foto di novelli sposini con la loro Mercedes nuziale inviate alla Casa nel corso degli anni, passando per una piccola riproduzione della “Freccia d’Argento” col motore di un tosaerba e il modellino in scala ridotta (1:18) di una 300 SL fatto con i pezzi del Lego. E poi un abito da sera ricavato dalle tute ignifughe dei piloti Mercedes di Formula Uno, un portacipria a stella e una borsa fatta con dei copriruota originali Mercedes. C'è pure la scrivania con alcuni bozzetti di colui che ha inventato la sicurezza passiva, l'ingegnere Béla Baréniy, padre di circa 2500 brevetti degli 80.000 depositati da Mercedes in 125 anni di storia. Per avere un’idea più precisa di ciò che vi attende non resta che dare un'occhiata gallery. Per andare alla mostra, invece, c’è tempo fino al 31 luglio.


Pubblicato da Luca cereda, 25/03/2011
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox