Anteprima

Mini Countryman John Cooper Works... in 145 immagini


Avatar di Luca Cereda , il 10/09/12

9 anni fa - Lavori finiti: arriva a Parigi

I lavori di John Cooper sono finalmente terminati: la Mini Countryman John Cooper Works debutta a Parigi in veste difinitiva. Ve la presentiamo in dettaglio

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE NOVITÀ DEL SALONE DI PARIGI 2012, composto da 86 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE NOVITÀ DEL SALONE DI PARIGI 2012 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

IN QUATTRO PAROLE I soliti duecento e fischia cavalli (ben 218, stavolta) con in più il gusto della trazione integrale permanente ALL4. Questo è quanto mette sul piatto la Mini Countryman John Cooper Works, antipasto del menu targato Mini al salone di Parigi che prevede, a seguire, due succose portate come la seconda edizione della JCW GP e, soprattutto, la Mini Paceman.

COM’E’ Dal debutto allo scorso salone di Ginevra ad oggi, quando al lancio sul mercato è questione di poco, la Mini Countryman John Cooper Works ha richiesto un discreto periodo di gestazione. Ora però tutto è stato definito nel dettaglio: look, specifiche tecniche e prestazioni. Il primo, come sempre, sbandiera il logo del preparatore davanti e dietro, punta sul rosso portafortuna, e monta un kit aerodinamico. Per personalizzare ulteriormente la carrozzeria si offrono Bonnet Stripes rosse, bianche o nere chessivoglia. Di serie cerchi da 18’’ a razze doppie, optional quelli di una taglia in più (19’’).

VEDI ANCHE



CONNESSIONE A PAGAMENTO Smaccatamente sportivo anche l’abitacolo della Countryman JCW, come tradizione vuole. Lo dimostrano il cockpit dal design dedicato, i sedili e volante corsaioli, modanature interne in vernice nera, il cielo del tetto colore antracite, tachimetro e contagiri a quadrante scuro. Tutti di serie. Fanno invece parte della lista degli optional il battitacco JCW, i sedili in pelle Lounge Carbon Black Championship Red e le modanature interne in Chili Red. Pagando, salgono a bordo anche il sistema di altoparlanti HiFi harman/kardon, il navigatore ed il MINI Connected, con cui ascoltare le webradio, smantettare in Facebook e chattare in Twitter.

CILIEGINA ROSSA Se ricco è il bouquet di personalizzazioni, nemmeno la scheda tecnica scherza. Di serie c’è un assetto con molle dalla taratura rigida, barre stabilizzatrici rinforzate e telaio ribassato di 1 cm. Le sospensioni, di tipo McPherson all’anteriore, arruolano un braccio unico centrale al posteriore. DSC, traction control e bloccaggio elettronico del differenziale (centrale e a funzionamento elettromagnetico) sono anch’essi di serie, con un impianto frenante maggiorato dalle pinze rosse come ciliegina sulla torta.

HA I NUMERI E poi c’è il motore, ovviamente, che di base è il ben noto 1.6 turbo, ma che per sposarsi alla Mini Countryman John Cooper Works ha richiesto una messa a punto ex-novo. La ricetta di questo quattro-cilindri prevede la combinazione del  turbocompressore Twin-Scroll con l’iniezione diretta di benzina ed il comando valvole variabile sviluppati sulla base della tecnologia VALVETRONIC di BMW. Con 218 cv di potenza e 280 Nm (con overboost a 300 Nm) di coppia massima, le prestazioni dichiarate si assestano sui 7 secondi netti nello 0-100, 225 km/h di velocità massima e consumi da 7,4 litri ogni 100 km.

Di base, il millesei della Countryman JCW si abbina a un cambio manuale a sei marce, la cui alternativa in sovrapprezzo è un automatico a sei rapporti, eventualmente con palette al volante e funzione Steptronic (per trasformare l’automatico in manuale). Se la scelta ricade sull’automatico (che però alza leggermente i consumi a 7,9 l/100 km), premendo lo “sport button” i tempi di cambiata della Mini Countryman JCW si velocizzeranno; in questa modalità di guida cambia anche la risposta del pedale dell’acceleratore, più pronta, il suono del motore, più coinvolgente, e la servoassistenza, più corposa.


Pubblicato da Luca Cereda, 10/09/2012
Gallery
Tutte le novità del Salone di Parigi 2012
Logo MotorBox