Autore:
Paolo Sardi
Pubblicato il 10/11/2015 ore 00:02

CONTORNO RICCO Da un paio di settimane sappiamo che la novità principale per il 2016 di Triumph è rappresentata dalla famiglia delle classiche: siamo andati a Londra a vederle di persona e ve le abbiamo raccontate per filo e per segno, come dimostrano gli articoli correlati. Ciò non significa però che questo progetto abbia assorbito tutte le energie della Casa. Gli uomini di Hinckley, per la stagione alla porte, presentano dunque anche le Triumph Speed Triple S e Speed triple R 2016 profondamente rinnovate ma pur sempre caratterizzate da un chiaro family feeling. D'altro canto, che senso avrebbe stravolgere un modello iconico e ben riconoscibile anche da chi non è un gran fisionomista?

DOPPIA COPPIA Le Triumph Speed Triple S e Speed triple R 2016 confermano dunque l'impostazione con due terminali di scarico disegnati ex novo accanto al codino, che si rinnova a sua volta ispirandosi a quello della Daytona 675 R e sorretto da un telaietto ausiliario, pure lui fresco di giornata. Sul fronte opposto ci sono due fari che scrutano la strada con sguardo truce e con luci diurne di nuova concezione. Anche i pannelli della carrozzeria hanno un taglio diverso, più atletico, che viene valorizzato sulla versione R dalla presenza del puntale sotto il motore e da inserti per il serbatoio in fibra di carbonio, lo stesso materiale usato anche per il parafango anteriore. Altri segni distintivi della Speed Triple R 2016 sono gli attacchi del manubrio, i risers e il coperchio del perno del forcellone lavorati, oltre alle sospensioni firmate Ohlins, con la forcella a steli rovesciati dorati TTX36 e il mono siglato NIX30. Se poi la S può essere ordinata in Diablo Red o Phantom Black, la R punta invece sui colori Crystal White e Matt Graphite, abbinati a cerchi e particolari rossi.

A TUTTO CAMPO Se l'occhio ha la sua parte, lo stesso si può dire per il polso. Le Triumph Speed Triple S e Speed triple R 2016 montano infatti un motore 1.050 dotato di ben 104 componenti riprogettati e non si tratta di pezzi di poco conto: sto parlando di pistoni, albero motore e testata, cui si aggiungono per esempio blocco motore e radiatore più compatti. Il risultato è che il tre cilindri inglese ora ha più coppia lungo tutto l'arco della curva di erogazione e ha un picco di potenza più alto, con consumi però tagliati del 10% ed emissioni che rientrano nei limiti della norma Euro 4. Ciò per merito anche di un nuovo impianto di scarico e di un sistema ride by wire che comanda il corpo farfallato sul lato alimentazione. L'elettronica fa da ritornello anche ad altri livelli. Le Triumph Speed Triple S e Speed triple R 2016 sono dotate di cinque modalità di guida (quattro preconfigurate, Road, Rain, Sport, Track e una quinta customizzabile), oltre che di Abs e traction control disinseribili. A fare da denominatore comune alle due versioni ci sono infine pinze freno Brembo ad attacco radiale e una nuova frizione antisaltellamento

 

 


TAGS: triumph speed triple Eicma 2015 triumph speed triple r speed triple 2016 speed triple r 2016