Autore:
Matteo Larini

VERSTAPPEN VINCE Ancora una volta, l'unico capace di interrompere il dominio Mercedes (che, va detto, nelle ultime gare è molto meno evidente), è stato l'olandese Max Verstappen, premiato dalla Dea bendata in un Gran Premio folle e ricco di colpi di scena, in cui chi forse ha deluso più di tutti è stato Charles Leclerc, che forse avrebbe potuto vincere, ma è finito a muro quando era secondo e davanti sia a Verstappen che a Bottas. Grazie a questo risultato, Max scappa in classifica dai due ferraristi e si avvicina a Bottas, ritirato al pari di Leclerc.

EMOZIONE In tanti, prima dell'inizio della stagione, si erano chiesti se Red Bull, con il motore Honda, avrebbe potuto vincere una gara in questa stagione. Con oggi, le gare vinte sono due, e questo spiega la grande felicità di Verstappen una volta conclusa la prima complessa gara sul bagnato di questo 2019: "È stata una corsa fantastica, sono contento della vittoria ma è stata davvero complicata perché si dovevano prendere le decisioni giuste al momento giusto e mantenere sempre la concentrazione".

ESPERIENZA Forse più che in altre occasioni, oggi era importante sfruttare l'esperienza per evitare di sbagliare e buttare alle ortiche un risultato di rilievo, proprio ciò che ha fatto Verstappen, tuttavia non esente da sbavature, come lui stesso ha riconosciuto: "Quando abbiamo montato le gomme da asciutto, per un momento ho avuto un piccolo spavento, ho fatto un testacoda ma per fortuna sono riuscito a tornare in pista. Era una questione di non commettere errori, di commetterne il meno possibile, quindi in condizioni così complicate la vittoria è ancora più straordinaria. Si impara con gli anni [a non perdere la testa], sono davvero molto contento di tutta la prestazione quest'oggi".

HORNER SODDISFATTO Il team principal Christian Horner, ai microfoni di Sky, si gode la bella sensazione che regala ogni vittoria, e tesse le lodi di Verstappen, davvero maturato e competitivo in questa stagione, che lo vede indiscusso protagonista quasi ad ogni appuntamento: "Una gara eccezionale per Max, era davvero incredibilmente difficile con questo meteo ma lui ha sempre mantenuto la calma e tenuto la testa sulle spalle". Un plauso va anche ai meccanici, velocissimi in Germania dopo il record mondiale della scorsa gara, ed alla Honda, che ha prodotto una power-unit competitiva: "È stato davvero incredibile lo staff ai box, cinque soste di cui quattro attorno ai due secondi, un lavoro incredibile da parte loro. Honda sta facendo un buon lavoro, anche la Toro Rosso è salita sul podio al terzo posto e questo dimostra i loro progressi".

STRATEGIA Infine, l'inglese ha elogiato lo spettacolo prodotto dalla categoria oggi, che ha regalato una gara emozionante fino all'ultimo metro, per poi spiegare il motivo che ha spinto il muretto a mettere le Medium a Verstappen, in luogo delle Soft a banda rossa: "Una bella gara di Formula 1 quest'oggi, sono davvero felice per Max. Pensavamo che dovessimo provare ad andare fino alla fine, per questo abbiamo messo le gialle, le rosse erano un pochino al limite: ad ogni modo, ci siamo dovuti fermare un'altra volta".

 


TAGS: honda red bull f1 verstappen f1 2019 horner RB15 GP Germania 2019 GermanGP 2019